L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






28 aprile 2017

FLAI, OGGI LA TENDA ROSSA A PARTINICO PER FARE IL PUNTO SU BONIFICA, AGRICOLTURA E DIRITTI DEI LAVORATORI


Palermo 27 aprile 2017 – Continua il viaggio in Italia della Tenda Rossa della Flai Cgil, che arriva in piazza Duomo, a Partinico, per mettere al centro il problema della bonifica in Sicilia e dello sviluppo dell’agricoltura. La tenda rossa, attraverso la quale il sindacato si è rivolto in questo anno alle lavoratrici e ai lavoratori per la campagna sui referendum della Cgil su voucher e appalti e sulla Carta universale dei diritti, approda simbolicamente nel paese dove Danilo Dolci fece lo sciopero della fame. Il 27 febbraio del 1963, dopo decine di denunce e mobilitazioni da parte di Danilo Dolci e dei suoi collaboratori, avevano inizio i lavori di costruzione della diga sul fiume Jato, oggi intitolata a Mario Francese, diventata il simbolo dell’impegno contro l’influenza mafiosa sul territorio. Nel territorio ricade il consorzio di Bonifica 2 Palermo, che ha 151 dipendenti a tempo indeterminato, 24 lavoratori 151/isti e 50 a 51 giornate annue.

La campagna della Flai, partita lo scorso anno, risponde all’hastag #cimettiamoletende. L’iniziativa, è stata introdotta dal segretario generale Flai Cgil Palermo Tonino Russo. Interventi di Alfio Mannino, segretario generale Flai Cgil Sicilia e Enzo Campo, segretario generale Cgil Palermo. Conclusioni di Sara Palazzoli, segretario nazionale Flai Cgil. Interverranno il sindaco di Partinico Salvo Lo Biundo, il direttore del consorzio Gianni Tomasino, il commissario straordinario Francesco Greco, il direttore generale dello sviluppo rurale e territoriale Dorotea Di Trapani, l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici.
“Nella nuova riorganizzazione prevista dalla riforma approvata dall’Ars due anni fa, che porta i consorzi da 11 a 2, auspichiamo che oltre alla salvaguardia dei posti di lavori e a una nuova pianta organica adeguata al territorio, non vengano trasportati i debiti e i contenziosi che hanno reso i consorzi dei carrozzoni – dichiara il segretario Flai Cgil Tonino Russo – E chiediamo che i consorzi funzionino da veri erogatori di servizi in agricoltura. Nei consorzi, dal 1992 gestiti dai commissari, chiediamo che sia dia corso a una gestione manageriale, e che tutti possano pagare l’acqua a un prezzo equo”.
La Flai chiede alla Regione che si creino le condizioni perché, attraverso i 2 miliardi di euro del piano di sviluppo rurale (PSR), ci sia un progetto per consolidare il comparto agricolo in Sicilia. “In una terra in cui ci sono grandi eccellenze – aggiunge Tonino Russo – ma anche grandi contraddizioni, dove alcuni nostri prodotti hanno prezzi bassissimi (grano e uva), dove la concorrenza è sleale, dove non si rispettano i contratti di lavoro e dove in alcune aree è presente il dramma vergognoso del caporalato, bisogna creare le condizione perché si possa investire per creare sviluppo e perché le terre ancora non assegnate della riforma agraria siano date ai giovani attraverso la banca della terra, affinché investano all’interno di un progetto che valorizzi le vocazioni del territorio e crei le condizioni per chiudere la filiera dalla produzione alla commercializzazione”.

Negli 11 consorzi siciliani lavorano 2.194 dipendenti di cui 1.159 a tempo indeterminato, 338 a 151 giornate annue, 162 a 101 giornate, 535 a 51 giornate. Nella Sicilia orientale, ci sono circa 243 mila ettari gestiti dai consorzi, di cui 90.000 circa interessati all’irrigazione. Mentre nella Sicilia occidentale vi è una superficie di circa 84.000 ettari, di cui circa 40.000 interessati a interventi di irrigazione. Oggi i consorzi in Sicilia costano circa 58 milioni e usufruiscono di un finanziamento pubblico pari al 95 per cento.
“Il modello associativo dei consorzi potrebbe estendersi anche ad altre attività, divulgazione agricola, promozione del territorio, commercializzazione dei prodotti – aggiunge Tonino Russo – Nei posti dove i consorzi non sono arrivati l’acqua è ancora gestita dai poteri mafiosi e dal malaffare”. La Diga Jato, con una capacità di 72,5 Mmc, è tuttora attiva, le acque vengo utilizzate a scopo potabile dai comuni di Terrasini, Cinisi e dalla zona occidentale di Palermo


Fonte: www.cgilpalermo.it




Notizie correlate:


Lavoro. Il 13 aprile @flaicgil ha presentato la campagna ‪#‎cimettiamoletende‬

Messina, una tenda contro il dissesto. La campagna della Flai. Confronto sulla grave emergenza idrogeologica del territorio, sulle azioni di tutela ambientale e di valorizzazione dei patrimoni boschivi e agricoli

La “Tenda rossa” Flai al cospetto dell’Etna. Il “settore forestale diventare un ulteriore momento di sviluppo sociale ed economico; ma per fare ciò la politica deve raccogliere la sfida e riuscire a indirizzare il comparto verso la manutenzione boschiva e la messa a reddito dell’immenso patrimonio forestale”

Un pullman e una carta per i diritti del lavoro, la raccolta firme. Il pullman riprende il suo giro per raggiungere alle 9 un’assemblea dei lavoratori forestali della Flai al cantiere di Buonfornello presso il Torrente Argentera

Torrente Argentera - Campofelice di Roccella. Assemblea con il camper dei diritti della Cgil. Si è parlato anche del riordino del settore forestale e delle problematiche che affliggono il settore. Foto

La Cgil ha consegnato alla Camera dei Deputati le firme (anche dei lavoratori forestali siciliani) certificate per la proposta di legge di iniziativa popolare. Camusso: "Risultato senza paragoni. Ora si apra la discussione parlamentare". Video

I referendum sul jobsact spiegati dalla Cgil. Scarica i materiali

Liberiamo il lavoro dalla precarietà!

“Dal decreto alla legge, la nostra sfida continua per conquistare la carta dei diritti universali”. Lavoro: Cgil, 6 maggio grande manifestazione a roma. Il Blog: la carta dei diritti è stata firmata anche dai forestali







2 commenti:

  1. Ma fatemi capire : Nella foto del gazebo della CGIL -FLAI mi sembra di vedere dei sindacalisti noti ,ma uno mi sembra l'Assessore Onorevole Antonello Cracolici non riuscendo a risolvere i problemi come politico , adesso si mescola nel sindacato ? ...... Non capisco .... Fedele B.N. D2 Catania

    RispondiElimina
  2. È stato invitato .... è giusto che ci sia ... l'unica cosa è che c'è impegno solo adesso che il mandato è alla fine ... e si va verso la prossima tornata elettorale .... Fedele B.N. D2 Catania

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.