L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






23 aprile 2016

IL PRESIDENTE DEL PARCO MARISA MAZZAGLIA: NON ESISTE NESSUN PERICOLO CHE L'ETNA VENGA CANCELLATO DAL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO, LO ASSICURA CON UNA LETTERA IL MINISTERO DELL'AMBIENTE


Dalla pagina facebook
drl Parco dell'Etna


Il presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente







COMUNICATO STAMPA PARCO ETNA

Il Ministero dell’Ambiente: non esistono rischi di cancellazione dell’Etna dalla Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, nessuna criticità nella gestione del sito
NICOLOSI (22 aprile 2016) – La lancetta della “pagella” che l’UNESCO attribuisce allo stato di salute del Sito Mount Etna, entrato nella WHL nel giugno 2013 è stabilmente collocata nel quadrante “Good”, il massimo del rating attribuito dall’UICN. L’immagine della prima pagina del documento pervenuto al Parco dell’Etna all’indomani della prima revisione cui il sito è stato sottoposto tra il 2013 ed il 2015, non lascia spazio alcuno a dubbi e illazioni.
Ma c’è di più: “La gestione del sito Mount Etna è affidata all’Ente Parco, Gestore Monte Etna. Al momento non risultano inadempienze da parte del sito nei riguardi delle raccomandazioni ricevute dal Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO, tali da rappresentare criticità per quanto riguarda la gestione del sito o altre problematiche inerenti le aree del Parco Regionale dell’Etna riconosciute come sito del Patrimonio Mondiale”. E ancora, con estrema chiarezza: “Ad oggi non esiste alcun segnale che possa far ipotizzare una futura iscrizione del sito nella Lista dei Patrimoni in pericolo, fase preliminare per una eventuale procedura di cancellazione dalla Lista del Patrimonio Mondiale”.
Parole nette, chiarissime, che smentiscono in modo da non lasciare spazio a equivoci le insistenti illazioni circolate nelle ultime settimane sui possibili rischi di una clamorosa esclusione dell’Etna dalla lista dei siti naturali del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Parole contenute in una lettera ufficiale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, pervenuta ieri al Parco dell’Etna, indirizzata alla presidente Marisa Mazzaglia e firmata da Antonio Maturani, della Direzione per la Protezione della Natura e del Mare.
Come ha comunicato ieri la presidente Mazzaglia al Consiglio del Parco, riunito nella sede dell’Ente a Nicolosi, il Ministero dell’Ambiente ha risposto molto celermente con questa lettera dai contenuti estremamente chiari alla “richiesta di chiarimenti su alcune questioni riguardanti il sito UNESCO Mount Etna poste sulla stampa locale, riguardanti presunte criticità che potrebbero comportare l’esclusione dalla World Heritage List”, contenuta in una precedente lettera dell’Ente, che aveva espressamente chiesto un parere al Ministero.
Agli amministratori dei Comuni del Parco presenti, Marisa Mazzaglia ha spiegato: “Le notizie circolate nelle ultime settimane avevano creato un clima di allarme tra gli operatori che certamente non giova allo sviluppo del territorio, anzi tende a minarne alla base fiducia e reputazione, che pur essendo elementi immateriali, hanno certamente un peso enorme nelle scelte degli investitori, sempre più interessati al territorio dell’Etna. Ecco perché abbiamo ritenuto opportuno rassicurare tutti, sindaci, cittadini, operatori economici, preoccupati dalle notizie diffuse con insistenza, sulla loro totale infondatezza. Il Ministero dell’Ambiente, che vogliamo ringraziare per la rapidità e chiarezza della risposta, ha anche puntualizzato che la gestione del sito UNESCO è affidata all’Ente Parco. Ciò non significa che sulle questioni relative alla promozione e valorizzazione del territorio il Parco non possa e non debba proficuamente interloquire e collaborare con altri attori istituzionali che hanno competenze specifiche, pur rimanendo il perno del sistema Etna”.
Successivamente Agata Puglisi, dirigente del Parco a capo dello staff UNESCO, ha fatto il punto sulle verifiche effettuate dall’IUCN (l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, che nell’ambito UNESCO si occupa dei siti naturali) dopo l’iscrizione del Mount Etna il 21 giugno 2013, sottolineando che l’ultimo rapporto di valutazione giudica il sito “con una buona prospettiva di conservazione”, dunque in buona salute. In particolare, evidenzia il rapporto, è buono lo stato attuale e la tendenza dei valori, molto basse le minacce, efficace la protezione e il management.
A commentare le informazioni fornite dalla presidente Mazzaglia, è intervenuto il sindaco di Piedimonte Etneo Ignazio Puglisi, che ha preso atto con soddisfazione della lettera del Ministero, esprimendo l’auspicio che con l’ampio coinvolgimento di altre istituzioni, insieme al Parco e ai suoi Comuni, si possa rendere operativo il “sistema Etna”, per la valorizzazione e promozione turistica dell’area protetta; mentre il sindaco di Nicolosi Nino Borzì si è detto preoccupato dei continui allarmi alla stampa che hanno creato preoccupazione negli operatori e che certamente danneggiano l’immagine dell’Etna ed ha sottolineato il ruolo centrale e positivo del Parco dell’Etna con i Comuni nella gestione del sito UNESCO e delle risorse che verranno destinate al sito nella nuova programmazione europea, senza alcuna necessità di creare nuovi comitati o altri organismi.
Sotto, la lettera del Ministero dell'Ambiente e il "rating" Iucn sullo stato di salute del sito Monte Etna.





La meravigliosa Etna, senza se e senza ma



Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, corpo forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga








Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.