L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






31 marzo 2016

PARCO DELL'ETNA, I RIFUGI CHE NESSUNO VUOLE GESTIRE. OFFERTE SOLO PER LA CASA CITATA DA GIOVANNI VERGA


Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga


 Case Bevacqua


Francesco Vasta

Cronaca – Case Caldarera, Case Bevacqua e Casa della Capinera sono i nomi delle strutture, da poco ristrutturate, che fanno parte del progetto per la fruizione dell'area protetta. Ma l'idea non è mai decollata e due delle tre gare d'appalto sono andate deserte. Costi di gestione e inaccessibilità frenano gli investimenti. Guarda le foto

Vanno deserte due delle tre gare d’appalto indette dal parco dell’Etna per mettere al servizio di turisti ed escursionisti alcuni rifugi montani di recente ristrutturati. Si tratta dei punti base di Case Caldarera, Case Bevacqua e Casa della Capinera, rispettivamente nei territori di Randazzo, Piedimonte etneo e Trecastagni. Mentre per i primi due, sui versanti nord ed est della montagna, non è giunta alcuna offerta – il termine per la presentazione dei progetti era lo scorso 14 marzo - c’è invece speranza per Casa della capinera di contrada Cicirello. Il luogo è noto per figurare nel romanzo verghiano Storia di una capinera, ed è oggetto di cinque offerte

I punti base, uno degli strumenti di fruizione dell’area protetta individuati fin dalle sue norme istitutive, rappresentano una delle grandi incompiute del parco dell’Etna. Quella che avrebbe infatti dovuto essere una funzionale cintura di circa una ventina di luoghi d’accoglienza turistica e stazioni escursionistiche non è mai entrata in funzione. Molte di queste strutture sono rimaste inutilizzate o addirittura sono state vandalizzate. Anche alla luce di ciò, l’indizione delle tre gare era stata salutata positivamente da tutti gli addetti ai lavori, considerato peraltro anche il notevole impegno economico pubblico dietro la riqualificazione dei tre edifici, vecchi casolari totalmente rimessi a nuovo. I cantieri sono stati finanziati con circa un milione e 400 mila euro per quanto riguarda Case Bevacqua, e circa 500 mila euro ciascuno per Case Caldarera e Casa della capinera, fondi provenienti sia dalla Regione che dall'Europa. I lavori hanno riportato all'antico splendore le strutture, senza però riuscire a renderle appetibili per il mercato.

Soltanto l’immobile di contrada Cicirello, non molto grande, può ad esempio contare su alcune attrezzature. Ancora più complesso il quadro a Case Bevacqua, quattro edifici per un totale di circa 1000 metri quadrati divisi fra camere, spazi museali e sale ristoro, ultimati alla fine del 2015. Il rifugio, punto base numero 13 a circa mille metri di quota, è accessibile solo a piedi o in fuoristrada e il progetto di ripristino della malmessa trazzera che lo collega alla Milo-Linguaglossa stenta a decollare. Le sale, inoltre, dovranno essere interamente arredate dai futuri assegnatari, ai quali sarà richiesto un notevole sforzo economico. Non tanto dal punto di vista dell’appalto - base d’asta 36mila e 200 euro a fronte di una concessione di nove anni - bensì da quello dei costi di ordinaria gestione di una struttura tanto articolata, ma per adesso raggiungibile solo da nicchie di appassionati. Sarà anche necessario disporre di una strategia che riesca a portare il grande pubblico sul versante orientale del vulcano. 

Di circa 40mila euro, invece, era stata la base d’asta per Case Caldarera e di circa 27mila euro quella più fortunata per la gestione di Casa della Capinera, sulle cui offerte si pronuncerà la commissione giudicatrice già insediatasi. Sul piatto, anche in questi casi, una concessione di nove anni e canoni mensili anche di soli 100 euro per i primi periodi di affidamento. Richieste irrisorie, a detta degli uffici del parco. L’amministrazione dell’ente non si è persa d’animo e infatti è già stato pubblicato un secondo esperimento di gara - in pratica replicando i bandi rimasti senza offerte - per Case Bevacqua e Case Caldarera, con scadenza fissata al prossimo 2 maggio


Foto
 Case Cicirello



 Casa Caldarera




Case Bevacqua


31 Marzo 2016
http://catania.meridionews.it/articolo/42013/parco-delletna-i-rifugi-che-nessuno-vuole-gestire-offerte-solo-per-la-casa-citata-da-giovanni-verga/








La meravigliosa Etna, senza se e senza ma



Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, corpo forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.