L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






22 aprile 2016

IL TERRENO DEMANIALE SVENDUTO A FURNARI. LA COMMISSIONE ANTIMAFIA IN CAMPO: ASCOLTATO ALL'ARS IL SINDACO FOTI


Furnari. Lo scandalo del terreno svenduto: ascoltato all'Ars il sindaco Foti




II presidente Nello Musumeci: a Furnari venduto un terreno di 20mila mq per meno di quattromila euro





Il terreno demaniale svenduto a Furnari. La Commissione antimafia in campo

Auditi all'Ars il sindaco Foti e Aloisi: fari sullo scandalo, verbali secretati


Messina
II demanio svenduto e l'ombra di una cricca politica-burocratica-affaristica. Il sindaco di Furnari, Mario Poti , è stato audito ieri - così come l'aw. Salvatore Aloisi che tutela gli interessi dell'amministrazione del centro tirrenico - dalla Commissione parlamentare Antimafia. L'audizione, che ha registrato dichiarazioni di una certa gravita, naturalmente da vagliare, ma m tal senso c'è un'inchiesta m corso da parte della Procura di Messina, è stata secretata. All'organismo parlamentare regionale di inchiesta presieduto dall'on. Musumeci, il sindaco Fori e l'aw. Aloisi - che hanno voluto ringraziare anche l'on. Malafarina per il ruolo svolto - hanno riferito di aspetti che hanno portato alla denuncia dell'episodio avvenuto a Furnari, dove un terreno demaniale di circa 20.000 mq in prossimità del mare, e nel quale ricade una porzione del Parco urbano di circa 6.000 mq, è stato svenduto al prezzo irrisorio di 3.944,80 euro (0,18 euro a mq ) senza alcuna evidenza pubblica e violando il diritto di prelazione a favore dell'ente locale sul cui territorio ricade il bene. Tale episodio - al di là, nella fattispecie, di taluni rapporti tra persone - ha scoperchiato in generale un vero e proprio vaso di Pandora, e costituisce un fenomeno allarmante che non è sfuggito alla Commissione parlamentare regionale di inchiesta e di vigilanza sul fenomeno della mafia in Sicilia. In Commissione - secondo quanto è trapelato - sono stati localizzati alcune questioni relative a ipotizzabili illeciti di diversa natura, ma è stato anche affrontato l'inquietante episodio del furto di fascicoli che riguardano proprio il terreno demaniale svenduto a Furnari - contratto intanto bloccato - al Genio civile di Messina. «La solidarietà manifestata dalla Commissione al Comune di Furnari», ha di chiarato Poti , «conforta l'Amministrazione nelle importati scelte intraprese perché si affermi la legalità in un territorio sovente danneggiato da bande e comitati d'affari». Intanto a Palermo qualcuno continua a procrastinare il "gioco". Dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana pubblicata il 15 aprile, si apprende dell'esclusione dal demanio marittimo di aree situate a Marinella di Porto Empedocle e contestuale inclusione delle medesime aree nel patrimonio disponibile della Regione. Ovvero, si è pronti alla vendita. (fra.ce.)

22 Aprile 2016




NOTIZIE CORRELATE:












VALLE DEI TEMPLI QUEL TERRENO SVENDUTO AI PRIVATI. LA REGIONE APRE UN'INDAGINE SULLA CESSIONE DI 50 BENI A PARTIRE DAL CASO DI AGRIGENTO









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.