L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






09 settembre 2015

II VESCOVO DI CEFALÙ: L'UOMO TRASCURATO, PRIVILEGIATI I CINGHIALI


DOPO LA TRAGEDIA NELLE CAMPAGNE. Tra gli applausi della gente l'omelia di Manzella nella piazza davanti al Santuario di Gibilmanna. Un monito alla classe politica 

II vescovo di Cefalù: l'uomo trascurato, privilegiati i cinghiali 



 
CEFALÙ 
«Non si può morire sbranati da cinghiali killer». Lo ha detto il vescovo di Cefalù Vincenzo Manzella durante l'omelia che ha tenuto in occasione dei festeggiamenti della Madonna di Gibilmanna di domenica. «Quanti uomini devono essere ancora sbranati - ha continuato il Presule - per giungere a delle decisioni operative e determinate? Vorrei che i politici, quelli di destra, di sinistra, di centro si guardassero in faccia e si chiedessero: perché mai l'uomo non viene messo al centro dell'attenzione che merita e si privilegia il rispetto per i cinghiali?». L'omelia di Manzella è stata più volte interrotta dagli applausi di quanti lo ascoltavano. Nella piazza antistante il Santuario di Gibilmanna, e davanti ad una folla di persone che avevano dato vita alla tradizionale processione per la festa che si tiene sul colle la prima domenica di settembre, il vescovo ha lanciato un vero e proprio allarme sul territorio madonita. «Sulle Madonie si vive di paura - ha tuonato Manzella-e il Parco non è fruibile, è diventato il regno dei cinghiali. Continuando così, solo i cinghiali avranno diritto di cittadinanza e li bertà di distruggere qualunque cosa, mettendo in ginocchio l'agricoltura. A giorni inizierà la vendemmia. Auguro a tutti gli agricoltori, di arrivare in tempo prima dei cinghiali per garantirsi il buon vino di famiglia». Per il vescovo Manzella il problema dei cinghiali non arriva mai a soluzione perché non ci sono dei veri e propri interlocutori. Il presule ha ricordato quanto ha fatto dopo avere appreso della morte di Salvatore Rinaudo, l'uomo chel'8 agosto scorso è stato uccio proprio da alcuni cinghiali mentre si trovava nella sua campagna. «Alla notizia di un uomo aggredito e ucciso da cinghiali - ha detto il vescovo - istintivamente ho preso carta e penna e ho scritto una lettera a non so chi. È veramente strano scrivere una lettera e non sapere a chi indirizzarla. Non basta neppure sfogare la propria indignazione su un foglio di carta. In una Sicilia che arranca, la Sicilia dal fiato grosso, che vive in eterna apnea, che non ha più interlocutori, a chi ti rivolgi? Manca l'interlocutore». All'indomani della morte di Rinaudo il parroco della Calura, don Domenico Messina, aveva deciso di non dare vita a momenti di svago e divertimento durante alcune feste religiose della sua parrocchia. In particolare quella dell'Assunta del 14 agosto, dell'Addolorata del 29 e 30 agosto e di San Francesco, in programma il 12 e 13 settembre. Tra le motivazioni che hanno portato alla decisione il rispetto per il lutto dei familiari della vittima, la mancanza di sicurezza per quanti usualmente salgono durante le feste in qualunque ora del giorno e della sera e il volere richiamare le istituzioni alle loro responsabilità. «Come mai noi dinanzi ad un cinghiale affamato e inferocito, preferiamo salvaguardare l'animale e cerchiamo di stemperare il fatto che un uomo è morto sbranato da una bestia?», si chiedeva don Messina. (·MMC·) 
MARIO MACALUSO 

08 Settembre 2015





ADVERTISEMENT
Notizie correlate:

Emergenza cinghiali, via ai piani di abbattimento. A sparare saranno solo figure selezionate: guardie parco, guardie forestali e guardie venatorie

Figuccia (Fi): "basta tentennamenti e ipocrisia. dopo la tragedia di cefalù e dell'aggressione da parte del cinghiale, servono interventi e norma, per garantire tutele ai cittadini e abbattimento controllato delle specie." a Isnello nasce un comitato

Un anno fa una petizione: ieri il morto innocente. Nessuno è responsabile, non lo sono i forestali che li hanno fatto scappare dal parco, non lo sono i ...Forse l'unico responsabile è il povero Rinaudo che, al pari dello scrivente e degli altri proprietari terrieri, non doveva essere in campagna



















Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.