L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






24 agosto 2014

AVOLA, DISATTESO IL DIVIETO DI ACCESSO, CAVAGRANDE, TURISTI INDISCIPLINATI. LA FORESTALE E' IGNARA NONOSTANTE HA EMESSO UN'ORDINANZA


Avola, disatteso il divieto di accesso

Cavagrande, turisti indisciplinati


Operai al lavoro per la messa in sicurezza di Cavagrande del Cassibile 
dove da mesi è vietato l'accesso imposto dall'azienda Foreste demaniali
Foto lasicilia.it


Avola. Turisti indisciplinati e sprezzanti del pericolo a Cava Grande. Nonostante il sentiero principale, denominato Scala Cruci, che da Avola Antica conduce ai laghetti della riserva, sia stato interdetto per ragioni di sicurezza, decine di visitatori, ogni giorno, in barba al divieto, scavalcano il cancello. Il divieto di accesso è stato imposto dall'azienda Foreste demaniali dopo il vasto incendio che nel mese di giugno ha distrutto parte della vegetazione. Il rogo ha contribuito a rendere i costoni e il terreno instabile, favorendo, così, il rischio di caduta massi.
Un rischio, a quanto pare, non tenuto in considerazione dai numerosi visitatori che, approfittando dell'assenza del personale addetto ai controlli, oltrepassano l'inferriata indisturbati. Gli episodi di trasgressione dell'ordinanza non sono passati inosservati agli appassionati di escursionismo e amanti della riserva, che hanno immortalato i visitatori intenti a scavalcare il cancello di ingresso. Le foto hanno fatto il giro del web suscitando indignazione e preoccupazione. «Scongiuriamo anche il più banale degli incidenti - commenta l'autore degli scatti - ma se malauguratamente succedesse qualcosa a chi si avventura nel sentiero come la mettiamo? La forestale è ignara di tutto, tanto ha fatto un'ordinanza». Attualmente la riserva naturale orientata di Cava Grande è raggiungibile solo attraverso qualche sentiero secondario, come nel caso di quello denominato "Prisa-Carrubella". I sentieri principali sono invece interdetti. Tuttavia, ogni giorno sono numerosi i visitatori che non intendono rinunciare al percorso principale, nonostante all'ingresso sia affissa l'ordinanza di divieto. Due anni fa, sempre a causa di un vasto incendio, la riserva rimase chiusa per l'intera stagione estiva. Anche in quella occasione furono centinaia i turisti che, malgrado il divieto, si avventuravano nel canyon. Nelle scorse settimane a tenere alta l'attenzione sulla chiusura di Cava Grande sono state anche le associazioni, a cominciare dalla Pro Loco, che hanno acceso i riflettori sulla necessità di accelerare i tempi di messa in sicurezza del sentiero per evitare ricadute negative sul turismo. Anche il sindaco, Luca Cannata, ha lanciato un appello all'ente gestore affinchè provveda al più presto alla riapertura del sentiero. Riserva naturale dal 1984, Cava Grande è una delle mete più gettonate in tutta la Sicilia. Mentre gli Italiani usufruiscono della riserva principalmente nei mesi estivi, gli stranieri si distribuiscono nei mesi di marzo, aprile e maggio. Cava Grande, infatti, oltre ai laghetti, offre una vegetazione unica, a cominciare dalle orchidee selvatiche, e aspetti faunistici interessanti.
Cenzina Salemi

23Agosto 2014






Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.