L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






27 maggio 2016

AREE DEMANIALI, SCREENING SULLA VENDITA. BOMBA AD OROLOGERIA


Aree demaniali, screening sulla vendita. Bomba ad orologeria


“Da alcune verifiche abbiamo certezze sulle infiltrazioni mafiose tollerate per decenni e mai contrastate.” Inequivocabili le parole del Presidente della Regione, Rosario Crocetta. La mafia dei pascoli nel mirino della magistratura e della polizia, nel Parco dei Nebrodi, non è che la punta dell’iceberg. Hanno chiuso un occhio, talvolta tutti e due, nelle campagne siciliane, ed è stato fatto tutto quello che si è voluto.

Sulla base di questa convinzione, suggerita dalle verifiche effettuate in questi giorni, il governatore ha emanato un atto di indirizzo avente per oggetto la vendita di proprietà demaniali da parte della Regione siciliana. I destinatari della disposizione sono gli alti burocrati della Regione, che dovranno effettuare uno scrupoloso controllo. E’ prevedibile, dunque, che su questo fronte nel prossimo futuro sia abbiano interessanti risvolti in un settore che potrebbe avere fatto la fortuna di molti. Trattandosi di terreni agricoli demaniali, si sospetta che a guadagnarci siano stati i “padroni” del territorio, quindi capibastone e famiglie mafiose.

“Dopo le azioni fatte in campo agricolo per la verifica dei terreni sottratti alla Regione”, si legge in una nota di Palazo d’Orleans, “le vicende del parco dei Nebrodi relative al pascolo, le indagini sulle incaute vendite dei terreni di proprietà demaniale a soggetti non in regola con le informative antimafia, il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, scrive ai dirigenti generali dei dipartimenti competenti, per effettuare i controlli antimafia su alienazioni e locazioni, a qualsiasi titolo, di beni regionali.”
“Tale disposizione – spiega il governatore – si applica anche per le transazioni sotto soglia dove non è richiesta per legge l’informativa antimafia e dove attraverso meccanismi di valorizzazione dei beni regionali si fanno affari ben al di là degli importi sopra soglia. Da alcune verifiche – prosegue Crocetta – abbiamo certezze sulle infiltrazioni mafiose tollerate per decenni e mai contrastate.

“L’analisi che abbiamo fatto a campione, ci porta a pensare a un fenomeno estremamente diffuso e capillare che verrà affrontato con la necessaria durezza rappresentando anche alle procure contabili e antimafia le irregolarità già riscontrate e – conclude il governatore – quelle che verranno riscontrate nelle prossime settimane”.

26 Maggio 2016
http://www.siciliainformazioni.com/redazione/332200/screening-sulla-vendita-dei-terreni-demaniali-bomba-ad-orologeria





NOTIZIE CORRELATE:












VALLE DEI TEMPLI QUEL TERRENO SVENDUTO AI PRIVATI. LA REGIONE APRE UN'INDAGINE SULLA CESSIONE DI 50 BENI A PARTIRE DAL CASO DI AGRIGENTO

IL TERRENO DEMANIALE SVENDUTO A FURNARI. LA COMMISSIONE ANTIMAFIA IN CAMPO: ASCOLTATO ALL'ARS IL SINDACO FOTI


CRIMINALITÀ E REGIONE. LA MAFIA, I TERRENI, I FONDI UE. DA ANTOCI AL "CASO TROINA". DA ANNI CERCHIAMO DI LEVARE LE TERRE DEL DEMANIO PUBBLICO, A TROINA PARLIAMO DI 4.000 ETTARI, DALLE MANI DELLE FAMIGLIE MAFIOSE DEI NEBRODI 


L’ATTENTATO AD ANTOCI: IL CONTROLLO DEI TERRENI E IL BUSINESS DEI CONTRIBUTI UE

“LA FILIERA AGRICOLA IN MANI MAFIOSE” LA DENUNCIA DELL’EX ASSESSORE CALECA

‘LE MANI DELLA MAFIA IN AGRICOLTURA’, REALE: “LA RICETTA CALECA NON BASTA”. “MA VI STATE SVEGLIANDO ORA? NESSUNO SAPEVA NIENTE?”






Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.