L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






14 aprile 2013

PRESENTATO IL DDL N. 360 DELL'ON. LUISA LANTIERI (GRANDE SUD)





foto massimoliardi.blogspot.it

10 aprile 2013. Presentato dall'On. (Lantieri Luisa Grande Sud) il ddl  n.360 "Norme in materia forestale, di tutela e salvaguardia del territorio e dell'ambiente" che andrà a fare compagnia a quelli che già dormono nei cassetti. La suddetta proposta come era logica, viene dall'opposizione quindi difficilmente approvabile. Andiamo al dunque.

Siamo in grado di anticipare sinteticamente la proposta che a giorni sarà caricata nel sito dell'Ars.

Il Disegno di legge redatto dall'O.S. Codires nella persona del Segretario Regionale Enrico Scozzarella, mira alla tutela e alla valorizzazione del territorio, delle risorse e del patrimonio naturalistico ed ambientale,
inevitabilmente, creerebbe delle ricadute positive sull’economia dell’Isola, sia dal punto di vista occupazionale diretto, per le migliaia di lavoratori impiegati annualmente nei lavori di manutenzione delle aree, di prevenzione e spegnimento degli incendi, nonché nei servizi tecnici connessi all’attività forestale, sia dal punto dello sviluppo turistico che, rappresenterebbe un volano di grande sviluppo per il comprensorio.  Sarebbe troppo riduttivo immaginare la “difesa” del territorio solo nei parchi e nelle riserve, bisogna pensare anche a quello che si trova al di fuori dei parchi, delle riserve delle aree protette fosse genericamente di competenza di altri Enti, comuni, consorzi etc. Lo spirito della norma spiegano gli addetti ai lavori  intende porre in essere con il presente DDL è quello di un  più ampio e proficuo utilizzo di queste risorse umane, le quali nel tempo, hanno acquisito competenze e professionalità eccellenti, con delle modifiche alle leggi regionali : 6 aprile 1996 n. 16 e 14 aprile 2006 n. 14, si vuole estendere la modalità di impiego del suddetto personale, anche in ambiti e con mansioni diverse da quelle sino ad oggi svolte,  pertanto, in applicazione delle presenti disposizioni sarebbe possibile ipotizzare il loro utilizzo  a supporto della protezione civile, in attività antincendio e di manutenzione di aree al di fuori di quelle protette o demaniali, attività di vigilanza non armata, manutenzione idraulico-fluviale, pulizia delle sterpaglie nei siti archeologici e in prossimità di beni monumentali e edifici pubblici, scuole ospedali, strade etc. L’utilizzo del personale in ambiti e mansioni diversi da quelli sino ad oggi svolte, verrà autorizzato dall’Azienda Foreste solo a seguito della stipula di apposite convenzioni con gli Enti competenti per territorio, presso i quali saranno utilizzati i lavoratori, in tal senso troverebbero applicazione pratica le previsioni di cui al punto 3 del protocollo d’intesa del 14 maggio 2009, stipulato tra la regione, rappresentata dal Presidente della regione pro-tempore, i Dirigenti Generali del Dipartimento Azienda Foreste e del Dipartimento Foreste da una parte e le rappresentanze Sindacali dei lavoratori forestali, prevede un diverso utilizzo temporale dei lavoratori forestali rispetto a quello stabilito nei contingenti. Certo in tempi di spending review potrebbe apparire strano, l’impatto economico sul bilancio determinato dall’aumento delle giornate lavorative per i circa 23.800 operai, in atto inseriti nei contingenti dell’elenco speciale dei lavoratori forestali, di cui all’art. 45 ter della  Legge regionale 6 aprile 1996, n. 16, come introdotto dall’art. 43 della legge regionale 14 aprile 2006 n. 14, l’applicazione delle previsioni di cui al presente DDL avrebbe un costo complessivo di circa 340.000.000,00 (trecentoquaranta  milioni di euro), questo è stato, di fatto, l’importo necessario per l’anno 2011 quando il protocollo d’intesa del 14 maggio 2009 fu applicato. L’aumento delle giornate lavorative e gli oneri previdenziali derivanti, ci sarebbe anche  un risparmio per le casse della regione e di tanti enti locali, senza dimenticare le economie realizzate dagli Enti locali, che in applicazione dei protocolli con l’Azienda Foreste, potranno realizzare innumerevoli lavori di pulizia e di prevenzione senza onere alcuno a carico del proprio bilancio. L’articolato, consiste in una serie di modifiche e integrazioni alle Leggi che già regolano il settore. 


Quì di seguito pubblichiamo due dei sette articoli che regolamenteranno l'eventuale legge.

