L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






02 settembre 2012

ASSESSORE VECCHIO, AI FORESTALI HO DETTO NON VOGLIONO ASSUMERVI

Ai Forestali ho detto:
attenti, non vogliono assumervi

 

Nuova puntata del diario di Andrea Vecchio. L'assessore racconta di un incontro con i tanto discussi dipendenti regionali: "Alla politica conviene tenerli precari. Li ho invitati a organizzarsi, a mettersi in proprio".




Sabato mattina, in seguito all’invito ricevuto tramite un assessore del comune, mi sono recato a Nicolosi per incontrare un gruppo di operai forestali che desideravano manifestare il loro disagio, il loro disappunto per le condizioni nelle quali sono costretti a vivere e a lavorare, per le condizioni di disagio manifestate dalle loro famiglie.
L’impatto è stato freddo, di diffidenza verso questo marziano che tanto aveva criticato la loro condizione. Che non aveva condiviso il loro avviamento al lavoro per questa stagione. Che aveva osato sostenere che, forse, molti di loro per garantirsi la continuità, la conservazione dell’occupazione erano quelli che gli incendi li appiccavano.

Cosa mai avrebbe detto questo tizio che vedevano come il loro primo nemico? Dopo gli interventi, pacati e ragionati di alcuni di loro è intervenuto il comandante del nucleo operativo provinciale del Corpo Forestale, sig. Luca Ferito, che con chiarezza e responsabilità ha spiegato ancora meglio le loro ragioni, ha tentato di giustificare alcune loro lagnanze ed alla mia recriminazione sull’origine degli incendi, smentendo la statistica che io conoscevo, 86% di incendi dolosi e il resto incidentali, ha affermato, con l’assenso di tutti i presenti: “ le posso dire che noi siamo certi che gli incendi, per il 98% sono dolosi, sono causati dalla mano dell’uomo, il 2% sono di origine colposa”.

Ho spiegato che io non ero andato a trovarli perché siamo in campagna elettorale. Io non faccio politica, non sono candidato né sono candidabile. Che stiano però attenti alle sirene della politica, di certa politica che li ha tenuti per oltre venti anni nelle condizioni di precariato nella quale si trovano.

Non solo loro ma tutti gli altri precari, che in questa regione sono un esercito tra forestali, precari comunali, Pip, multiservizi vari e tante altre sigle. Non se ne conoscono i numeri reali, ma alcune statistiche riferiscono che sono oltre centomila.

La politica è da sempre a conoscenza del fatto, consapevole che mai e poi mai potrebbero essere tutti stabilizzati. Se ne potrebbero, al massimo, stabilizzare un paio di migliaia lasciando tutti gli altri a casa, privi di speranza.

Così facendo tenendo sulla corda l’enorme esercito di precari, alimentando la speranza di una futura sistemazione tengono sotto ricatto un popolo che vota, e chi vota, nella speranza di un futuro migliore con la stabilizzazione. La politica, i suoi faccendieri sanno bene come, strumentalmente, orientare il voto.

Se stabilizzassero la piccola parte per la quale potrebbe esistere una possibilità, frusterebbero le aspettative, le speranze, della restante grande parte di essi, di molti di voi. Voi perdereste la speranza della stabilizzazione, loro, le sirene della politica, la certezza del vostro voto.

Vi invito a non sperare più nella stabilizzazione, a muovervi, a darvi da fare. Cercare proposte e opportunità di sfruttare al meglio la enorme ricchezza che la Sicilia possiede: i boschi.
Se le mie informazioni sono esatte, e quanto ci conferma il comandante Ferlito, in Sicilia ci sono oltre cinquecentomila ettari di boschi. In Sicilia ci sono, secondo alcuni 29.000 secondo altri 19.000 precari forestali.
Fatevi avanti, rendetevi promotori della vostra vita, afferrate voi il vostro destino lavorativo. Proponete voi, non aspettate altri che lo facciano per voi, un progetto razionale di sfruttamento di questa immensa ricchezza.
Riunitevi in cooperative di 18 o 20 o più elementi, con una seria intenzione di lavoro, chiedete di parcellizzare i boschi assegnandone un lotto ad ogni cooperativa e proponete progetti di sfruttamento serio. Si può usare la strumento e lo sviluppo del turismo con le escursioni, le visite guidate, le zone di sosta e campeggio.

Si possono sfruttare le risorse naturali del bosco pulendo il sottobosco, raccogliendo la legna secca, il periodico taglio e sfoltimento degli alberi, realizzando biomasse da bruciare in piccole centrali per la produzione di energia elettrica.

Pulite i sottoboschi per favorire la nascita e la crescita di funghi, occupandovi della raccolta e della commercializzazione. Datevi da fare perché la possibilità di stabilizzarvi non esiste, mancano le risorse.

L’Europa ci chiede di razionalizzare, ridurre, normalizzare la nostra amministrazione, siamo costretti a farlo. Coraggio, rimboccatevi le maniche e abituatevi a non cercare suffragi, abituatevi a dire anche…. NO!

Mi avevano accolto con diffidenza. Mi hanno salutato con un lungo, caloroso applauso, che mi ha molto imbarazzato.

02 settembre 2012
 
 
 
Notizie correlate:
 

 
 
Assessore prendiamo atto da queste dichiarazioni un po più soft nei nostri confronti,  ha pienamente ragione quando dice che non ci volete assumere. Ma non dimentichiamo che lei è stato quello che ci voleva mandare a casa e i soldi al posto di darli ai forestali li voleva dare anche a quei suoi colleghi che assumono lavoratori in nero, noi per lei siamo quelli che appicchiamo gli incendi e lavorano poco, ma si è reso conto di quello che ci ha detto? Ma lo sà che poteva essere denunciato da quelle persone che si sono sentite parte lesa? Io per primo. Voleva o ha fatto partire l'indagine sul doppio lavoro, ha parlato di possibile truffa dei forestali.
Parole pesanti caro Assessore, ha infangato i lavoratori precari  più deboli , bistrattati e più anziani  della Regione Sicilia. E adesso che fa? Se ne pentito. Meglio tardi che mai, ma non possiamo dimenticare quelle accuse gratuite e diffamatorie.
Si riposi un pò, perchè forse è stanco.
 


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.