L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






08 agosto 2017

CASABOLI E' BRUCIATO. LETTERA AD UN UOMO


Scritto da Gaetano Ferraro il Ago 7, 2017
Casaboli è bruciato. Vederlo, cupo, nero, silenzioso, deserto è come quando perdi una persona amata. Non te lo spieghi, non lo realizzi, fino a quando non la vedi sul letto di morte, fredda, immobile, non parla, non sorride più. Nella tua mente si affollano i ricordi; ricordi quando discutevi con lei, quando si gioiva insieme, ricordi anche quando eri triste e lei ti donava una spalla, ricordi anche i dissidi e le incomprensioni.
Un po’ come accade con il bosco che la notte dell’uomo si è portato via.

Queste parole sono indirizzate a te, uomo. Dentro hai qualcosa che brucia più delle fiamme che hanno ferito a morte i boschi, arde e non sai cosa fare, non sai come spegnerle. Nella tua mente c’è ancora quell’odore di legna che infiamma, il crepitìo delle fiamme che sale su per la valle, c’è la luce del fuoco. Pensavi che andando a dormire tutto sarebbe finito ma i tuoi sogni sono lì, pronti a ricordarti che la volpe non avrà più la sua tana, che la ghiandaia non troverà più i suoi pulcini boccheggiare nel nido, che il ragno dovrà tessere nuovamente la sua ragnatela.

Tutto è cambiato. Il bosco è morto.

Ti chiedi cosa puoi fare adesso. Quella effimera sete di potere non è stata certo placata dal fuoco, anzi. Hai un debito difficile da pagare adesso. Un debito con te stesso, con l’uomo, con la terra. Vorresti urlarlo che non volevi, che la sete era troppa per fermare la tua mano infiammata. Adesso sei solo e chiedi perdono.
E sarà proprio in quello stesso momento, poiché tutti gli uomini hanno lo stesso destino, quando diventerai cenere, proprio come lo sono questi alberi neri, che finalmente sarai chiamato a saldare il tuo conto con il mondo e diverrai tu stesso il nutrimento per quella stessa Terra che tanto hai ferito ma che tanto ti ha custodito tra le sue verdi chiome. Ritornerà.


Fonte: www.filodirettomonreale.it





Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.