L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






30 agosto 2014

LA MANO CRIMINALE DI UN PIROMANE IERI HA SCATENATO UN'INFERNO DI FUOCO E PAURA NEL QUARTIERE DI MONSERRATO. LA GENTE MENTRE ERA IN ATTO L'OPERA DI SPEGNIMENTO DA PARTE DEI VIGILI E FORESTALI, HA PROTESTATO A VIVA VOCE, PRENDENDOSELA CON TUTTI PER L'ABBANDONO TOTALE IN CUI VERSA IL QUARTIERE



Agrigento

La mano criminale di un piromane ieri ha scatenato un inferno di fuoco e di paura nel quartiere di Monserrato



Fiamme tra le case. Foto lasicilia.it


La mano criminale di un piromane ieri ha scatenato un inferno di fuoco e di paura nel quartiere di Monserrato. L'incendio è stato appiccato almeno in tre zone diverse e non collegate e ha messo a dura prova i soccorritori e le forze dell'ordine. Decine le persone evacuate dalle proprie case, minacciate da fiamme altissime.
L'intera zona è stata ricoperta da una grossa "nuvola" di fumo, che ha reso l'aria irrespirabile provocando problemi ad anziani e bambini. Sono state distribuite e indossate mascherine per respirare, mentre almeno una ventina di abitanti hanno accusato bruciore agli occhi.
C'è stata anche un'intossicata trasportata in ambulanza all'ospedale San Giovanni di Dio.
Il terrore è iniziato intorno alle 14,30, quando sono comparsi i primi focolai. I piromani incoscienti hanno approfittato della mancata pulizia di terreni privati e del mancato decespugliamento della zona. Un intero quartiero invaso dalla sterpaglia è stato così terreno fertile per delinquenti incendiari che ogni giorno mettono a rischio la popolazione e le case. La gente mentre era in atto l'opera di spegnimento da parte di diverse squadre di vigili del fuoco e operai della forestale, ha protestato a viva voce, prendendosela un po' con tutti per l'abbandono totale in cui versa il quartiere. Ieri qualcuno ha rischiato di rimetterci la vita. Casolari circondanti dal fuoco, case di campagne aggredite dalle fiamme e tra il fuggi fuggi generale e la disperazione della gente, anche il rischio di esplosioni per la presenza di bomboloni del gas, lambite dal rogo. Solo per puro miracolo non c'è scappato il "botto". Da una prima ricostruzione dei fatti, sulla vicenda i carabinieri della Stazione di Villaseta e i poliziotti della sezione Volanti, hanno aperto un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Agrigento, per risalire ai responsabili, il fuoco è stato appiccato tra la campagna di Monserrato e l'area circostante alla cementeria di Porto Empedocle, nelle vicinanze della scuola media, e ancora all'erba secca di un cantiere abbandonato. Danneggiate due abitazioni, una delle quali una parte resa inagibile, l'esterno di alcune cooperative, l'impianto elettrico esterno di una struttura scolastica.
A. Rav.

29 Agosto 2014






Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.