L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






07 luglio 2016

TERRENI PUBBLICI SVENDUTI: IN MANETTE FUNZIONARI REGIONALI


Terreni pubblici svenduti: in manette funzionari regionali



Dalle Iene alle manette. Con l’accusa di avere venduto nel 2014 un terreno, di proprietà della Regione siciliana, del valore di oltre 350.000 euro, per appena quattromila euro, un architetto del Genio civile di Messina e altre tre persone sono finite agli arresti domiciliari, mentre altri due burocrati, entrambi funzionari del Dipartimento Bilancio e Tesoro della Regione Siciliana, saranno sospesi per 6 mesi dall’esercizio dei pubblici uffici. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di falso ideologico e abuso d’ufficio per la vendita di un vasto appezzamento di terreno di proprietà pubblica, situato nel comune di Furnari, nel messinese. 

L’ordinanza è stata eseguita all’alba di oggi dai carabinieri della Sezione di Polizia giudiziaria della Procura di Messina, guidati dal Comandante provinciale dell’Arma, colonnello Jacopo Mannucci Benincasa, nell’ambito di una indagine coordinata da Alessia Giorgianni, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Messina. L’ordinanza è stata emessa dal gip a carico di Antonella Giuffrè, 58 anni, architetto presso il Genio civile di Messina; Federico Scardino, 25 anni; Franca La Rocca, 48 anni; Loredana Giuffrè, 54 anni, Ninfa Cangemi, 55 anni e Dania Ciaceri, 60 anni.

Secondo l’accusa, l’architetto presso il Genio Civile di Messina, avrebbe formato un atto di stima di un terreno sito nel comune di Furnari, “falso nella parte relativa alla stima del bene per la successiva vendita. Il funzionario, quale autore materiale, attestava nell’atto indicato un valore per la vendita pari ad euro 3.944,80, quando il terreno andava stimato in più di 368 mila euro”, dicono gli inquirenti. “La stessa, nella sua qualità di dirigente dell’Ufficio del Genio Civile di Messina, procurava un ingiusto vantaggio ai privati concorrenti indirizzando la falsa stima del terreno sito in Furnari agli Uffici del Dipartimento Regionale del Bilancio e del Tesoro della Regione Siciliana che nel mese di luglio del 2014 autorizzava la vendita in favore di Scardino e La Rocca per poi stipulare il contratto di compravendita presso il notaio l’11.09.2014”.


06 Luglio 2016
http://www.siciliainformazioni.com/redazione/362810/terreni-pubblici-svenduti-funzionari-regionali




NOTIZIE CORRELATE:












VALLE DEI TEMPLI QUEL TERRENO SVENDUTO AI PRIVATI. LA REGIONE APRE UN'INDAGINE SULLA CESSIONE DI 50 BENI A PARTIRE DAL CASO DI AGRIGENTO

IL TERRENO DEMANIALE SVENDUTO A FURNARI. LA COMMISSIONE ANTIMAFIA IN CAMPO: ASCOLTATO ALL'ARS IL SINDACO FOTI


CRIMINALITÀ E REGIONE. LA MAFIA, I TERRENI, I FONDI UE. DA ANTOCI AL "CASO TROINA". DA ANNI CERCHIAMO DI LEVARE LE TERRE DEL DEMANIO PUBBLICO, A TROINA PARLIAMO DI 4.000 ETTARI, DALLE MANI DELLE FAMIGLIE MAFIOSE DEI NEBRODI 


L’ATTENTATO AD ANTOCI: IL CONTROLLO DEI TERRENI E IL BUSINESS DEI CONTRIBUTI UE

“LA FILIERA AGRICOLA IN MANI MAFIOSE” LA DENUNCIA DELL’EX ASSESSORE CALECA

‘LE MANI DELLA MAFIA IN AGRICOLTURA’, REALE: “LA RICETTA CALECA NON BASTA”. “MA VI STATE SVEGLIANDO ORA? NESSUNO SAPEVA NIENTE?”

AREE DEMANIALI, SCREENING SULLA VENDITA. BOMBA AD OROLOGERIA

NEBRODI, PROBLEMA DEI PASCOLI GIÀ IN UNA LETTERA DEL 2012. AZIENDA FORESTE CHIESE TRASPARENZA, SILENZIO DA CROCETTA

NEBRODI, GLI INTERESSI SULLA GESTIONE DI CASE TRAPESI, DI PROPRIETÀ DELL'AZIENDA FORESTE DEMANIALI. FU OGGETTO DI UNA GARA A EVIDENZA PUBBLICA, BLOCCATA IL GIORNO DELLA FIRMA DEL CONTRATTO, PER UN INCENDIO SUI CUI INDAGA LA PROCURA DI CATANIA

MAFIA DEI NEBRODI: IL MISTERO DELL’INCENDIO DI ‘CASE PRATESI’ NEL 2013









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.