L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






24 luglio 2017

INCENDI, A MESSINA TRE PIROMANI DI 13, 14 E 15 ANNI: “ABBIAMO FATTO STUPIDAGGINE”




24 Luglio 2017
Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando

Una ragazzina di 14 anni e ragazzini di 13 e 15 anni sono ritenuti i responsabili dell’incendio che sabato pomeriggio ha bruciato le colline dell’area di Fondo Fucile, a Messina. Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Agli agenti uno dei tre ha detto: “Abbiamo fatto una stupidaggine”. Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando. Alcune persone avevano notato i tre ragazzini muoversi su per la collina. I vigili del fuoco, avvertiti dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare l’incendio e a evitare che le fiamme raggiungessero le vicine abitazioni ai piedi della collina. Una vasta porzione di vegetazione è comunque andata distrutta. I tre ragazzini sono stati deferiti alla competente autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo e riaffidati alle famiglie.
Due giorni fa i carabinieri di Montalto di Castro (Viterbo) hanno bloccato quattro piromani, un 21enne e tre 16enni, provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il bosco di pini e cerri che costeggia la litoranea, dopo averne appiccati altri due a poca distanza. Grazie al rapido intervento dei vigili del fuoco e dell’antincendio della protezione civile, le fiamme sono state arginate e spente, anche se hanno danneggiando 250 metri quadrati di macchia mediterranea. I quattro ragazzi hanno poi confessato il reato giustificando la loro condotta come una “bravata”. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i minori sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso. Le indagini da parte dei Carabinieri continuano per accertare l’eventuale presenza in zona dei quattro amici, in concomitanza degli incendi che si sono verificati nei giorni scorsi.

Anche ieri è stata una giornata nera sul fronte incendi, soprattutto in Sicilia. Ettari di vegetazione sono andati a fuoco. Il versante sud della Riserva naturale dello Zingaro, polmone verde e incontaminato del Trapanese, è stata distrutto. Dopo 24 ore i vigili del fuoco hanno avuto la meglio riuscendo a spegnere gli ultimi roghi. Decine gli interventi anche nel catanese, in provincia di Palermo e nella zona di Messina che, nelle scorse settimane era stata la più colpita. In totale Sono stati 1.441 gli interventi dei vigili del fuoco oggi per salvare i boschi dati alle fiamme: 395 solo in Sicilia, 184 in Calabria , in Lazio , 156 in Puglia e Toscana. Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dalla protezione civile, lavorano senza sosta e hanno spento e messo sotto controllo 10 roghi.

Fonte: www.ilfattoquotidiano.it





1 commento:

  1. Se venisse accertata la reale responsabilità, la giusta punizione potrebbe essere:
    Far piantare loro 100 alberi ciascuno manualmente con le zappe e il prossimo anno prestare servizio anti incendio per fare capire quali rischi si corrono quando si spegne un incendio. Emanuele Campo

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.