L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






18 agosto 2013

TRAGEDIA DEL 18 AGOSTO 1993, LETTERA DEL COMMISSARIO CRIMI: PER NON DIMENTICARE CHI HA DATO LA PROPRIA VITA PER LA SALVAGUARDIA DELLA NATURA IN CUI CREDEVA FERMAMENTE






TRAGEDIA DEL 18 AGOSTO 1993, LETTERA DEL COMMISSARIO CRIMI:
“PER NON DIMENTICARE CHI HA DATO LA PROPRIA VITA PER LA SALVAGUARDIA DELLA NATURA IN CUI CREDEVA FERMAMENTE”
 (di E. Crimi)


Il 18 di agosto di ogni anno, puntuale e carico di dolore e rabbia per tutti, arriva il ricordo di uno dei giorni più tragici nella storia del Corpo Forestale della Regione Siciliana, che ha procurato tanta angoscia e tristezza nei cuori di chi crede nella sacralità della vita e nella salvaguardia dei beni ambientali. Infatti, in quell’infausta data del 1993, durante le operazioni di spegnimento di un incendio boschivo all’interno del “feudo Mitogio”, in agro di Castiglione di Sicilia, persero la vita, Francesco MANITTA, giovane e promettente sottufficiale del Corpo Forestale, e 3 coraggiosi operai addetti alle squadre di spegnimento incendi: ZUMBO Vincenzo, MINEO Benedetto e MANITTA Giuseppa, tutti rei di credere nel proprio lavoro al servizio della natura. Il sacrificio di questi uomini deve essere illuminante per tutti noi perché nella vita nulla deve essere scontato e tutto deve essere riconosciuto, anche l’amore per la natura che non deve essere un segreto inconfessabile ma un’emozione inestimabile perchè essa é la vera essenza dell’uomo. Sappiamo che ogni albero che si brucia, è una boccata di ossigeno in meno per i nostri figli che così pagheranno per le colpe dei loro padri. Ogni anno decine di migliaia di ettari di bosco o di cespugliati comunque importanti per la stabilità dei versanti e per il paesaggio, vengono percorsi dal fuoco.  Il fenomeno degli incendi boschivi è dunque drammatico e ricorrente. Drammatico perché distrugge la vita: degli uomini, delle piante, degli animali. Ricorrente perché ad ogni stagione, soprattutto estiva, si ripresenta con motivazioni, prerogative, caratteristiche, storia, diverse dalla precedente. Dietro ogni incendio boschivo, c’è la mano dell’uomo; un uomo consapevole o inconsapevole del dramma e della catastrofe ecologica connessa al crepitio delle fiamme. Come se i maligni nemici della vita, aspettassero appositivamente il periodo estivo per porre in essere nefandi attacchi di fuoco contro la Madre Natura. Come se le menti contorte di piccoli uomini, con grande accanimento, volessero fare pagare ad essa i mali di questa nostra civiltà del nulla, o desiderassero esorcizzare e scaricarsi di tutte le pene quotidiane, oppure aspirassero a fare rivivere un tempo che fu, quando i loro antenati usavano il fuoco in modo propiziatorio o per scacciare i spiriti maligni. Ogni pianta, fiore, ogni animale e ogni insetto di questa nostra terra, devono essere considerati elementi preziosi, perché possono rappresentare motivo di arricchimento delle conoscenze culturali e naturalistiche dell’uomo che così può sviluppare e accrescere il proprio interesse verso l’ambiente naturale. Per tale ragione, ognuno per le proprie competenze deve rispondere alla propria coscienza e deve dare un proprio contributo attivo e positivo, allo scopo di combattere e rendere almeno fisiologico e sopportabile il fenomeno degli incendi boschivi: gli operatori del settore, la gente comune, la scuola, gli enti, le associazioni e i mass-media. Il segnale deve arrivare forte e scoraggiante per i criminali senza scrupoli che incuranti del bene collettivo, attivano i detonatori di queste “battaglie del fuoco”. Se falliremo, continueremo a frustrarci per la perdita dei nostri boschi e ancora peggio, per i lutti nelle nostre famiglie sulle quali graverà questo tremendo peso. Il nostro impegno è continuare a fare il nostro dovere sino in fondo, senza mollare, indipendentemente dai risultati, che possono essere annullati da fattori esterni che non possiamo controllare. Il dovere come valore in sé, indipendente dal risultato: questo è il messaggio che abbiamo ricevuto dai nostri eroi e che dobbiamo sforzarci di trasferire soprattutto ai giovani, un grande insegnamento che deve ispirare la nostra vita. Le parole scritte per ricordare tutti i caduti di questa impari lotta contro il fuoco, non bastano a ridare ai congiunti il sorriso e gli abbracci dei propri cari scomparsi, tuttavia daranno alla dolorosa perdita almeno un senso, quale segno indelebile di riconoscimento e gratitudine postuma da parte della gente civile e delle istituzioni in cui credevano e per cui hanno dato la propria vita. Per questo, il personale perito nel tragico evento, deve essere ricordato quale fulgido esempio di tutore del bene naturalistico, per il quale non ha esitato a dare la vita.

