L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






27 marzo 2018

FORESTALI ED ENTI DI SERVIZIO ALL’AGRICOLTURA: L’11 APRILE MANIFESTAZIONE REGIONALE A PALERMO. SINDACATI: NESSUNA RISPOSTA SUI PROBLEMI APERTI CHE RISCHIANO DI AGGRAVARSI CON LA MANOVRA DELLA GIUNTA

Foto lasicilia.it


Dalla pagina Facebook
Cgil Sicilia

Palermo, 27 marzo- Una manifestazione regionale dei forestali della Sicilia e dei lavoratori dell’Esa, dei Consorzi di bonifica e dell’Aras si terrà l’11 aprile a Palermo organizzata dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil. La protesta è per la mancanza di risposte da parte del Governo regionale sui problemi di queste categorie che “rischiano di aggravarsi- sostengono Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil- se dovessero essere confermate in Aula le previsioni del bilancio e della finanziaria regionali, esitati dalla Giunta”. La decisione di andare alla mobilitazione, informano i sindacati, è venuta dopo un incontro col capo di gabinetto del Presidente della Regione nel corso del quale “non ci è stata data alcuna risposta – dicono i segretari di Flai, Fai e Uila Mannino, Manca e Marino- sui temi sollevati col documento unitario recapitato nei giorni scorsi al presidente della regione e al centro dell’autoconvocazione di oggi a palazzo d’Orleans. A questo – sottolineano- si aggiungono i tagli di bilancio e finanziaria che non consentirebbero lo svolgimento del 50% delle giornate di lavoro per i forestali e per i lavoratori degli enti di servizio”. In proposito i sindacati hanno chiesto incontri con i gruppi parlamentari “affinchè la manovra venga modificata al passaggio all’Ars”. Nel documento dei sindacati ci sono le richieste di applicazione del contratto integrativo dei forestali tramite apposita direttiva, di soluzioni per gli stagionali dell’ Esa, per la crisi finanziaria dei consorzi di bonifica e per gli avviamenti al lavoro superando la norma che prevede l’esclusione dei lavoratori che hanno contenziosi con gli enti, della ripresa delle attività del personale dell’Aras”. “Su nessuno di questi temi- affermano Mannino, Manca e Marino-ci sono state date risposte, mostrando il completo disinteresse del governo verso queste categorie e la situazione per i lavoratori in questione rischia di precipitare viste le ristrette previsioni dei documenti contabili, che non tengono nel dovuto conto né le esigenze dei boschi e dell’agricoltura, né i diritti dei lavoratori”.


Ascolta le interviste:









6 commenti:

  1. Scusate ma i sindacati durante il governo crocetta dove stavano.Perche mi sembra che non è cambiato niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A rincorrere le emergenze come in questo caso. Saluti Giuseppe Candela

      Elimina
    2. Erano, come in questo caso a rincorrere le emergenze "imposte" dalla legge di stabilità voluta da Monti. Saluti Giuseppe Candela

      Elimina
  2. I veri problemi dei forestali sono i due contingenti sensa questo obbiettivo è presa x il culo Chi si vuole fare prendere ancora x il culo va a scioperare

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Scioperare? È per cosa? Per riempire Palermo di opera e dimostrare all'attuale governo che la SINISTRA ancora esiste, e discutere quello che interessa a voi o fare approvare qualcosa di vostro gradimento. Gli operai siamo noi e vogliono i nostri diritti che rincorriamo da trent'anni. Vogliamo la garanzia dei due contigenti solo questo, il resto solo chiacchiere che non servono a nessuno. Solo due contigenti e tutto scritto nero su bianco e vedrete che a Palermo ci sarà una marea di operai. Altrimenti a curarvi i vostri interessi a Palermo portate i vostri familiari ho vostri compari. Giardina Fernando.

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.