Riordino dei contingenti

1. Ai fini dell’aggiornamento dei contingenti dei lavoratori aventi titolo ad essere inseriti nell’elenco speciale dei lavoratori forestali, di cui all’art. 45 ter  della legge regionale 6 aprile 1996, n. 16, come introdotto dall’art. 43 della Legge regionale 14 aprile 2006, n. 14, per garantire un migliore espletamento delle attività di prevenzione, è istituito alla dipendenze del Dipartimento Foreste, un contingente di lavoratori a tempo determinato, con garanzia occupazionale di centocinquantuno giornate lavorative annue ai fini previdenziali di cui al comma 3 dell’articolo 44 della Legge regionale 14 aprile 2006 n.14, articolato nelle qualifiche di cui al comma 4 dell’articolo 56 della Legge regionale 6 aprile 2006, n. 16.
2. Oltre alle 935 unità già previste dalla norma, tale contingente viene incrementato da tutti gli attuali lavoratori della fascia di garanzie occupazionali di centouno giornate lavorative ai fini previdenziali previste dall’articolo 56  della Legge regionale 6 aprile 2006, n. 16 e s.m.i. , equiparandolo al contingente antincendio di cui al comma 3 dell’articolo 44 Legge regionale 14 aprile 2006 n.14.
3. Nell’Azienda Forestale i contingenti istituiti per ogni distretto della Sicilia sono rimodulati come segue:
a) contingente ad esaurimento di cui all’articolo 46 comma 1, lettera C  della Legge regionale 6 aprile 2006, n.16  con garanzia  occupazionale di 101 (centouno) giornate lavorative ai fini previdenziali, appartengono a  questo contingente, i lavoratori già inseriti  nel contingente ad esaurimento cui al comma 7 dell’articolo 44 della  Legge regionale 14 aprile 2006 n.14, con garanzia occupazionale di settantotto giornate lavorative;
b) contingente di cui all’articolo 46 comma 1, lettera B  della Legge regionale 6 aprile 2006,  con garanzia  occupazionale di 151 (centocinquantuno) giornate lavorative ai fini previdenziali, transitano a questo contingente, i lavoratori già inseriti nel contingente di cui all’articolo 46 comma 1, lettera C  della Legge regionale 6 aprile 2006,n. 16  con garanzia  occupazionale di 101 (centouno) giornate lavorative ai fini previdenziali;
c) contingente di nuova istituzione con garanzia occupazionale di 180 (centottanta) giornate lavorative ai fini previdenziali, transitano a questo contingente , i lavoratori già inseriti nel contingente di cui all’articolo 46 comma 1, lettera B  della Legge regionale 6 aprile 2006, n.16  con garanzia  occupazionale di 151 (centocinquantuno) giornate lavorative ai fini previdenziali;
4. per ogni distretto forestale, il competente Servizio Ufficio Provinciale del Lavoro, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente, rimodulerà la graduatoria dei lavoratori appartenenti ai contingenti, così come riordinati al comma precedente.

Modifiche e abrogazione di norme 
1. al comma 1. dell’articolo 46 della legge regionale 6 aprile 2006, n.16 , dopo la lettera C) è aggiunta la seguente lettera d):
d) di un contingente di operai con garanzia di fascia occupazionale per centottanta giornate lavorative ai fini previdenziali.
2. il comma 7. dell’articolo 44 della legge regionale 14 aprile 2006 n.14 è abrogato.

La possiamo definire: "Migliorato l'accordo del 14 maggio 2009"
Questa è semplicemente una bozza, l'ufficialità si avrà nel momento in cui il ddl viene caricato all'Ars. 
Una bella proposta, complimenti anche ad Enrico Scozzarella per il tempo che ha dedicato, un dato che mi rende felice se confermato, è che il numero dei lavoratori è sceso a 23.800. Vi siete resi conto anche Voi che la stabilizzazione per il momento PURTROPPO è impossibile, nell'immediato condivido questa bozza, ma rimango scettico.
Come dicevo qualche rigo sopra, è una proposta che rimarrà nei cassetti, una per tutti  mi sembra un pò demagogico, perchè il partito che l'ha presentata è stato sostenitore del Governo Lombardo, poi il leader di Grande Sud è stato sia Presidente dell'Ars con il Governo Cuffaro, sia Viceministro all'Economia del Governo Berlusconi, le proposte diventano credibili quando si governa e non quando si è all'opposizione ma soprattutto quando si individuano le risorse, stesso discorso vale per il Pd che quando erano in minoranza avevano la bacchetta magica su come risolvere la problematica, sono stati parte integrante della passata legislatura e nessuna promessa è stata mantenuta, adesso è la coalizione che assieme all'Udc appoggia il Governo Crocetta, quindi il futuro può attendere.





2 commenti:

  1. Centorbi Salvatore14 aprile 2013 15:46

    Michele, pèer la serie dare a Cesare quel che è di Cesare: Il codires è sempre stato contrario alla stabilizzazione .....portando come giustificazione l'impossibilità a realizzarla (esso è stato anche il motivo della rottura con il nascente sifus). Ora, come stanno facendo i confederali, stanno scopiazzando la nostra proposta di legge continuando però a cavalcare il precariato. Una eccezione e consolazione è che a differenza dei confederali essi almeno si "avvicinano" al numero reale dei forestali.

    RispondiElimina
  2. ciao michele e salvatore,sono giovanni da bivona (ag),Il codires è sempre stato contrario alla stabilizzazione ,in quanto pensavano cosi' a (CASACCIO E PER CONVENIENZA)che eravamo nn so' 30 mila,ma in realta' siamo molti di meno.E SIAMO TANTI PADRI DI FAMIGLIA

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.