L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






29 luglio 2017

BUSALACCHI: “TOGLIERE I VITALIZI ANCHE ALL’ARS. DEPUTATI IN CARICA CON 3 MILA EURO AL MESE”


Così il candidato alla presidenza della Regione siciliana commenta il taglio dei vitalizi approvato dal Parlamento nazionale. Per Franco Busalacchi bisogna tornare alla Roma repubblicana, quando la politica era un pubblico ufficio. Riduzione anche per i deputati di Sala d’Ercole in carica

A Roma hanno tagliato i vitalizi agli ex parlamentari di Camera dei deputati e del Senato della Repubblica? La stessa cosa deve essere fatta in Sicilia con gli ex parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana”.

Parola di Franco Busalacchi, candidato alla presidenza della Regione. Che precisa:

“Aboliamo stipendi e vitalizi per i deputati della Regione siciliana. Gli ex parlamentari non devono percepire alcuna pensione, poco importa se il metodo scelto sia quello retributivo o contributivo, perché il nostro obiettivo è far tornare la politica un pubblico ufficio come era nella Roma repubblicana”.

Secondo Busalacchi, “è eticamente inaccettabile che un ufficio pubblico, una volta gratuito, sia retribuito e preveda addirittura una pensione. È sufficiente un’indennità, una sorta di ristoro delle spese sostenute. La nostra idea è che un reddito mensile di tremila netti euro al mese sia più che sufficiente per un parlamentare. Una somma che, in media, sono pochi in Italia a ricevere come stipendio”.

“I deputati di Sala d’Ercole che non arrivano con le proprie entrate personali a questa cifra riceveranno un’integrazione. Questo vuol dire che chi già guadagna di più non riceverebbe un euro dalle ‘casse’ pubbliche”.

Fonte: www.inuovivespri.it



Dalla burocrazia al precariato: il programma di Franco Busalacchi, candidato alla Presidenza della Regione Siciliana. Gli operai forestali saranno iscritti in una lista unica regionale che prevederà per tutti una attività lavorativa di almeno 9 mesi


Notizie correlate:

Franco Busalacchi: ecco il mio programma per governare la Sicilia (parte prima)

Franco Busalacchi: reddito di cittadinanza e lotta alle mafie. Ecco il mio programma (parte seconda) 

Tra Autonomia e democrazia negata: il programma di Franco Busalacchi (parte terza)

Dalla burocrazia al precariato: il programma di F. Busalacchi in pillole (parte quarta)

“Ecco la mia sfida allo Stato”: il programma di Franco Busalacchi (parte quinta)

Ecco come risollevare la nostra economia: il programma di F. Busalacchi (parte sesta)

“Alta Corte e riduzione al 30% delle indennità dei politici”: il programma di Franco Busalacchi (parte settima)

La riforma della PA e la fine del precariato: il programma di Franco Busalacchi (cap. 8)

“Ricominciamo dalla scuola”: il programma di Franco Busalacchi (cap.9)

La Sicilia maestra di vivibilità ambientale: ecco come/ Il programma di Franco Busalacchi (cap.10)

Formazione: “Un unico Ente pubblico per riformare il settore”. Il programma di F. Busalacchi (capitolo 11)

Soldi pubblici solo per la Sanità pubblica”: il programma di Franco Busalacchi (cap.12)

Infrastrutture in Sicilia: dalla teoria alla pratica. Il programma di Franco Busalacchi (cap.13)

Ambiente: basta con la logica predatoria. Il programma di Franco Busalacchi (cap.14). Difesa del suolo e protezione della fascia costiera 




Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.