L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






13 novembre 2016

L'INIZIATIVA. VOLONTARI AL LAVORO PER L'ETNA. TORNA "MEGLIO PARCO CHE SPORCO"


Centinaia di volontari hanno contribuito a ripulire il Parco. Mazzaglia:”Siamo qui per un gesto d’amore”.


di Livio Mario Cortese
ETNA - Volontari di tutte le età hanno impegnato braccia, tempo e cuore per il Parco dell’Etna. Stamattina, durante la nuova edizione di “Meglio Parco che sporco”, iniziativa lanciata da ormai quattro anni, ben diciassette Comuni alle falde del vulcano (uno più dell’anno scorso, su un totale di venti) hanno promosso la pulizia dei siti compresi entro l’area naturale protetta.


A Nicolosi le prime ore non sono state agevoli, ma non ci si è fermati: “Siamo qui principalmente per compiere un gesto d’amore verso la natura”, ha affermato la presidente Marisa Mazzaglia, “e per dare testimonianza della nostra presenza. Come Ente possiamo esercitare una spinta sulle istituzioni, perché cooperino alla tutela del Parco”. Carichi i membri del CAI locale, pronti ad attaccare per alcuni chilometri il Sentiero delle Ginestre –poco oltre la sede del Parco-: “La situazione non è critica”, ci ha detto un esponente del gruppo, “ma le zone turistiche presentano la solita immondizia, mentre alcune microdiscariche contengono amianto, copertoni ed elettrodomestici: ci occuperemo di rimuoverne una parte, segnalando i rifiuti speciali”.

Compiti impegnativi, vista l’estensione del Parco e le cattive abitudini generalmente diffuse, tanto da rendere problematico l’operato delle normali forze di polizia. A tale proposito Salvatore Cocina, dirigente dell’Ufficio Speciale per la Differenziata, riferisce che un passo da compiere prossimamente sarà la formazione, in appoggio, di “Ispettori Volontari Ambientali” o ecovigili (già esistenti in altre regioni d’Italia), con la mansione di accertare e segnalare gli illeciti alle autorità competenti. Il riscontro nei Comuni partecipanti sembra essere stato piuttosto alto, sebbene (almeno sul versante Sud) la giornata piovosa abbia fatto da ostacolo. La pineta di Nicolosi è stata battuta da alcune guide e soprattutto da allievi del liceo “G. Galilei” di Catania. “Questi alunni seguono un programma di alternanza scuola-lavoro”, ci ha illustrato la prof. Busà, “e sono attualmente in formazione presso il Parco dell’Etna come ‘piccole guide’ ”.

Si tratta di un progetto analogo ad altri sviluppati nelle altre aree protette lungo tutta la penisola: “Da Marzo 2017 i nostri studenti accompagneranno sull’Etna alcuni loro coetanei provenienti da diversi Paesi europei, nell’ambito di alcuni scambi culturali che la scuola sta promuovendo”. A Tarderia ha operato, tra le altre, l’associazione Etnatura. “Non abbiamo raccolto molto, visto il maltempo”, ammette il fondatore Agatino Reitano, “ma abbiamo trasformato la giornata in un incontro collettivo nel quale soprattutto i più giovani sono stati sensibilizzati sulle motivazioni di un’iniziativa come questa”. Non un cattivo bilancio, quindi, rivolgendosi ad alunni di scuola primaria e secondaria. Anche a Belpasso la locale sezione del CAI ha dovuto rinunciare, viste le pessime condizioni metereologiche a Piano Bottara.

“Ma una giornata di pulizia la organizzeremo tra non molto”, assicura il presidente Pietro Sambataro. Da parte istituzionale, la difficoltà della situazione è, nel complesso, ben chiara. “Sta funzionando bene la sinergia tra Comuni, enti privati, scuole e Protezione Civile”, nota Cocina, inserendo però la questione del Parco in un quadro che riguarda l’intera regione: “L’estate scorsa è emerso che in Sicilia il 90% dei rifiuti finisce in discarica: è un danno per l’ambiente ed uno spreco di risorse. In questo siamo l’ultima regione d’Italia”. Esiste peraltro una normativa europea che fissa un massimo del 50% da raggiungere entro il 2020. Lavorando alla base del problema, l’Ufficio per la Differenziata -operativo da Settembre- sta monitorando lo stato della raccolta nei vari Comuni regionali e incontrando i sindaci, con l’obiettivo d’incrementare il ritiro porta a porta dei rifiuti e aumentare le possibilità degli impianti di compostaggio. Accanto a prevenzione e vigilanza, è su una diversa mentalità che dovrà svilupparsi la maggior parte del lavoro.

12 Novembre 2016
http://catania.livesicilia.it/2016/11/12/volontari-al-lavoro-per-letna-torna-meglio-parco-che-sporco_395388/






La meravigliosa Etna




Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, corpo forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Il Presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente



Etna, la forestale replica ai turisti sui rifiuti. «Chieste telecamere al Parco, niente risposte». 29 marzo 2014, Tony Zermo firma storica del giornale "La Sicilia": se l'Etna non è ripulita mettendo in azione i forestali sarà difficile attrarre turismo 

Etna, Cai di Bronte segna sentieri per escursionisti. «Un aiuto alla fruizione, ma serve piano adeguato». L’iniziativa è il frutto di un protocollo di intesa tra Parco dell'Etna, Dipartimento Provinciale Sviluppo Rurale e Territoriale (l’ex Azienda Foreste Demaniali)

Il Parco dell’Etna candidato al programma mab (man and biosphere) dell’Unesco. Grande partecipazione al primo incontro 

I boschi dell'Etna presi d`assalto. I cercatori di castagne e funghi, moderni vandali che non risparmiano i terreni coltivati. il sindaco: «Ho ascoltato gli agricoltori e disposto un servizio di controllo

La giornata di studi. Etna, brand da valorizzare. Tra natura, storia e cultura







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.