L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






19 maggio 2016

CRIMINALITÀ E REGIONE. LA MAFIA, I TERRENI, I FONDI UE. DA ANTOCI AL "CASO TROINA". DA ANNI CERCHIAMO DI LEVARE LE TERRE DEL DEMANIO PUBBLICO, A TROINA PARLIAMO DI 4.000 ETTARI, DALLE MANI DELLE FAMIGLIE MAFIOSE DEI NEBRODI


L'ATTENTATO AD ANTOCI

La paura del sindaco di Troina
"Io il prossimo obiettivo"


Il sindaco di Troina, Sebastiano Venezia


Sebastiano Venezia (nella foto): "Mi sento in pericolo"

TROINA (ENNA) - "Mi sento in pericolo, sovraesposto: temo che il prossimo obiettivo sarò io". E' molto provato il sindaco di Troina, Sebastiano Venezia (Pd), che è sotto scorta dal dicembre del 2012, dallo stesso giorno di quella affidata al presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci. Il sindaco del Comune dell'Ennese è stato sentito dalla squadra mobile della Questura di Messina su delega della Dda della Procura della città dello Stretto. L'inchiesta è coordinata dal procuratore Guido Lo Forte e dai sostituti Vito Di Giorgio, Angelo Cavallo e Fabrizio Monaco. "Da anni cerchiamo di levare le terre del demanio pubblico, a Troina parliamo di 4.000 ettari, dalle mani delle famiglie mafiose dei Nebrodi - aggiunge Venezia all'ANSA - ma non ci aspettavamo una reazione del genere. Occorre una reazione forte dello Stato. Io sono preoccupato e amareggiato, non mi aspettavo a 34 anni di non potere uscire di casa se non scortato. Sono provato". 

La scelta della data dell'agguato ad Antoci, secondo Venezia, potrebbe non essere casuale. Il sindaco di Troina vive sotto scorta dal 2012 per le battaglie contro la mafia dei pascoli. "Oggi pomeriggio - ricostruisce - avremmo dovuto consegnare un fondo demaniale sottratto alla mafia alla confraternita Ramara, dei pellegrini devoti di San Silvestro, che per tradizione si riuniscono per iniziative in onore del Santo Patrono di Troina. Sarebbe dovuto venire anche Antoci...".

"Con lui - aggiunge Venezia - da anni cerchiamo di smuovere le acque, di togliere le terre del demanio dalle mani delle famiglie mafiose di Tortorici e Cesarò. La botta oggi è stata dura. Occorre un intervento forte dello Stato e non lasciare abbassare l'attenzione su quanto accade. Sono preoccupato anche per l'arrivo dell'estate - rivela il sindaco di Troina - e se qualcuno di questi appicca il fuoco alle campagne che succederà? E' dura continuare così...".

18 Maggio 2016
http://livesicilia.it/2016/05/18/la-paura-del-sindaco-di-troina-io-il-prossimo-obiettivo_749777/





NOTIZIE CORRELATE:












VALLE DEI TEMPLI QUEL TERRENO SVENDUTO AI PRIVATI. LA REGIONE APRE UN'INDAGINE SULLA CESSIONE DI 50 BENI A PARTIRE DAL CASO DI AGRIGENTO

IL TERRENO DEMANIALE SVENDUTO A FURNARI. LA COMMISSIONE ANTIMAFIA IN CAMPO: ASCOLTATO ALL'ARS IL SINDACO FOTI









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.