07 aprile 2017

CRACOLICI "QUALITÀ IN AGRICOLTURA O SI MUORE". ENTRO MAGGIO, ANNUNCIA L’ASSESSORE, VEDRA’ LA LUCE LA RIFORMA DEI FORESTALI, CHE RIGUARDA BEN 24MILA LAVORATORI IN SICILIA, FAREMO UNA LEGGE PER OBBLIGARLI A LAVORARE



06 Aprile 2017. Qualità, territorio, innovazione. Su questo deve puntare dritto l’agricoltura siciliana per un definitivo salto di qualità. Ne è convinto Antonello Cracolici, da cinque mesi al vertice dell’Assessorato regionale, protagonista di un forum nella sede dell’Agenzia ITALPRESS.
“Il brand Sicilia è straordinario - osserva -. C’è un grande mercato che ha successo, fa reddito e fatturato. Siamo leader in tanti settori del mondo. Lo è chi si è adeguato ai tempi, chi ha aumentato le varietà di produzione, chi ha innovato”. La parola crisi associata all’agricoltura fa storcere il naso all’esponente del Partito democratico: “Non vedo una Sicilia particolarmente in crisi nell’agricoltura - sottolinea -. C’è forse una crisi di innovazione, o di sistema: perchè non avendo organizzato la filiera il singolo è debole, il singolo è piccolo, tutti nani a confronto dei giganti”. Capitolo fondi europei. Per Cracolici “il problema non è spenderli, ma farlo bene. C’è da migliorare la qualità della spesa. Siamo la terra più biologica d’Europa, ma i prodotti biologici non sono certo la parte più importante della commercializzazione. Si coltiva biologico ma si vende tradizionale. Con il nuovo Psr, che premia chi fa prodotti di qualità, non solo biologico ma i vari march Igp, Igt e così via, vogliamo invertire questa tendenza. O incentiviamo gli agricoltori a migliorare la qualità della produzione oppure non produrremo mai valore aggiunto. Innovazione e qualità, non c’è alternativa. O lo fanno o sono fuori”. Il Programma di sviluppo rurale, oltre a sostenere i nuovi investimenti, a incentivare i giovani a entrare nel mondo dell’agricoltura e ad aiutare le aziende a investire, punta forte sulla promozione. “E’ evidente che la Sicilia ha il dovere di sostenere la capacità dei nostri produttori di esporre in giro per il mondo, di aiutarli ad attrarre milioni di persone - sostiene Cracolici -. L’agricoltura e le attività connesse, come l’enoturismo, la valorizzazione dei boschi, sono delle occasioni per la crescita. Dipende da noi”.
Entro maggio, annuncia l’assessore, vedrà la luce la riforma dei forestali, che riguarda ben 24mila lavoratori in Sicilia, quindi toccherà ai Consorzi di bonifica. “Il punto vero non è snellire, ma dare una precisa definizione alle mansioni dei forestali - premette-. Faremo una legge per obbligarli a lavorare: la mia idea è quella di impiegarli in un sistema di prevenzione civile che istituirò e nella gestione delle riserve e del demanio forestale. Vogliamo mettere al centro le attività da svolgere e non le persone”. L’intenzione di Cracolici è poi quella di riformare i Consorzi di bonifica: “Sono 11, diventeranno massimo 3-4 - spiega -. Non per giocare alle tabelline, ma per razionalizzare e avere chiari gli obiettivi che dovranno raggiungere”.
E ancora, stilettate al Pd siciliano (“Ha un approccio da Società per azioni dove ognuno controlla il proprio pacchetto di quote, non da partito”), ai Cinque Stelle (“A pensarli al Governo mi vengono i brividi”) e al suo ex ‘pupillo’ Fabrizio Ferrandelli (“Tra due anni nessuno si ricorderà il suo nome”); e infine, sulla condanna della Corte dei conti a risarcire 346 mila euro per le cosiddette ‘spese pazze’ all’Ars, Cracolici ribadisce il ricorso in Appello.
(ITALPRESS).



http://www.italpress.com/sicilia/cracolici-qualita-in-agricoltura-o-si-muore
Video







14 commenti:

  1. Non capisco cosa vuol dire " faremo una legge per obbligarli a lavorare". Voglio pensare che sia solo stato un errore di trascrizione, perché i lavoratori forestali hanno sempre lavorato, e oltre tutte le infamita` che hanno dovuto sopportare, non è che adesso qualcuno vorrebbe appioppare quest'altra etichetta di fannuloni!!! Saluti Giuseppe Candela

    RispondiElimina
  2. Ma dove l'anno trovato questo assessore lui parla e lui si capisce

