L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






25 aprile 2012

LOMBARDO VUOLE CHIUDERE LA FORESTALE

Ragusa - “La cura dell’ambiente svolta dai lavoratori forestali è un’opportunità di sviluppo, anche economico, per la provincia iblea e più in generale per la Regione Sicilia”.  Così dichiara l’on. Orazio Ragusa,

aggiungendo che però la Regione Sicilia, con riferimento a quanto approvato nell’ultima finanziaria da una minoranza di parlamentari, non riesce a sfruttare questa preziosissima risorsa.
“La soppressione dell’Azienda Regionale Foreste Demaniali e il conseguente smembramento delle relative competenze e funzioni per il successivo trasferimento sia in seno al Corpo Forestale presso l’A.R.T.A.,  sia in seno ad altri enti, non va nella giusta direzione perché peggiora i servizi e l’organizzazione”.
“E’ per questi motivi – rileva Orazio Ragusa - che ho esercitato le funzioni di parlamentare per evidenziare che quanto deciso è illegittimo sotto il profilo istituzionale oltre che irragionevole e illogico sotto il profilo gestionale”.
“Non si vuole accettare la corretta riforma introdotta dalla L.R. del 15 maggio 2000 n° 10 secondo la quale sul Demanio e sulle Riserve naturali dovevano sussistere due sfere di competenze e responsabilità: da una parte controllo e vigilanza, attribuite al Corpo Forestale, e dall’altra la gestione attribuita all’Azienda Regionale Foreste Demaniali.  Non voglio entrare in esasperati tecnicismi, di difficile comprensione ai non addetti, ma voglio evidenziare l’illogicità e la irragionevolezza del provvedimento preso da parte del governo”.
Appare a tutti fin troppo chiaro che l’Azienda Regionale Foreste Demaniali ha scritto la storia dei boschi e delle riserve in Sicilia. L’Azienda Foreste, inoltre, è da tempo impegnata nella salvaguardia del territorio anche attraverso attività di rimboschimento, salvaguardia e cura delle aree verdi.
“Penso anche a chi si è occupato del comparto antincendio” – aggiunge Orazio Ragusa.  “Si tratta di una categoria che ha lavorato in modo esemplare nel corso della trascorsa stagione estiva, riducendo il numero degli incendi rispetto agli altri anni. E’ solo il caso di ricordare che questi lavoratori operano su ben 180.730 ettari di demanio (24 mila dei quali appartenenti a Comuni e aziende), contribuendo in questo modo ad aiutare la salvaguardia dell’ambiente”.
“Penso che sia necessario investire in un migliore utilizzo delle numerose risorse umane, formate sui temi dell’ambiente, per allargare le proprie attività in servizi legati alla cura e gestione del verde pubblico. Immagino convenzioni in grado di sfruttare le allettanti opportunità legate alla produzione di energia elettrica proveniente dalla gestione delle biomasse”. In tutte queste attività i lavoratori forestali potranno diventare protagonisti di un cambiamento virtuoso della gestione della “risorsa” ambiente in Sicilia.
“Continuerò a vigilare attentamente affinché questo nostro attuale patrimonio, frutto di decenni di programmazione e di lavoro,  non venga defraudato da una Legge iniqua e incomprensibile e da un Governo regionale non attento ai temi dell’ambiente.

Articolo pubblicato il 25 aprile 2012

L'On Ragusa dà il meglio di se stesso quando si trova all'opposizione, quindi ha sempre la bacchetta magica ( come tutti) su come risolvere l'eterna questione dei lavoratori forestali, Qualcuno ricorda cosa ha fatto per i forestali quando era maggioranza parlamentare dell'ex Cuffaro? Ha contribuito ad emanare leggi che non hanno migliorato i livelli occupazionali dei forestali, lo ricordiamo solo per questo. Anche in questa legislatura è stato parte integrante del Governo. A ottobre si andrà a votare per la Regione Sicilia. Auguri a tutti.


On. Ragusa: 


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.