L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






13 luglio 2013

I FORESTALI DEL SUD SONO L'INCUBO DELLA LEGA NORD


La Calabria assume altri forestali. La Lega:
"In Veneto le aziende chiudono, là sprecano"

Sicilia, Calabria e Campania spendono il 75,5% delle risorse statali ma hanno solo il 14,5% della superficie boschiva nazionale
La Senatrice Patrizia Bisinella
Lega Nord


VENEZIA. «La Regione Calabria ha annunciato la firma di una convenzione con il Corpo Forestale dello Stato che, a quanto riferiscono fonti sindacali, non è ancora stata sottoscritta. Questo nel mezzo della stagione estiva, momento di massima incidenza di incendi boschivi; nel solo 2012 in Calabria ne sono stati censiti 1.384, il 64,2% dei quali di origine dolosa. Per fare fronte al fenomeno il governatore Scopelliti ha spiegato che intenderà potenziare il controllo del territorio con più mezzi e più uomini, come se il problema fosse quello di assumere altre maestranze, senza specificare come e da chi saranno pagate». Così Patrizia Bisinella, senatrice della Lega Nord, che ha presentato un'interrogazione parlamentare ai Ministri Alfano e Orlando.
«Dopo un servizio delle Iene, che ha documentato l'assenteismo di alcuni dipendenti dell'Azienda forestale della Regione Calabria, la Regione stessa ha pensato bene di sostituire la succitata agenzia con l’Azienda Calabria Verde, un nuovo ente strumentale «di diritto pubblico non economico», dotato di autonomia amministrativa, finanziaria, contabile e organizzativa. Insomma, ha cambiato nome al carrozzone ma non ha spiegato come intende utilizzare meglio le risorse. «L'annuncio di un ulteriore dispiegamento di forze suona a questo punto ridicolo, visti i dati della Commissione paritetica per l’attribuzione del federalismo fiscale, che, nel 2010, all’interno dei lavori per l’individuazione dei costi e dei fabbisogni standard, ha calcolato come per la gestione delle foreste di Sicilia, Calabria e Campania si spenda il 75,5% delle risorse, pur avendo queste tre regioni solo il 14,5% di superficie boschiva nazionale. Fatti i dovuti calcoli risulta che in Calabria un ettaro di foresta determina una spesa regionale di 597 euro, mentre regioni come la Toscana, ad esempio, spendono 12 milioni di euro, pari a circa 10 euro per ettaro di superficie boscata. Il tutto mentre in Veneto le imprese con crediti verso lo Stato sono costrette a chiudere e la disoccupazione cresce di giorno in giorno. Alfano e Orlando diano risposte certe e impediscano che un ulteriore spreco di denaro pubblico finisca per pesare sulle spalle già esauste delle regioni virtuose».

12 Luglio 2013










2 commenti:

  1. Vorrei dire a questa specie di energumena che in Piemonte i forestali sono a tempo indeterminato mentre in Sicilia si fanno contratti trimestrali

    RispondiElimina
  2. Un'altra cosa, eliminando i Forestali in sicilia si avrebbe una disoccupazione dell'80 per cento che farebbe inorridire il mondo

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.