    RispondiElimina
  3. Colleghi l assessore viene dritto dritto dal sindacato.è un ex sindacalista coi fiocchi.perciò mettiamoci il cuore in pace se pensiamo che possa migliorare la nostra posizione.la soluzione è la revoca in massa delle deleghe sindacali.Solo così faranno vera opposizione!!!!chi ha un idea migliore la esponga.pipì puglisi

    RispondiElimina
  4. Assessore carissimo mentre lei ricorre in appello x quelle centinaia di migliaia di euro (che noi guadagniamo in 20 anni di lavoro),mi dica ché è da dicembre ad ora,che non ci pagate lo stipendio.Si vergogni.Non avete PIÙ scuse da inventare.meglio essere governati da gente nuova!!!!Turi laspina

    RispondiElimina
  5. il problema x lui e che nn lo votera piu nessuno dei forestali tranne gli lecca culo ..dei sindacati...via le deleghe a tutti meglio soli che con loro loro solo x deleghe vogliono e l altri il voto canbiamo bandiera ..il 5 novembre..peppe gilardo ct

    RispondiElimina
  6. Faremo una legge per obbligarli a lavorare *** io non riesco a capire cosa significa!! Ma da circa vent'anni diciamo la stessa cosa tutti 151/oti uguale stabilizzazione !! Invece mi sembra che sia caduto dalle nuvole ma fa ......? Comunque il 5 novembre ci sentiamo !! O chissà ### potrebbe succedere un miracolo!! Aib Salvatore distretto 2 Catania

    RispondiElimina
  7. In provincia di Agrigento molti iniziano a togliere le deleghe alla triade.

    RispondiElimina
  8. Tranquillissimo la triade.dopo le revocare in massa se prenderanno provvedimenti favorevoli e ragionevoli nel rispetto del contratto nuovo ed adeguamento salariale adeguato,si potrebbe tornare alla ovile!Turi laspina

    RispondiElimina
  9. Leonardi Vincenzo7 aprile 2017 21:16

    Fare commenti e' un diritto di ognuno di noi che segue questo blog, come e' diritto di ognuno esprimere le sue convinzioni. Infatti io questo farò. Sono forestale gal giugno del 1984 e desidero la stabilizzazione come ognuno di noi, ma non capisco anche sforzandomi di capire le colpe che attribuite a sindacati, come se fossero loro a fare le leggi o ad effettuare i pagamenti, comodo trovare "Il capro espiatorio nei sindacati", la colpa è dei governi e dei governanti incapaci, inetti, ignoranti, insulsi, insignificanti che noi/voi avete eletto o peggio non andando a votare. Siamo tutti liberi di fare le revoche ai sindacati, ma se cin loro abbiamo un avvocato d'ufficio, senza di loro saremo carne da macello. Mi considero ignorante, ma vedo in tanti un ignoranza volutamente disfattista, intenta solo alla demolizione del nostro comparto. Per quanto riguarda la frase irriverente sproloquiata da Cracolici, lo vorrei per il tempo delle sue ferie nei boschi con una qualsiasi nostra squadra dell'azienda o dell'ispettorato per fargli capire cos'è il nostro lavoro, altro che "costringerli a lavorare". ASINO.

    RispondiElimina
  10. qualcuno per favore gli dica a questa specie di bes..a che ci sono persone che sono morte per salvaguardare i boschi siciliani e altri che a 67 anni restano a zappare sotto il sole tutto il giorno ... doppio Asino

    RispondiElimina
  11. Signor Leonardi Vincenzo io penso che siano proprio i forestali la rovina dei forestali i sindacati sono secondari tutto il resto è secondario perché se non saranno i forestali stessi a chiedere i loro diritti con forza e uniti davanti a un governo sordo e inadempiente con la volontà di cambiare le cose non si arriverà da nessuna parte barbara Bosisio moglie di un 151 ista che e dall 85 che lavora in forestale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leonardi Vincenzo8 aprile 2017 08:44

      Egregia Signora Barbara, debbo purtroppo condividere con lei, la cruda realtà. In tanti e forse in troppi pensano che sia un diritto acquisito e che a chiedere i nostri diritti, bastino gli altri.

      Elimina
  12. Secondo me per obbligo di lavorare lui intende:impegnarci dal 1 gennaio al 31 dicembre e farci fare solo le giornate di garanzia,senza darci la possibilità di fare altri lavori, regolarmente ingaggiati, per poter sopravvivere;quindi favorendo il lavoro nero. E qualora tu fossi ingaggiato ti scalerebbe le giornate di "garanzia".

    RispondiElimina
  13. Crocetta - Cracolici ...... sono politicante inutili ...... solo promesse e disastri ...... sono solo degli incapaci a tempo indeterminato dell'ARS ... spero che alla prossima tornata elettorale non prendano voti a sufficienza per essere rieletti perdendo così la loro garanzia occupazionale in politica. Fedele B.N. D2 Catania

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.