L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






03 febbraio 2017

L'AVVOCATO FASANO: FORESTALI SICILIANI, DOVETE LOTTARE PER UN DIRITTO CHE VI SPETTA! SARÀ UN LUNGO PERCORSO E NOI VI SOSTERREMO FINO ALLA FINE


Con la sentenza Mascolo del 26 novembre 2014, la Corte di giustizia è tornata ad affrontare il tema quanto mai attuale della precarizzazione del lavoro dipendente, pronunciandosi sul ricorso abusivo di contratti a tempo determinato da parte del datore pubblico italiano, questa volta nel settore della scuola.

ANCHE NEL COMPARTO FORESTALE SICILIANIOSI REGISTRA TALE ABUSO.

ABUSO, SI NOTI BENE, CHE HA DONATO AI LAVORATORI FORESTALI SICILIANI UN PRIMATO: SONO I LAVORATORI PRECARI CON ANZIANITA’ GIURIDICA PIU’ ANTICA D’EUROPA (ANCHE 10,20, 30 ANNI DI SERVIZIO DA “PRECARI”). 

La Regione siciliana non ha reso una misura sanzionatoria atta a limitare l’abuso di tali contratti, come richiesto dalla normativa comunitaria.

Da ciò, la stessa, si è resa inadempiente.

COME AGIRE CONTRO QUESTA SITUAZIONE INSOSTENIBILE?

Occorre presentare una istanza in Commissione Europea per l’apertura di una procedura di infrazione contro il nostro Stato. Questa azione mira a far risaltare la violazione comunitaria al fine di ottenere un provvedimento che imponga al nostro Stato di avviare un corretto piano di stabilizzazione o una misura sanzionatoria all’illegittima reiterazione dei contratti dei forestali.

CHI SONO I LAVORATORI FORESTALI CHE POSSONO PARTECIPARE ALL’AZIONE?

Tutti gli operai che hanno superato i 36 mesi di servizio. Non ha alcuna importanza il concetto di stagionalità. Il significato di stagionalità ben si sposa con quello di precarietà. L’importante è che il rapporto sia a termine. Abbia, cioè, un inizio ed una fine.

L’accordo quadro, infatti, si riferisce in generale «all’insieme dei lavoratori che forniscono prestazioni retribuite nell’ambito di un rapporto di lavoro a tempo determinato che li lega al loro datore di lavoro, purché questi siano vincolati da un contratto di lavoro ai sensi del diritto nazionale» (punto 67), senza operare distinzioni basate sulla natura pubblica o privata del datore di lavoro e a prescindere dalla qualificazione del contratto in diritto interno.

Per questo i lavoratori forestali DEVONO PRETENDERE la corretta qualificazione del rapporto!

LA NORMA E’ CHIARA E NON VI SONO INTERPRETAZIONI ALTERNATIVE.

La sentenza Mascolo merita attenzione per svariate ragioni. Innanzitutto, essa costituisce un ulteriore tassello della ricca giurisprudenza comunitaria in materia di successione abusiva di contratti di lavoro a tempo determinato, in materia di pubblico impiego,aventi ad oggetto, entrambe, la compatibilità con l’accordo quadro dell’art. 36 c. 5 del d.lgs. n. 165/2001 e le sue condizioni di applicazione). La pronuncia si inserisce nel solco di un percorso già tracciato, laddove riafferma l’incompatibilità con l’ordinamento dell’Unione di quelle disposizioni nazionali che permettono la successione di rapporti temporanei per soddisfare talune esigenze dichiarate provvisorie, ma che, in concreto, si dimostrano permanenti e durevoli nel tempo.

PER PARTECIPARE ALLA NOSTRA AZIONE COLLETTIVA CONTRO IL PRECARIATO DEI LAVORATORI FORESTALI: studiolegale.fasano@alice.it


03 Febbraio 2017
http://www.avvocatofasano.com/forestali-siciliani-dovete-lottare-per-un-diritto-che-vi-spetta-sara-un-lungo-percorso-e-noi-vi-sosterremo-fino-alla-fine/


Ascolta l'intervista dell'avvocato Fasano




Notizie correlate:








Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.