L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






19 maggio 2014

UN COLLEGA CONDIVIDE PUBBLICAMENTE L'ARTICOLO DI GIUSEPPE CANDELA "RISPOSTA AL DIRETTORE CARLO ALBERTO TREGUA"


Ricevo e pubblico


UN COLLEGA CONDIVIDE PUBBLICAMENTE L'ARTICOLO DI GIUSEPPE CANDELA "RISPOSTA AL DIRETTORE CARLO ALBERTO TREGUA"

Carissimo Direttore non posso che associarmi e condividere pienamente, quello che i miei colleghi, qui sopra hanno illustrato in maniera eccellente, quale è il divario che si oppone tra voi editorialisti e noi poveri forestali inerti e in balia, delle vostre testate giornalistiche, noi non possiamo fare articoli perché non l’abbiamo un giornale dove poter scrivere, chi tutelava i nostri diritti, non c è più si chiamava sindacato, quindi allo stato attuale veniamo presi sistematicamente a pesci in faccia . Ci chiamate privilegiati, ma noi tutti questi privilegi non li abbiamo, siamo in un totale disfacimento di un sistema forestale mal gestito da chi ne ha competenze , al quale non si riesce a porre rimedio in nessuna maniera, vuoi la crisi economica in atto che sta flagellando le fasce più deboli come quella di noi forestali, vuoi le vicende politiche che oramai in Sicilia sembrano non avere ne capo e ne coda perché, a tutto si pone rimedio tranne, per chi deve andare a tutelare il nostro patrimonio boschivo , chissà quando i nostri dirigenti politici avranno voglia di sedersi un po' e pensare a risolvere i problemi di noi siciliani, compresi forestali, pip, articolisti, ecc., ecc. Da alcuni documenti estrapolati in maniera sommaria via internet, anch’io caro Direttore del quotidiano di Sicilia, le posso dire che anche voi siete dei privilegiati. Un articolo del Il Fatto in data 8 novembre 2013 cita " Regione Sicilia, 14 milioni per editoria, Consenso bipartisan, M5S compresi " leggendolo, s’intuisce che anche la sua testa giornalistica ha grattato qualcosina, merito di PD, ex PDL, ARTICOLI 4, M5S. Stiamo parlando di contributi Regionali, Per quando riguarda quelli statali voi e tutte le altre Testate Giornalistiche Italiane solo per il 2013/2014 vi siete divisi una torta dell'ammontare di 80 milioni di euro e al suo giornale è stato devoluto un contributo pari a 1,4 milioni di euro, caro Direttore chi è più privilegiato? Il settore forestale è diviso in vari contingenti, divisi in contingenti di 151, 101 e 78, siamo padri e madri che hanno il merito di aver portato la Sicilia a essere la prima Regione in Italia ad essere quella con più superfice boscata ma nessuno lo dice fa più notizia quella dei 23 mila forestali se 23 mila ancora siamo?. Inoltre grazie al servizio antincendio boschivo della Regione Sicilia che ogni anno limita, danni causati da piromani e da persone incapaci di capire, quello, che significa un bosco. Ogni hanno le squadre antincendio boschivo operano in terreni privati, fabbricati rurali terreni seminativi, superfici boscate private e per non dire aree archeologiche e altri siti lasciate abbandonati dalle nostre amministrazioni locali tutto questo perché i vigili del fuoco in Sicilia hanno poco personale, quindi noi dell’antincendio boschivo non ci occupiamo solo di boschi. Ogni anno nelle squadre antincendio boschivo qualche addetto si fa male e purtroppo, qualche anno fa qualche collega è morto, ecco chi è il privilegiato, un padre di famiglia che esce da casa per andarsene a lavorare e prega Dio che lo faccia ritornare a casa e dalla sua famiglia sano e salvo. Noi forestali non siamo privilegiati noi siamo lavoratori, capaci di svolgere qualsiasi attività, attinente, tutela dei nostri boschi, sia per la tutela di tutto quello che riguarda il verde pubblico. A noi forestali caro Direttore un euro non c’è lo regala nessuno, lo andiamo a guadagnare con il nostro lavoro. Concludo dicendogli che prima di sparare sui forestali si documenti meglio, magari qualche copia del suo giornale la potremmo comprare anche noi forestali. Ringrazio Michele con tutto il cuore per la creazione di questo blog, almeno così in questi tempi duri, per la nostra martoriata categoria ci fa sentire un po’ più uniti.
Cordiali saluti
Billeci Lorenzo



