L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






25 aprile 2014

LA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NICOSIA E L'AZIENDA FORESTALE NON PUO' RITENERSI VALIDA. LA SILVOPASTORALE PUO' FARE IL BANDO PER L'AFFITTO DEI TERRENI


«Convenzione senza valore» Nicosia.

La Silvopastorale può fare il bando per l'affitto dei terreni che sono locati alla Montagnola

Bovini al pascolo

Nicosia. Un accordo che tecnicamente non ha valore giuridico e che pertanto non può pregiudicare diritti acquisiti con regolare contratto di locazione. La convenzione decennale tra il Comune di Nicosia e l'Azienda foreste demaniali non può ritenersi valida per le particelle ed i lotti già concessi in affitto sin dal 1999 alla cooperativa La Montagnola, anche perché la convenzione è stata stipulata dal sindaco Malfitano e dalla sua giunta senza che ne fossero informati la Silvopastorale, che da 60 anni gestisce il demanio comunale, né i soci della cooperativa. Un pasticcio che avrebbe potuto essere evitato anche solo esaminando le mappe delle aree su monte Campanito, che sono assegnate in affitto o, meglio ancora, informando il direttore tecnico della Silvopastorale dell'intento di stipulare la convenzione con l'azienda foreste e sottoporgli i lotti oggetto dell'accordo che assegna la gestione delle aree alla forestale. Le conseguenze dell'inserimento nella convenzione di lotti assegnati da decenni a privati sarebbero catastrofiche sul bando di assegnazione dei lotti attualmente assegnati alla cooperativa Montagnola, il cui contratto scade a breve. Il bando è già stato predisposto e così il Cda dell'Assp, presieduto da Francesco Di Grazia, che è assistita gratuitamente dall'avvocato Giuseppe Agozzino, ha deciso di procedere con il bando attuale. La convenzione venne sottoscritta dal sindaco Sergio Malfitano con l'azienda foreste senza che l'Assp è stata informata e coinvolta, nel bando quei lotti sono inseriti. Così l'Assp, considerato che per statuto i fondi debbono essere oggetto di bando e di contratto, non potendo rimanere infruttuosi e non potendo ledere l'affidamento degli affittuari sul diritto di prelazione, anche in vista delle scadenze dei termini per la percezione di premi e contributi sul biologico, ha comunicato all'Azienda foreste che metterà ugualmente a bando i fondi oggetto della convenzione Comune - Azienda foreste. D'altra parte, la stessa Azienda foreste avrebbe dato la disponibilità a rettificare la convenzione, onde evitare di mettere in difficoltà la Silvopastorale e gli stessi allevatori ma, soprattutto, evitare un inutile contenzioso che avrebbe come unico effetto quello di bloccare tutto. La cooperativa La Montagnola è affittuaria sin dal 1999 di circa 600 ettari di fondi ad uso pascolo. Intanto è stato raggiunto l'accordo tra Assp e cooperativa La Montagnola, rappresentata dell'avvocato Gianfranco Castrogiovanni, per la restituzione di circa 70 ettari che la coop doveva restituire ma che i precedenti Cda dell'Assp non avevano mai rivendicato.
Giulia Martorana

24 Aprile 2014






Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.