L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






08 ottobre 2016

I TORRETTISTI, UN ESERCITO DI FANTASMI CONTRO LE FIAMME. E CHI NE SAPEVA NIENTE


I torrettisti, un esercito
di fantasmi contro le fiamme



E chi ne sapeva niente. La Sicilia provvede alla prevenzione degli incendi con i torrettisti. Quanti sono e che cosa fanno? Sono ben duecento e abitano, appunto, in una torretta dalla quale osservano che cosa succede con un binocolo attorno a loro. Hanno il compito di dare l’allarme in caso di incendio. Un compito difficile e pieno di responsabilità, che tuttavia non ha salvato finora la Sicilia dalle fiamme, facendone la regione più bruciata d’Italia.
Sostituiscono gli Gps, perché la vigilanza fisica, a quanto pare, offre maggiore sicurezza delle tecnologie moderne. Chi ha richiesto una vigilanza satellitare, così è servito: siamo anni luce lontani dalle innovazioni. Costa troppo il satellite, è meno sicuro? Non sappiamo. Di certo, altrove viene utilizzato come la deterrenza di maggiore successo.

I duecento torrettisti fanno parte dell’esercito dei forestali ed hanno forse la missione più ingrata: le loro otto ore, sulla carta, sono pesanti. Ma hanno anche regole e mezzi antiquati. Non possono intervenire personalmente nel caso in cui l’incendio si sviluppi fuori dal perimetro di loro competenza. E questo è niente.
Sono i guardiani dei “fari” di terra. La torretta nella quale vivono, a doifferenza dei fari sul mare, non ha né luce, né acqua, né servizi igienici. La radio per la trasmissione delle informazioni, e basta. Interrogata dai cronisti della Rai, una torrettista, Crocifissa Tusa, ha detto di avere invano chiesto almeno un servizio igienico. “Lo so che posso fare i miei bisogni all’aria aperta, ma ci sono le telecamere qui attorno, e non me la sento, così devo inibirmi per ben otto ore…”.
Sembra incredibile, ma è così.
Un altro torrettista, barba lunga, ed una faccia stravolta, ha detto di dovere osservare la campagna su un perimetro così vasto da comprendere ben tre province: Agrigento, Palermo e Messina.
Sarebbe utile, a questo punto, sapere in dettaglio come viene organizzato il servizio antincendio in Sicilia. Quanto costano elicotteri e Canadair e quanto il satellite. Perché mai ci siano forestali che fanno il bello ed il cattivo tempo ed altri, come i torrettisti, che non possono nemmeno soddisfare i loro bisogni fisiologici.

08 Ottobre 2016
http://www.siciliainformazioni.com/redazione/433985/433985





Notizie correlate:

Messina. Antonio Bongiorno colpito da un infarto fulminante mentre era in servizio presso la torretta. Si poteva salvare se ci fosse stata un'altra persona?

Mimmo Valenza torrettista di Monreale, circa trent'anni fà moriva in un tragico evento. Stava rifornendo il gruppo elettrogeno di carburante. Partì una scintilla e l’uomo venne avvolto dalle fiamme. Era da solo in torretta

Nota delle Segreterie Provinciali di Flai, Fai e Uila, al Capo dell'Irf di Palermo: sicurezza del personale A.T.A.I. in servizio presso questo Ispettorato

L'uomo solo in torretta

Il secondo uomo in torretta

La nota di Giuseppe Costa sul documento presentato al “Servizio di prevenzione della salute negli ambiti di lavoro”

A proposito dei torrettisti. In torretta succedono anche gli incidenti, quindi è arrivato il momento che l'uomo da solo in torretta non deve più stare!







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.