L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






27 agosto 2018

ANDANDO PER SENTIERI SULL' ETNA: ECCO COSA SI PUO' FARE FRA TREKKING E PIC NIC



Dal sito www.lasicilia.it

Sono diversi gli itinerari che si possono seguire lungo le pendici del vulcano a seconda delle proprie esigenze

26/08/2018
L’Etna conserva un enorme interesse in ogni stagione dell’anno. E a settembre c’è l’opportunità di una serie di itinerari per tutti i gusti e per tutte le esigenze che fanno respirare la Natura di questi luoghi. C’è il sentiero dei Monti Sartorius che è tra i più suggestivi (e tra i più facili). Lungo circa 4 chilometri, è percorribile in due ore circa. Il punto di partenza è nei pressi del Rifugio Citelli, Etna nord est, a quota 1.660 metri. Poi c’è il sentiero – Monte Nero degli Zappini, anche questo lungo circa 4 chilometri. E’ il primo sentiero di trekking realizzato in Sicilia, nel 1991, ed ha un dislivello di circa 200 metri. Si parte dal pianoro Monte Vetore, Etna sud, a quota 1.740.

Un altro sentiero è quello Pietracannone – Cubania. Si parte della case di Pietracannone, a quota 1.150 metri. E’ lungo circa 4 chilometri. L’arrivo è al Rifugio Paternò Castello. Altro sentiero è quello del Monte Sapagnolo che inizia alle Case Pirao, a Randazzo. E’ lungo dieci chilometri circa. Dal Monte Spagnolo si può ammirare la faggeta dell’Etna. Un altro sentiero è quello di Piano Dei Grilli, lungo circa 15 chilometri. Il punto di partenza è la Casermetta Piano dei Grilli, Etna nord est e si arriva fino a quota 1.900.

C’è anche la Pista alto montana dell’Etna, un percorso per veri amanti del trekking: lungo circa 42 chilometri (servono almeno tre giorni per terminare l’itinerario). E’ possibile affrontare il percorso anche in bici. Il punto di partenza è il cancello Demanio Forestale Regionale Feliciusa Milia, a quota 1685 e si arriva alla Caserma Pitarrone, nella Pineta Linguaglossa, a 1421 metri sul livello del mare. L’escursione nella Pista Altomontana è in pratica il giro dell’Etna a piedi. Diversi rifugi gestiti dall’Azienda Regionale Foreste Demaniali, sono dislocati lungo le piste.


Se invece la vostra passione è quella del pic nic di fine estate, Catania e la il suo territorio offrono diverse opportunità. Ad esempio c’è la a Pineta Monti Rossi che si trova lungo la strada provinciale che da Nicolosi porta all'Etna. Troverete aree molto ben attrezzate, tanto che non mancano né barbecue né i tavoli oltre che delle aree dedicate ai bambini. Volendo si possono fare delle passeggiate sul dorso di un asino. Un’altra area attrezzata è quella di Granvilla a Vizzini. Ci sono 22 tavoli, 15 punti che erogano acqua potabile, 300 posti a sedere e pure 17 barbecue. A Maletto, in Contrada Fontana Murata c’è invece l’area attrezzata di Poggio Monaco. Ci sono 45 tavoli, 450 posti a sedere e 25 postazioni barbecue. E se proprio non resistere si può fare sia trekking che mountain bike.

Infine, a Randazzo, c’è l’area di Santa Maria del Bosco vicino l’area demaniale di Monte Boardo. Non solo è ricchissima di vegazione, ma ci sono cinque 5 tavoli con 100 posti a sedere e 15 zone barbecue. Inoltre ci sono funzionali servizi igienici attrezzati anche per i disabili. Unica pecca: l’acqua c’è ma non è potabile, quindi, nel caso, portatevi da casa una scorta sufficiente.


COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: www.lasicilia.it


La meravigliosa Etna



Leggi anche:

L'Etna sarà patrimonio Unesco dell'umanità

Se l'Etna non è ripulita mettendo in azione i forestali sarà difficile attrarre turismo 

Perché i forestali non ripuliscono l'Etna?

Etna. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Il dibattito sull’Etna

Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, Corpo Forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Il Presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente



Etna, la forestale replica ai turisti sui rifiuti. «Chieste telecamere al Parco, niente risposte». 29 marzo 2014, Tony Zermo firma storica del giornale "La Sicilia": se l'Etna non è ripulita mettendo in azione i forestali sarà difficile attrarre turismo 

Etna, Cai di Bronte segna sentieri per escursionisti. «Un aiuto alla fruizione, ma serve piano adeguato». L’iniziativa è il frutto di un protocollo di intesa tra Parco dell'Etna, Dipartimento Provinciale Sviluppo Rurale e Territoriale (l’ex Azienda Foreste Demaniali)

Il Parco dell’Etna candidato al programma mab (man and biosphere) dell’Unesco. Grande partecipazione al primo incontro 

I boschi dell'Etna presi d`assalto. I cercatori di castagne e funghi, moderni vandali che non risparmiano i terreni coltivati. Il sindaco: «Ho ascoltato gli agricoltori e disposto un servizio di controllo

La giornata di studi. Etna, brand da valorizzare. Tra natura, storia e cultura


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.