L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






16 gennaio 2014

UIL CATANIA: CREDIAMO FERMAMENTE NELLA STABILIZZAZIONE DEI LAVORATORI FORESTALI


Lavoro, la ‘marcia dei cappelli
di carta’ dell’Uil a Catania

angelo mattone uil catania
Dalla proposta di legge per la tutela e la valorizzazione dei lavoratori forestali alla “marcia dei cappelli di carta” per rivendicare, il 31 gennaio a Catania, le opportunità negate in edilizia.
Sono due passaggi-chiave del documento approvato oggi dalla Segreteria Uil, guidata da Angelo Mattone e composta da Salvo Bonaventura, Francesco De Martino, Cesira Ieni, Rosario Laurini, Nino Marino, Fortunato Parisi.
La Uil con la propria organizzazione di categoria Feneal si prepara, in piena intesa con Cgil e Cisl, alla manifestazione che il 31 porterà in piazza e nelle strade cittadine gli edili di Catania e provincia che hanno “fame di lavoro”. Di lavoro dignitoso.
“Se non riparte quel settore, decimato dalla crisi, Catania non riparte”, scrive la Segreteria Uil che ricorda come “gli anni dei cappelli di carta, dei cantieri aperti per il coraggio dell’impresa privata e gli investimenti degli enti pubblici, siano stati quelli del boom economico a Catania”.
L’organizzazione sindacale, inoltre, rilancia con decisione la “controproposta Uil-Uila” sulla forestale, ingiustamente penalizzata perché “sopportata e non concepita come risorsa” dalla Regione. “Non vogliamo solamente tutelare il diritto al lavoro dei forestali – si legge nel documento della Uil di Catania – Siamo convintamente schierati con la Uila nel ribadire la necessità di una valorizzazione produttiva, secondo le linee-guida della proposta che era stata concepita proprio dalla Uila di Catania. Bisogna andare oltre la difesa dell’esistente, perché altre sono le potenzialità e le prospettive di migliaia di lavoratori”.
La Uil, che punta a organizzare in tempi brevi un’iniziativa catanese con la partecipazione del presidente Rosario Crocetta per un confronto sul progetto Uila, ritiene doveroso “ricordare all’opinione pubblica come la gran parte dei forestali oggi sono precari, spesso sulla soglia della povertà, perché effettuano appena 78 o 101 giornate annue, mentre meno della metà ne svolgono 151 o sono operai a tempo indeterminato”.

“Mentre molti esultano perché la Regione non taglia, risparmiando l’ultimo passo verso la disperazione a migliaia di famiglie siciliane, noi – si legge ancora nel documento della Segreteria Uil di Catania – crediamo fermamente nella stabilizzazione dei lavoratori forestali che, come ha dimostrato la Uila nel proprio disegno di legge, potrebbe essere coperta dalle entrate garantite da gestione, manutenzione e tutela dei boschi e delle aree protette, del verde pubblico, del demanio, dei consorzi autostradali, delle strade provinciali, dei siti archeologici, dei parchi urbani e suburbani”.
E ancora: “Le somme ogni anno dilapidate per il verde pubblico da Province, Comuni e Consorzi ammontano a  100 volte il costo dei forestali: questi sì, diciamo al presidente Crocetta, che sono gli appalti clientelari e le spese inutili.
La Segreteria Uil conclude “chiamando alla mobilitazione i lavoratori e tutte le organizzazioni sindacali attorno a una rinnovata iniziativa non solo di protesta, ma soprattutto di proposta, ispirata a principi di efficienza della spesa e di valorizzazione ambientale”.
“Su queste linee – annunciano Mattone, Bonaventura, De Martino, Ieni, Laurini, Marino e Parisi – siamo pronti nei prossimi giorni a incontrare esponenti del Governo regionale e ogni singolo deputato, certi del pieno sostegno del Sindacato unitario”.
(nella foto Angelo Mattone) 

16 Gennaio 2014
http://catania.blogsicilia.it/lavoro-la-marcia-dei-cappelli-di-carta-delluil-a-catania/232696/



Notizie correlate:

UIL UILA: UNA PROPOSTA DI LEGGE PER I FORESTALI





Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.