L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






17 marzo 2017

TRENTENNALE PARCO DELL'ETNA, PARLA FRANCO TASSI. «VULCANO RICCHEZZA MONDIALE, NON DELLA POLITICA»


Cronaca – Il docente e biologo, ex direttore del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise ha lavorato nel 1987 alla creazione dell'ente che tutela il vulcano siciliano. A tre decenni dall'istituzione spiega a MeridioNews la sua visione della Montagna, senza disdegnare qualche provocazione agli amministratori locali

Francesco Vasta
«L’Etna meriterebbe di diventare un parco nazionale». A riproporre a MeridioNews una suggestione viva già in passato è Franco Tassi, autentico guru della tutela ambientale in Italia, docente e biologo, dal 1969 al 2002 direttore del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. «Il vulcano appartiene al mondo, è una ricchezza che non può essere lasciata agli amministratori locali, il cui orizzonte è naturalmente limitato, o agli interessi di bottega», spiega in occasione del trentennale dall'istituzione del parco dell'Etna. 

C’era lui, fondatore del Comitato Parchi italiani, tra i promotori della «sfida del dieci per cento», lanciata nel 1980 con l’obiettivo di estendere la protezione delle prime pioneristiche aree protette del tempo ad almeno il dieci per cento del territorio nazionale. Soglia raggiunta nel 2000, e oggi - anche grazie a istituti come i Siti di interesse comunitario (Sic) nati su impulso dell’Unione Europea - oscillante fra il 15 ed il 20 percento. C’era la mano del Padre dei parchi - riconoscimento assegnatogli dalla Lipu lo scorso dicembre - anche nell’ambito dei lavori preliminari all’istituzione dell’ente parco dell’Etna, grazie all’invio di alcuni esperti che avevano già prestato la loro opera in Abruzzo.

«Oggi come allora e in Sicilia come nel resto del Paese, nel sistema dei parchi c’è bisogno di una visione, di volare alto - ragiona Tassi - Ciò è quanto abbiamo cercato di trasferire trent’anni fa». Ai giorni nostri l’idea di fondo, sull’onda del boom dell’ecoturismo, appare quasi scontata: «La salvaguardia del territorio non è improduttiva, non frena lo sviluppo, ma dirlo a quei tempi non era semplice - ricorda il docente - adesso però le comunità delle aree protette, se capaci, possono attirare visitatori da tutto il mondo grazie alla conservazione del patrimonio naturale». Tutto ciò trova si tocca con mano per esempio sull’appennino abruzzese: «A Civitella Alfedena tutti i 300 abitanti vivono grazie al turismo, senza la tutela del parco questo non sarebbe stato possibile, il paese si sarebbe svuotato».

Sono tante le somiglianze tra l’Etna e il parco d’Abruzzo, dall’estensione alle molteplici peculiarità ambientali, ma anche su piani meno entusiasmanti. Quella spinta ecologista così forte fra anni ottanta e novanta in Italia, oggi si sarebbe come annacquata. Secondo Tassi, che a 78 anni mostra di avere l’energia e la passione di un ragazzino, «i parchi hanno finito per diventare delle Pro loco». Oppure, ancora peggio, «degli uffici di collocamento della politica, delle centrali burocratiche senza le giuste competenze». «Questi enti non possono quindi avere la capacità di coinvolgere le comunità in progetti di valorizzazione che devono avere per forza un respiro internazionale». 


Proprio per non escludere la popolazione locale, quando si lavorava al parco dell’Etna l’equipe di Tassi aveva immaginato di dotare ciascun Comune di un Centro natura «per dare lavoro ai giovani accogliendo i turisti e mostrando la bellezza di quel territorio, tutto questo però è rimasto sulla carta». Nonostante tutto, l’ente parco è riuscito a centrare il riconoscimento Unesco, con l’inserimento dell’Etna nella lista dei patrimoni dell’umanità. «Un merito indiscutibile che però si è guadagnato il vulcano da solo - annota Tassi - a noi resta una medaglia, una piattaforma da cui partire, con più idee, più risorse e soprattutto meno burocrazia e più spirito di missione fra coloro che hanno le responsabilità».

17 Marzo 2017
http://catania.meridionews.it/articolo/53026/trentennale-parco-delletna-parla-franco-tassi-vulcano-ricchezza-mondiale-non-della-politica/


 
La meravigliosa Etna


Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, Corpo Forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Il Presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente



Etna, la forestale replica ai turisti sui rifiuti. «Chieste telecamere al Parco, niente risposte». 29 marzo 2014, Tony Zermo firma storica del giornale "La Sicilia": se l'Etna non è ripulita mettendo in azione i forestali sarà difficile attrarre turismo 

Etna, Cai di Bronte segna sentieri per escursionisti. «Un aiuto alla fruizione, ma serve piano adeguato». L’iniziativa è il frutto di un protocollo di intesa tra Parco dell'Etna, Dipartimento Provinciale Sviluppo Rurale e Territoriale (l’ex Azienda Foreste Demaniali)

Il Parco dell’Etna candidato al programma mab (man and biosphere) dell’Unesco. Grande partecipazione al primo incontro 

I boschi dell'Etna presi d`assalto. I cercatori di castagne e funghi, moderni vandali che non risparmiano i terreni coltivati. Il sindaco: «Ho ascoltato gli agricoltori e disposto un servizio di controllo

La giornata di studi. Etna, brand da valorizzare. Tra natura, storia e cultura


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.