L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






06 agosto 2015

SOPPRESSIONE DEL CORPO FORESTALE: RISCHIA ANCHE LA SICILIA! NON SI POSSONO CANCELLARE 43 ANNI DI STORIA! NON SI POSSONO CANCELLARE LE SQUADRE DI PRONTO INTERVENTO ANTINCENDIO BOSCHIVO, RECLUTATE ATTRAVERSO SPECIFICHE NORMATIVE!


Soppressione del Corpo Forestale: rischia anche la Sicilia!

Non si possono cancellare 43 anni di storia! 

Non si possono cancellare le squadre di pronto intervento antincendio boschivo reclutate attraverso specifiche normative!



Smantellati i nuclei di investigazione del corpo forestale in Sardegna


Nel testo approvato al Senato è previsto uno spostamento delle risorse dal Corpo Forestale dello Stato ai Vigili del Fuoco. Dal prossimo anno può succedere di tutto anche in Sicilia che ha uno Statuto Speciale, per esempio. Le funzioni degli incendi boschivi, i mezzi e le competenze del Corpo Forestale della Regione passerebbero ai Vigili del Fuoco. 
Nelle 5 regioni a Statuto Speciale la soppressione si può evitare, infatti il Veneto si è già attrezzato. L’assessore Shaurli: no alla fusione con gli statali, manterremo l’autonomia. «Necessario rafforzare la prevenzione e potenziare gli interventi in montagna»

Temiamo che la Sicilia dovrà presumibilmente obbedire ad una legge calata dall'alto, senza immaginare che sciogliere il CFR significa aprire una breccia nello Statuto Speciale.
Questa riforma avrà ripercussioni su tutto l'assetto dell'antincendio boschivo, AIB COMPRESI!

Cosa ci rimane da fare? Seguire l'ottimo esempio della Regione Veneto, che permette di salvare i Forestali e permetterebbe in Sicilia di salvare anche l'ottimo e impeccabile servizio antincendio boschivo.

Non si possono cancellare 43 anni di storia!

Ma per averla vinta si dovrà coinvolgere l'Ars. Quanti di loro saranno favorevoli?
Incominciamo a contattarli così da quì:
http://www.ars.sicilia.it/deputati/default.jsp




Wikipedia



Il Corpo Forestale della Regione Siciliana è un corpo tecnico con funzioni di polizia, dipendente dall'Assessorato del Territorio e dell'Ambiente della Regione Siciliana.



Storia

Come previsto dallo Statuto speciale del 1946, la Regione Siciliana nel 1972, seguita poi dalle altre Regioni autonome (Sardegna, Val d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, province autonome di Trento e Bolzano) decise di istituire un Corpo forestale autonomo, recependo in ambito territoriale regionale i compiti e le qualifiche del Corpo Forestale dello Stato. La formazione del personale in divisa, dotato permanentemente di qualifiche di Pubblica Sicurezza e Polizia Giudiziaria, viene, ad oggi, demandata alla Scuola del Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia.
Nel corso degli anni ha poi legiferato in maniera autonoma circa le qualifiche.
Competenze

Principali competenze del Corpo, all'interno del territorio della Regione Siciliana, sono:

    Funzioni di pubblica sicurezza
    Polizia giudiziaria
    Polizia ambientale
    Polizia forestale
    Polizia venatoria
    Polizia agroalimentare

    Coordinamento antincendio in aree boscate e protette
    Sorveglianza e tutela dei parchi regionali e delle aree naturali protette.


Il Corpo, inoltre, è organo permanente di Protezione Civile in ambito regionale.
Con l'art. 4 della legge n.4 del 2011 vengono previste sezioni di PG del Corpo presso ogni procura della Repubblica della Sicilia [2] soprattutto per il contrasto ai reati ambientali e alle ecomafie.
 

Nuclei e reparti speciali

Il Corpo è formato da circa 850 unità, dotate di funzioni di Pubblica sicurezza e Polizia giudiziaria, suddiviso nelle varie qualifiche, oltre al personale amministrativo e tecnico che presta servizio presso le sedi centrali e periferiche. Tale personale viene assunto esclusivamente attraverso concorso pubblico, fatta eccezione per il personale avventizio stagionale che compone le squadre di pronto intervento antincendio boschivo, reclutato attraverso specifiche normative. Il Comando regionale, che ha sede in Palermo, si avvale di 9 Servizi Ispettorati Ripartimentali, ciascuno dei quali coordina le attività istituzionali del Corpo, ivi inclusi i Distaccamenti forestali, nell'ambito territoriale provinciale assegnato.

Oltre alle attività ordinarie e alle competenze proprie, il Corpo dispone di diverse specialità:

    Sezioni di polizia giudiziaria
    Nucleo operativo regionale (NOR)
    nuclei operativi provinciali (NOP)
    Nucleo operativo TLC (telecomunicazioni)
    Nucleo operativo sicurezza agroalimentare (NORAS)
    Distaccamenti di soccorso montano e protezione civile
    Reparto ippomontato
    Banda musicale.

Qualifiche
La qualifiche del Corpo forestale della Regione siciliana sono articolate nei ruoli: dirigenti, commissari/funzionari, ispettori/periti, sovrintendenti/revisori, assistenti ed agenti/collaboratori, ed operatori.

