L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






05 giugno 2015

SIRACUSA, RISERVA CAVA GRANDE DEL CASSIBILE: DALL'ULTIMO INCONTRO NULLA È STATO FATTO. LA REGIONE ATTUI GLI STRUMENTI UTILI PER TUTELARE LE AREE PROTETTE DA INCENDI, CALAMITÀ NATURALI E NON, MANUTENZIONE ORDINARIA DEI SENTIERI E DELLE AREE ATTREZZATE, PUNTI INFORMATIVI E DI ACCOGLIENZA TURISTICA, ECOMUSEI E INGENERALE SI MIGLIORI LA TUTELA E LA FRUIZIONE DELLE NOSTRE AREE PROTETTE PUNTANDO SULL'ECOTURISMO



Siracusa, Riserva "Cava grande del Cassibile": "a due mesi dall'ultimo incontro, ancora nulla è stato fatto"



Siracusa, Riserva "Cava grande del Cassibile": "a due mesi dall'ultimo incontro, ancora nulla è stato fatto"
A quasi due mesi dall'incontro svolto ad Avola, giorno 11 Aprile 2015, promosso dalle associazione ambientaliste della provicnia di Siracusa e alla presenza dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Avola, Noto e del comune di Siracusa, i vertici dell'Azienda Foreste Demaniale della provincia di Siracusa e della Sovrintendenza ai Beni Culturali, per la riapertura della Riserva Naturale Orientata "Cava Grande del Cassibile", nessuna novità è emersa.  "Nonostante gli impegni presi e la manifesta volontà di riaprire l'area protetta alla fruizione dei visitatori - afferma Marco Mastriani, responsabile della sezione di Siracusa e consigliere regionale dell'Ente Fauna Siciliana -  usufruendo dei sentieri nella parte centrale, nessuna novità è emersa e con la stagione avviata, ancora una volta per l'inerzia della Regione, si crea un notevole danno di immagine turistica alla nostra provincia. Credo che ormai siamo al paradosso e all'incertezza delle risposte da parte delle istituzioni, dove i cittadini chiedono senza avere risposte certe".
Ogni anno la riserva naturale orientata, conta una fruizione di oltre 60.000 visitatori che purtroppo arrivati al belvedere di Avola Antica o al sentiero "Mastraronna", lato Canicattini Bagni, sono costretti a ritornare indietro.
"E' assurdo dire di non avere i soldi per il ripristino dei sentieri - prosegue Mastriani - e inapplicare le leggi regionali sui ticket d'ingresso nelle riserve naturali da oltre 16 anni e poi a ogni calamità naturale e non, chiudere leriserve per carenze di risorse economiche."
Recentemente nella legge di stabilità regionale pubblicata nella GURS il 15 Maggio 2015, articolo 59, è stata approvato il quarto dispositivo di legge che autorizza l'Assessore Regionale al Territorio e Ambiente a emanare un decreto entro trenta giorni dalla pubblicazione, affinchè si istituisca il ticket d'ingresso nelle aree protette e si assicurino almeno alcuni servizi primari, finalizzati alla tutela e conservazione dell'area e si potenzino i servizi finalizzati alla fruizione.
"Perchè - chiede responsabile della sezione di Siracusa e consigliere regionale dell'Ente Fauna Siciliana - i deputati regionali della provicnia di Siracusa non intervengono in merito e fanno finta di non conoscere il problema. Ci auguriamo che la Regione non collezioni leggi regionali inapplicate e si dia concretamente la possibilità di attuare gli strumenti utili per tutelare le aree protette da incendi, calamità naturali e non, manutenzione ordinaria dei sentieri e delle aree attrezzate, punti informativi e di accoglienza turistica, ecomusei e ingeneralesi migliori la tutela e la fruizione delle nostre aree protette puntando sull'ecoturismo".

 03 Giugno 2015
http://www.siracusanews.it/node/60249




Notizie correlate:














Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.