L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






27 novembre 2015

SICILIA. LA GIUNTA RINVIA IL BILANCIO: A RISCHIO PIP E PRECARI. IL BILANCIO 2016, NELLA FORMULAZIONE ATTUALE, PREVEDE POCO O NULLA PER CATEGORIE COME I FORESTALI


Sicilia - La giunta rinvia il Bilancio: a rischio Pip e precari
La manovra di Baccei prevede tagli per circa 1,8 miliardi. Il governo regionale prende tempo e spera negli aiuti da Roma



II primo round in giunta sulla Finanziaria e il bilancio si è chiuso con un nulla di fatto. Il governo prende tempo, evita di approvare subito una manovra che prevede tagli mai visti alla Regione e spera che entro lunedì arrivi il paracadute statale. L'assessore Alessandro Baccei ha portato in giunta una manovra che contiene poco più di un miliardo e ottocento milioni di tagli. In attesa che da Roma arrivi un bonus di un miliardo e 400 milioni, sono stati svuotati tutti o quasi i capitoli che non servono a pagare mutui, stipendi dei regionali, pensioni e poco altro. «Salve, per ora, solo le spese obbligatorie» è la sintesi estrema dell'assessore. Il bilancio 2016, nella formulazione attuale, prevede poco o nulla per categorie come i forestali (costo annuale 300 milioni), precari degli enti locali (300 milioni), Pip di Palermo (30 milioni) e per il finanziamento di tutta la galassia degli enti regionali. Baccei precisa che si tratta di un pia no volutamente incompleto: «Lunedì si riunirà a Roma il tavolo Stato-Regione per il piano di trasferimenti che vale un miliardo e 400 milioni. Se arriverà l'intesa, cambierà tutto». Per questo motivo la giunta ha riaggiornato i propri lavori a martedì. Nell'attesa sono rimasti aperti alcuni temi: la giunta ha evitato di decidere - sempre nel caso di mancato accordo con Roma - se tagliare subito tutto o parte delle risorse su alcuni capitoli. È il caso del fondo per i Comuni, che potrebbe avere almeno una parte dei quasi 400 milioni annuali. E lo stesso vale per il fondo destinato ai precari. Il rinvio a martedì è stato chiesto da Antonello Cracolici e Giovanni Pistorio, punte di diamante di Pd e Udc in giunta. I principali alleati, dunque, provano a evitare l'effetto boomerang dell'approvazione di una manovra che seppure in evoluzione - scoraggerebbe l'opinione pubblica. E ciò malgrado da giorni il presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone, metta in evidenza tutta la propria preoccupazione per l'assenza perfino del bozzone di bilancio. La manovra presentata da Baccei non è tuttavia solo un'applicazione matematica dei tagli per coprire il buco. Ci sono anche una serie di riforme contenute in un allegato alla Finanziaria. È il piano da cui devono arrivare risparmi per circa 350 milioni. La norma principale è quella che punta all'acce rpamento o alla chiusura di enti regionali: prevista la cancellazione di 500 poltrone da dirigente o membro di consiglio di amministrazione. Fra i 185 enti da chiudere, gran parte delle Opere Pie, gli Istituti autonomi case popolari e una ventina di società partecipate. Intanto però, per fotografare il clima in cui la manovra sta prendendo forma, ieri è esplosa la protesta all'Istituto Vino e Olio. Giacomo Manzo e Gaetano Cassiba dell'Ugl segnalano che «i 68 dipendenti non percepiscono lo stipendio da due mesi». La protesta «nei prossimi giorni potrà creare disagi alle aziende e cantine e all'intero sistema viti-enologico siciliano». Il presidente Rosario Crocetta e l'assessore Alessandro Baccei

27 Novembre 2015







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.