L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






30 marzo 2019

NO, 355 NUOVI ASSESSORI IN SICILIA NON CI SERVONO. E SE SERVONO, SE LI PAGHI DA SOLA. UNA REGIONE SENTE DI POTER DARE UN MIGLIOR SERVIZIO AI CITTADINI AVENDO 40000 ASSESSORI, 200.000 FORESTALI O 90 PROVINCE? IL BLOG: LI GIOCHIAMO AL LOTTO QUESTI FANTANUMERI?


Dal sito www.linkiesta.it

30 Marzo 2019
Una regione sente di poter dare un miglior servizio ai cittadini avendo 40000 assessori, 200.000 forestali o 90 province? Benissimo, nulla in contrario. Però, allora, che se li paghi autonomamente, con entrate locali e con una vera autonomia finanziaria di entrate e di uscite

Il Movimento 5 Stelle ama la spesa pubblica: ormai questa è una certezza. Da paladini della battaglia anti-sprechi e dell’antipolitica, all’aumento della spesa per fini elettorali il passo è stato molto breve. Prima il reddito di cittadinanza, poi Quota 100, infine le questioni locali, con il via libera a 355 nuovi assessori nei comuni siciliani, provvedimento sostenuto e votato proprio dal Movimento 5 Stelle. Un’estensione di piccoli poteri, poltrone e ruoli che andranno a nutrire l’affamato mondo della politica.

Insomma sembra che a nulla sia servito sondare l’opinione pubblica su questo tema. I giornalisti Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella ci avevano provato con “La Casta”, evidenziando stipendi e costi, spesso incredibili, di pubbliche amministrazioni e partecipate. In molti, ancora, danno “colpa” a questo libro adducendo una certa responsabilità nella promozione dei movimenti dell’antipolitica. No, signori. Stella e Rizzo avevano fatto benissimo a mettere in luce questi temi. Il problema è che in una democrazia immatura sono proprio le “poltrone” promesse a garantire voti e sostegno politico, e questa è, purtroppo, la storia più recente del nostro Paese.

È proprio a questo che servono l’autonomia e il federalismo fiscale: a responsabilizzare gli enti, e a creare concorrenza tra diverse regioni, in materia fiscale e - in alcuni casi - anche normativa. Un sistema che ha dato dimostrazione di poter funzionare in molti stati del mondo: Spagna, Stati Uniti, Canada, Svizzera

La vicenda siciliana ci pone di fronte, però, ad un’opportunità: perchè non lasciare libere le regioni di decidere quali spese esercitare per i propri enti locali, a patto che, però, vengano sostenute da risorse proprie?

Una regione sente di poter dare un miglior servizio ai cittadini avendo 40000 assessori, 200.000 forestali o 90 province? Benissimo, nulla in contrario. Però, allora, che se li paghi autonomamente, con entrate locali e con una vera autonomia finanziaria di entrate e di uscite.

È proprio a questo che servono l’autonomia e il federalismo fiscale: a responsabilizzare gli enti, e a creare concorrenza tra diverse regioni, in materia fiscale e - in alcuni casi - anche normativa. Un sistema che ha dato dimostrazione di poter funzionare in molti stati del mondo: Spagna, Stati Uniti, Canada, Svizzera. Un sistema che viene sostenuto dalla stragrande maggioranza dei politologi, degli economisti e degli esperti in politiche pubbliche. Il messaggio è semplice: spendi? Sarai tu a pagare. I tuoi costi sono stati utili investimenti? Ci guadagnerai tu.

Funzionano così tutti i sistemi economici: famiglie, aziende, individui. E questo è e sarà l’unico modo per sostenere efficienza e responsabilità.






Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.