Enzo Crimi Comandante Distaccamento Forestale Di Bronte

18 Agosto 2011






INCENDI: CORDOGLIO NAPOLITANO PER LE VITTIME

 
Roma, 19 ago. (Adnkronos) - Il Presidente della Camera dei deputati Giorgio Napolitano ha inviato un messaggio di cordoglio per le vittime dell'incendio di ieri a Castiglione di Sicilia, nel quale assicura la solidarieta' e l'impegno del parlamento alle forze in prima fila nella lotta contro gli incendi dolosi.
''Profondamente colpito dalle tragedie consumatesi alle pendici dell'Etna -si legge nel messaggio inviato al ministro dell'Agricoltura Alfredo Diana e al brigadiere Vincenzo Crimi, comandante del distaccamento delle guardie forestali di Linguaglossa- che sono costate la vita al brigadiere Francesco Manitta e alle guardie Giuseppa Manitta, Vincenzo Zumbo e Benedetto Mineo, partecipo commosso al dolore dei loro famigliari, dei compagni di lavoro e dell'intero corpo forestale. Il sempre piu' drammatico tributo di vite umane nelle emergenze di questa estate -rileva Napolitano- impone una riflessione severa che il Parlamento, ne sono certo, sapra' affrontare al piu' presto sulle necessarie condizioni per la difesa dell'ambiente da ogni minaccia. E' sconvolgente il solo dubbio che gli attentati al prezioso patrimonio naturale del Paese, alla stessa sicurezza dei cittadini e, ancor piu', di quanti assolvono al loro dovere di servizio alla collettivita', possano avere una origine dolosa e speculativa''.
''Nel rendere omaggio anche a nome dell'intera Camera dei deputati alle quattro vittime di Castiglione di Sicilia, mi sia consentito -conclude il presidente Napolitano- rivolgere piena solidarieta' ai feriti per rinnovare i sentimenti di gratitudine a coloro che quotidianamente assolvono al loro difficile compito e a quanti volontariamente vi contribuiscono''.


19 Agosto 1993




 
(Pubblicato nella Gazzetta ufficiale della regione Sicilia n. 12
                          del 4 marzo 1995)


                        L'ASSEMBLEA REGIONALE
                            Ha approvato

                       IL PRESIDENTE REGIONALE
                              Promulga
la seguente legge:

                               Art. 1.

  1. A ciascun nucleo familiare rispettivamente di Francesco Manitta,
di Vincenzo Zumbo, di Benedetto Mineo e di Giuseppa Manitta deceduti
nel corso delle operazioni di spegnimento dell'incendio sviluppatosi
il 18 agosto 1993 in contrada Mitoggio nel comune di Castiglione  di
Sicilia, è disposta  l'erogazione, tramite i sindaci dei comuni di
residenza dei predetti nuclei familiari, di un contributo
straordinario di 80 milioni di lire.
  2. Il contributo di cui al comma 1 e'incrementato di lire 10
milioni per ciascuno dei figli a carico delle vittime al momento
dell'evento.




Un giusto e sacrosanto riconoscimento!


Ricordiamo anche:
Marino Liborio, Giuseppe Petrolio, Girolamo Clemente, Francesco Pizzuto e Giuseppe Perri,
operai forestali morti durante le operazioni di spegnimento incendi boschivi. 
Non è dato sapere se a queste famiglie siano state riconosciute dei contributi straordinari.




 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.