L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






28 gennaio 2015

CONTINUANO GLI ABBATTIMENTI DELLE FUSTAIE DEMANIALI PER BIOMASSE ORA ANCHE A MAZZARINO. LEGAMBIENTE: ESPOSTO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI GELA ED ALL’AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE.PIENA CONDIVISIONE E SOSTEGNO ALL’AZIONE DELL’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA NINO CALECA PER L’ANNULLAMENTO DEL CONTRATTO E LA REVOCA DELLA CONCESSIONE



Ricevo e volentieri pubblico
da Angelo Dimarca
Responsabile Conservazione Natura di Legambiente Sicilia











Demanio Forestale Gibliscemi (Mazzarino CL)


 Demanio Forestale Gibliscemi (Mazzarino CL)


Contrada Rigiulfo (Mazzarino, CL)




Continuano gli abbattimenti delle fustaie demaniali per biomasse ora anche a Mazzarino.

Legambiente: esposto alla Procura della Repubblica di Gela

ed all’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Piena condivisione e sostegno all’azione dell’Assessore regionale all’agricoltura Nino Caleca

per l’annullamento del contratto e la revoca della concessione.



Mentre i riflettori sono tutti puntati sui tagli dei boschi demaniali di Gabbara a San Cataldo e nonostante le iniziative intraprese per fare piena luce sulla vicenda dell’affidamento alla Biomasse-Sper e della centrale a biomasse della Valle del Dittaino, Legambiente denuncia che analoghi ed assurdi estesi tagli hanno interessato e stanno interessando i boschi regionali di contrada Gibliscemi e Rigiulfo a Mazzarino  in provincia di Caltanissetta.

“Si tratta sempre degli interventi della società Biomasse – denuncia Angelo Dimarca Responsabile Regionale del Dipartimento Conservazione Natura di Legambiente Sicilia – Anche in questo caso si tratta di  tagli a raso di fustaie in assenza di  piani di assestamento del bosco o di piani di gestione forestale sostenibili, obbligatori per legge. Peraltro i suoli arenari di  quel comprensorio sono ancora più vulnerabili ed esposti all’erosione superficiale. Si tratta anche di aree limitrofe alla Zona di Protezione Speciale della Piana di Gela e senza che sia stata fatta la Valutazione di Incidenza. Per questo abbiamo presentato un analogo esposto alla Procura della Repubblica di Gela, competente per territorio”.

Legambiente manifesta piena condivisione e sostegno nei confronti dell’Assessore regionale all’agricoltura Nino Caleca, le cui recenti chiare dichiarazioni sulla nullità dei contratti e sulla revoca degli affidamenti dei tagli confermano la gravità della situazione.

Per Legambiente  sono state  violate anche   le norme sulla trasparenza di cui al decreto legislativo 33 del 2013 in quanto sui siti web del Corpo Forestale regionale e del Dipartimento regionale sviluppo rurale (ex Azienda foreste demaniali) non si rinvengono né i provvedimenti di autorizzazione al taglio né quelli di concessione.

Per questo Legambiente ha presentato un esposto anche all’Autorità Nazionale Anticorruzione.








Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.