L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






28 febbraio 2014

ALFIO MANNINO RICONFERMATO SEGRETARIO GENERALE DELLA FLAI CGIL CATANIA



Alfio Mannino riconfermato Segretario Generale della FLAI-CGIL di Catania: “Combattere con tutte le nostre forze lavoro nero e caporalato”. Il dibattito sul paradosso catanese: eccellenze agroalimentari e crisi del settore

FLAI CGIL CATANIA SESTO CONGRESSO PROVINCIALE MANNINO RICONFERMATO SEGRETARIO GENERALE






Arancia rossa, pistacchio di Bronte, mele e ciliegie dell'Etna, fragola di Maletto. Sono tutti prodotti tipici di altissimo valore che appartengono all'area etnea. Peccato che per la FLAI-CGIL etnea, il sindacato dei lavoratori agricoli, forestali e dell’industria di trasformazione, che il 28 febbraio 2014 ha celebrato il suo sesto congresso provinciale, nel catanese vi siano molte, troppe aziende del settore in crisi e, anche sul piano occupazionale, l’ultimo anno ha fatto registrare dati preoccupanti: siamo passati da 2 milioni e mezzo di giornate dichiarate a poco più di due milioni.
Sono questi solo alcuni dei dati diffusi nel corso del congresso celebratosi alla Baia Verde di Catania. Nel pomeriggio i delegati hanno confermato segretario generale di categoria l'uscente Alfio Mannino, che ha aperto i lavori con una lunga e dettagliata relazione che ha di fatto disegnato l'identikit di un settore molto complesso come appunto quello agricolo. Ai lavori di oggi hanno partecipato anche il segretario generale della Camera del lavoro Angelo Villari, il segretario di Flai Sicilia Totò Tripi e il segretario nazionale Mauro Macchiesi.
“In Sicilia – sottolinea Mannino - le 2.400 aziende alimentari occupano appena 16.000 addetti: emblematica è la totale assenza della trasformazione dei succhi di agrumi in concentrati, nonostante su questo prodotto non esistano competitori mondiali per la semplice e banale considerazione che l’arancia rossa si produce solo in Sicilia e quasi tutta nella Piana di Catania. Tra l’altro, l’assenza di industrie di lavorazione delle nostre arance produce gravi danni ai produttori che sono costretti a vendere il prodotto ai commercianti a prezzi bassissimi: quest’anno, vista la pezzatura ridotta delle arance, il prezzo arriva al massimo a 20 centesimi.
A pagare il prezzo più alto delle difficoltà del settore agricolo sono i braccianti - continua il segretario - su cui si scaricano i fattori di crisi. I braccianti, infatti, vivono oggi una condizione di sfruttamento e sono costretti a lavorare 8-9 ore al giorno per una paga che si aggira intorno ai 35/40 euro, a fronte di una paga contrattuale che va dai 55 ai 60 euro al giorno. A questo bisogna aggiungere che in agricoltura una giornata di lavoro su due è in nero; siamo, quindi, di fronte a lavoratori che spesso non hanno alcun diritto dal punto di vista assistenziale e previdenziale. Basti pensare che nel 2012 circa 5 mila lavoratori del settore agricolo erano privi di protezione sociale".
Lavoro nero e caporalato sono la regola, e vi è una forte crescita della presenza di lavoratori extracomunitari, rumeni in particolare, che accettano condizioni di lavoro disumane, specie a Paternò e nell’acese. Oggi, in tutti i comuni a forte vocazione agricola (Biancavilla, Adrano, Paternò, Scordia, Aci Catena ecc.), oltre ad una forte crisi economica e sociale, vi sono tensioni che rischiano di esplodere in qualsiasi momento con forti ricadute anche sulla tenuta democratica di quelle comunità. A Catania insistono diverse aziende dell’industria alimentare che pur avendo caratteristiche locali, riescono comunque a coprire mercati molto più vasti del solo ambito regionale. Alla Zappalà, ad esempio, circa 10 giorni fa si è chiusa una vertenza con la sottoscrizione di un accordo che prevede l’esodo di 25 unità tra cui una parte di volontari. Le conseguenze della crisi economica che colpisce le famiglie, con il calo dei consumi, si riverbera fortemente anche sulle aziende produttrici di bibite gassate: SIBEG Coca Cola, SIBAT Tomarchio.
Tuttavia, sul piano occupazionale, ad oggi non ci sono state conseguenze negative soprattutto per la SIBEG. E come ha sottolineato Angelo Villari, "il settore agroalimentare e naturalistico-ambientale catanese rappresenta comunque un'eccellenza principale del nostro territorio, insieme al distretto dell'Etna Valley. Per questo va sostenuto e rilanciato; ma l'obiettivo principale è garantire lavoro, dignitoso e regolare. Solo in questo modo otterremo sviluppo e crescita nella nostra provincia. Il governo regionale dovrebbe tenere maggiormente in conto la necessità di questo rilancio che fino ad oggi, invece, rappresenta purtroppo un "atto mancato" delle istituzioni".


28 febbraio 2014
http://nuke.flaicgilcatania.it/VICongressoManninoriconfermatosegretario/tabid/778/Default.aspx






Auguri al Segretario Provinciale Alfio Mannino per la riconferma







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.