Il comandante del Corpo Forestale ha la qualifica di dirigente generale ed è nominato dalla Giunta regionale di governo. Al di sotto ci sono i dirigenti tecnici forestali, ed i dirigenti amministrativi (dirigenti tecnici ed amministrativi, sono posti allo stesso livello, solo che i primi ricoprono ruoli tecnici, i secondi ruoli amministrativi). 


Con funzioni di polizia

I ruoli del personale del Corpo, che espleta funzioni di polizia sono così articolati:

- Ruolo dei dirigenti:

    dirigente generale
    dirigente tecnico.

- Ruolo dei commissari:

    commissario superiore
    commissario capo
    commissario
    vice commissario.

- Ruolo degli ispettori:

    ispettore superiore
    ispettore capo
    ispettore
    vice ispettore.

- Ruolo dei sovrintendenti:

    sovrintendente capo
    sovrintendente
    vice sovrintendente.

- Ruolo degli agenti ed assistenti:

    assistente capo
    assistente
    agente scelto
    agente.

Gli appartenenti ai ruoli dei commissari, ispettori e sovrintendenti, hanno le qualifiche di agente di pubblica sicurezza, e ufficiale di polizia giudiziaria. Gli appartenenti ai ruoli degli agenti ed assistenti, hanno le qualifiche di agente di pubblica sicurezza e di agente di polizia giudiziaria.
Insegne di qualifica

Tecnico amministrativi

I ruoli del personale del Corpo, che svolge attività tecnico scientifiche, tecnico strumentali, ed amministrative, sono così articolati:

  • dirigenti:
  • funzionari direttivi:
  • periti:
  • revisori:
  • operatori:

Operai forestali

Oltre alle circa 800 unità del personale in divisa e amministrativo, dipendono dal Corpo circa 8000 operai forestali, lavoratori assunti con contratti stagionali part-time, del "Servizio antincendio".

Per maggiori informazioni:

Comando del Corpo Forestale della Regione Siciliana




NO ALLA SOPPRESSIONE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO!

NO AL TRASFERIMENTO DELLE FUNZIONI DI INCENDI BOSCHIVI AI VIGILI DEL FUOCO!



https://www.change.org/p/no-alla-soppressione-del-corpo-forestale-dello-stato?recruiter=49828971&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&rp_sharecordion_checklist=control











3 commenti:

  1. Sicilia Terra di conquista e di Saccheggio.
    Con il fallimento della nostra classe politica,asservita a vassalli al potere romano,si consumerà l'ultimo atto del saccheggio dell'Isola.
    La politica e i suoi adepti, hanno usato la nostra terra solamente come trampolino di lancio per arrivare a Roma o Strasburgo.
    Ma come la storia di questa amata terra ci ha insegnato,spetterà a noi popolo rimboccarsi le maniche e risorgere più forti di prima.
    Diamo uno schiaffo a Roma,buttiamo (metaforicamente col voto) a mare questi politici,cambiamo verso totalmente,e la nostra rivolta sarà l'uragano che travolgerà il potere di questa CASTA
    oppure......calati juncu ca passa la china
    carmelo troina

    RispondiElimina
  2. Premesso che la regione Veneto è a statuto ordinario e di conseguenza non ha un suo Corpo Forestale, la legge delega non ha potuto prevedere la soppressione dei rimanenti corpi/servizi forestali in capo alle regioni/provincie autonome perchè servirebbe una norma di rango costituzionale essendo la prerogativa prevista nei vari statuti. Per quanto il CFRS sia nato da una costola del CFS, negli anni le strade da prima parallelle hanno preso direzioni diverse, il corpo statale ha cercato di innovarsi ampliando le proprie competenze, creando specializzazioni e cercando di ottenere risultati sul campo cosa non sempre facile se si considera l'esiguità del personale (8000 circa di cui 1000 tra Ispettorato Generale a Roma e nei Servizi Scuola) con il quale coprire le 15 regioni a statuto ordinario ed i servizi presenti nelle regioni a statuo speciale/autonomo (circa 200 agenti di cui un centinaio solo in Sicilia presso aeroporti,porti e procure della repubblica); il corpo siciliano non ne ha seguito le orme, rimanendo principalmente concentrato sul servizio AIB e continuando la gestione di contingenti di operai a tempo determinato (nelle regioni a statuto ordinario esiste solo il volontariato organizzato dai comuni oppure il personale OTD assunto dalla regione che non ha dipendenze funzionali e/o altri rapporti con il CFS che ha un esiguo numero di OTI sparso sul territorio dell'intera nazione).

    I numeri presentati seppur attendibili...lo saranno ancora per poco, con la stessa legge finanziaria regionale che ha tegliato il 20% del comparto AIB, infatti, la regione ha dato via al pensionamento con i requisiti pre-Fornero che di fatto dimezzerà il personale entro il 2020 lasciando in servizio circa 350/400 elementi la cui età media sara' 58 anni circa. Il futuro è tutto da scrivere. firmato "un CFRS" con preghiera di pubblicazione seppur anonimo (spero comprensibilmente)

    RispondiElimina
  3. Approvato DDL corpo forestale accorpato ai carabinieri. I mezzi antincendio dal prossimo anno saranno dati in dotazione ai vigili del fuoco. Anno progammato tutto tranne per gli ASPI perché noi non esistiamo. Domanda: E gli ASPI che fine faranno??? io crede che i sindacati sanno tutto solo che stanno zitti, e poi quando sara il momento giusto ce lo serviranno in un piatto, come anno fatto con il 20% degli aspi.Giardina Fernando

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.