L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






10 marzo 2018

IL CENTRODESTRA VERSO IL CONFRONTO INTERNO. MAGGIORANZA BALLERINA ALL’ARS, IL MESSAGGIO NELLA BOTTIGLIA DI MUSUMECI


di Giuseppe Bianca - 9 marzo 2018
Il messaggio nella bottiglia è stato trovato quasi per caso, ieri, nel corso della conferenza stampa dei primi 100 giorni di governo del presidente della Regione Nello Musumeci: “Quale maggioranza? Io non ho una maggioranza, -ha risposto all’indirizzo di uno più esperti cronisti di politica regionale-, che gli aveva posto una domanda sull’aggiornamento del quadro politico nell’Isola dopo il voto del 4 marzo.

A chi era diretto il contenuto di una riflessione di Musumeci che, amplifica e dilata i contorni potenziali di un problema già noto da tempo, ma che viene posto oggi in una luce più attuale che potenziale, quasi a voler anticipare una serie di spine presenti all’interno della coalizione che sostiene il governo?

A quali alleati in particolare? A pezzi di opposizione, che a Pd liquefatto, primi tra tutti Sicilia Futura, potrebbero passare il Rubicone e incasellare un dato numerico più rilevante?

La prima cosa che balza agli occhi è la contestualizzazione del momento che riguarda l’approvazione entro il 30 aprile della legge di stabilità regionale.

Che legge potrà venire fuori per un esecutivo che vuole sfuggire all’incubo di far ripiombare la Sicilia nell’instabilità che ha caratterizzato il cammino, sin dal suo esordio, del governo Crocetta?

La sponda romana, che su alcuni temi, come gli accordi da rinegoziare e le ex Province, per forza di cose non potrà svilupparsi, al di fuori di un perimetro istituzionale, prima di qualche mese, sempre che un governo di profilo e di durata, di scopo o di interesse nazionale, possa prima o poi salpare da Palazzo Chigi.

La crisi dentro Forza Italia che si risolverà alla fine con un nulla di fatto e difficilmente metterà a rischio la leadership di Gianfranco Miccichè, può solo differire, ma non depotenziare il confronto che gli azzurri non faranno mancare dentro il governo.

Il lavoro di filtro, cucitura e mediazione, collante tra esecutivo e Aula, è solo all’inizio. Ma di  questo nella bottiglia non c’era traccia.

Fonte: www.ilsicilia.it





Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.