Lorenzo questo commento meritava un bell' articolo, mi hai fornito un ottimo assist, complimenti anche a te.
Mi hai dato l'imput di andare a cercare l'articolo de "Il Fatto Quotidiano" che hai citato e che il Commissario ha bocciato. Regione Sicilia, 14 milioni per editoria, Consenso bipartisan, M5S compresi
Con questa scusa ho beccato un'altro articolo dove il Presidente Crocetta stanzia 1,5 milioni di euro agli editori, ha trovato come finanziare la pubblicità acquistandola su quotidiani e periodici fino al 2016. Ovviamente il contributo è previsto anche per il Quotidiano di Sicilia. Leggi la notizia quì.

Contributi statali erogati anno 2003 - Art. 3, commi 2, 2 bis, 2 ter, 2 quater legge 250 del 1990 (quotidiani
e periodici editi da cooperative di giornalisti o da società la cui maggioranza del capitale sociale sia
detenuta da cooperative nonché quotidiani italiani editi e diffusi all'estero e giornali in lingua di
confine) QUOTIDIANO DI SICILIA 108.573,50 €. Link  pag. 3

Sempre al Qds, nel 2011 lo Stato gli regala 1.420.055,25€. Fonte governo.it (vedi immagine)

Per ottenere i soldi non è necessario vendere i giornali, basta stamparli e distribuirli in qualche modo.









Altro settore (si fa per dire, considerata l’entità dei fondi messi a disposizione) quello relativo ai quotidiani che ricevono copiosi contributi in quanto “editi da imprese la cui maggioranza del capitale sia detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali, secondo l’articolo 3 comma 2 bis della legge 250 del 1990). 

Ovviamente i dati riportati sono quelli diffusi dal governo, disponibili sul portale del Dipartimento per l’informazione e l’editoria ed aggiornati a giugno 2011. Fonte fanpage.it


Diffusione locale

I principali quotidiani italiani a diffusione regionale, interregionale e provinciale sono, in ordine geografico (media mobile di 12 mesi dal mese di gennaio 2011 al mese di dicembre 2011. Fonte Wikipedia







 NOTIZIA CORRELATA ( all'interno altre)


RISPOSTA AL DIRETTORE DEL QDS CARLO ALBERTO TREGUA. ERAVAMO QUATTRO AMICI AL BAR CHE VOLEVANO CAMBIARE LA SICILIA









3 commenti:

  1. La "manciugghia"(R. Crocetta!!) esiste! ma di sicuro non sono i Forestali a goderne anzi denigrarli (a torto) pubblicamente serve a distogliere l'interesse da ben altre e più corpose porcate!!!
    Alessandro Ardito

    RispondiElimina
  2. Grazie Michele hai fatto bene ad approfondire questa vicenda, e colgo l'occasione per invogliare i nostri colleghi ad attaccare chi specula alle nostre spalle dai politici ai giornalisti e da chi ci vuole colpire, non abbiamo niente da recriminare, svolgiamo un lavoro onesto, non abbiamo mai rubato a nessuno. Fatevi sentire colleghi non state fermi, la voce di tutti può essere assordante per chi non sente il nostro disagio.
    Saluti
    Billeci Lorenzo

    RispondiElimina
  3. I Giornalisti sono i "Servi dei Politici e dei Potenti (Grossi Imprenditori)" che con la loro "Avidità e Voracità" per garantirsi il potere e molti più Finanziamenti (a Favore di Grosse Imprese Collegate a Politici di Dx e Sx) " si sentono autorizzati a gettare fango e screditare la Povera Gente per Rubargli Letteralmente i pochi fondi a loro destinati per lavorare e utilizzarli per Arricchirsi e per Finanziare le loro Imprese o a loro Vicine, questa e stata la “Causa della Crisi” dell’ultimo Ventennio che coincide con la Gestione Politica di Dx e Sx.
    Se non e Mafia delle Lobby dei Colletti Bianchi Questa.
    Carlo Valenti

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.