L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






04 gennaio 2016

ETNA: VOLONTARI RIPULISCONO, SACCHI RESTANO IN STRADA. OPERAZIONI DI FACCIATA, UTILI SOLO PER FOTO SUI GIORNALI. IL BLOG: PERCHE' LA SICILIA NON DEVE UTILIZZARE I LAVORATORI FORESTALI PER LA CURA E MANUTENZIONE DEL TERRITORIO?


Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada.
«Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali»




Cronaca – Potrebbero essere lì dal 7 novembre. Da quando, cioè, le buste sono state riempite dai partecipanti a Meglio parco che sporco, iniziativa dell'ente gestore dell'area protetta. «Io non ero stato avvisato», dice il sindaco di Belpasso Carlo Caputo. «Si gioca a scaricabarile», sostiene l'esperto Carmelo Nicoloso

Cumuli di rifiuti raccolti e in parte differenziati. E lasciati per la strada, in contrada Segreta, a Belpasso, da mesi. È l'immagine immortalata all'interno del parco dell'Etna da Carmelo Nicoloso, vicepresidente di Federescursionismo Sicilia e referente per il Sud del Comitato parchi italiano. «Mi hanno segnalato che sono gli strascichi dell'iniziativa Meglio parco che sporco, promossa dall'ente che gestisce l'area protetta e fatta lo scorso 7 novembre - spiega l'esperto - La gente raccoglie la spazzatura, ma poi i Comuni non mandano il personale a portare via i sacchi. E quelli restano lì». «In realtà, manca totalmente la comunicazione con il parco dell'Etna - risponde il sindaco belpassese Carlo Caputo - È una grande amarezza».

La fotografia che ritrae le bustone nere dell'immondizia abbandonate in mezzo a una strada di montagna è di ieri. «È una strada interna che collega contrada Delizia a un'altra strada che va da Nicolosi verso Ragalna», racconta Nicoloso. «Quei rifiuti abbandonati sono la dimostrazione che questa iniziativa del parco è una operazione di facciata più che l'espressione di una vera intenzione di bonifica del territorio. Finché ci sono riflettori e giornali va tutto bene, ma dopo che i giornalisti vanno via non interessa più niente a nessuno». Motivo per il quale lui e altri attivisti - anche di associazioni diverse - hanno deciso di non partecipare più alla raccolta dei volontari. «Quando è stata proposta dal parco noi l'abbiamo sposata e condivisa, poi ci siamo accorti che di concreto e corretto c'era poco».

La «correttezza» alla quale Carmelo Nicoloso fa riferimento è il coordinamento tra l'ente parco, le amministrazioni locali e altre organizzazioni. «Parco dell'Etna e Comuni non cooperano - dice Nicoloso - E sappiamo che anche il corpo forestale non viene interpellato». Il risultato della mancanza di dialogo sarebbero le microdiscariche che si costituiscono a partire dalle operazioni di pulizia: «La foto che ho scattato è una bandiera di questo genere di risultati». «Mi piange il cuore - sostiene il primo cittadino - Io sono il sindaco che mette le telecamere nascoste per prendere gli zozzoni. Nel 2015 abbiamo fatto 122 multe a quelli che buttavano la spazzatura in luoghi dove non dovevano. Ma se non mi viene detto nemmeno dove operano i volontari io come faccio?». «Non è la prima volta che capita - interviene il vicepresidente di Federescursionismo - Ho visto con i miei occhi che la spazzatura raccolta dai cittadini veniva lasciata in abbandono. Quella là dentro è pure parzialmente differenziata».

Nello specifico, dell'accumulo di sacchi in contrada Segreta Caputo risponde di essere stato avvisato proprio da Carmelo Nicoloso: «Era il 23 o il 24 dicembre. Non sono riuscito a organizzare il conferimento in discarica in mezzo alle feste. Garantisco che la strada sarà ripulita subito dopo l'epifania. Ma sto provando a far sì che venga tolto tutto anche prima. Non è facile», replica. «Il fatto è che il territorio va controllato e vigilato. Non si può andare avanti con uno scaricabarile continuo - conclude Nicoloso - Gli operatori che lavorano sul vulcano sanno perfettamente quanti investimenti ci vogliano per fare questo mestiere. E vedono tutti i giorni vanificati i loro sforzi a causa dell'incuria. Di chi sono le responsabilità? Se le prendano».

 03 gennaio 2015
http://catania.meridionews.it/articolo/39459/etna-volontari-ripuliscono-sacchi-restano-in-strada-operazioni-di-facciata-utili-solo-per-foto-sui-giornali/






La meravigliosa Etna 


Se l'Etna non è ripulita mettendo in azione i forestali sarà difficile attrarre turismo

Perché i forestali non ripuliscono l'Etna?

Il dibattito sull’Etna 


L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna



Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi» 

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia








Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.