L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






05 luglio 2016

ETNA, LA FORESTALE REPLICA AI TURISTI SUI RIFIUTI. «CHIESTE TELECAMERE AL PARCO, NIENTE RISPOSTE». 29 MARZO 2014, TONY ZERMO FIRMA STORICA DEL GIORNALE "LA SICILIA": SE L'ETNA NON È RIPULITA METTENDO IN AZIONE I FORESTALI SARÀ DIFFICILE ATTRARRE TURISMO


Etna, la Forestale replica ai turisti sui rifiuti. «Chieste telecamere al Parco, niente risposte»


Cronaca - Il Corpo forestale etneo era tra i destinatari della lettera-denuncia dei due vacanzieri trevigiani. Il comandante del nucleo operativo Ferlito e l'ispettore ripartimentale Lo Dico intervengono sul caso: «Tre anni fa abbiamo censito 233 discariche abusive. Risolvere il problema senza videosorveglianza è illogico»

Claudia Campese
«Ho letto la lettera dei due turisti con grande rammarico e non posso non cogliere la loro esortazione a vergognarci. Da cittadino, perché sono nato in questa terra, e per il mio ruolo che istituzionalmente mi porta a prevenire e a reprimere questi fenomeni». Così Gianluca Ferlito, comandante del nucleo operativo provinciale del Corpo forestale, risponde a MeridioNews sulla lettera inviata da due turisti trevigiani per denunciare lo stato di abbandono dell'Etna e la presenza di rifiuti. Una missiva, inviata a diverse istituzioni, che aveva provocato anche una polemica con la presidente del Parco dell'Etna Marisa Mazzaglia. La quale ha specificato come il tema dei rifiuti non rientri tra i compiti dell'ente da lei presieduto, invitando a denunciare alla Forestale la presenza di eventuali discariche abusive. Forestale che, a sua volta, dovrebbe poi segnalare ai Comuni i quali, estendendo il normale appalto per la raccolta dei rifiuti o con un apposito bando, dovrebbero dare mandato a una ditta di effettuare lo smaltimento.

«Innanzitutto preciso che, in termini giuridici, non si tratta di discariche ma di luoghi oggetto di scarichi incontrollati e occasionali da parte di tanti soggetti - continua Ferlito - Lo dico sempre: ci vogliamo poco bene e roviniamo le cose belle. Il nostro impegno è massimo, ma dev'essere conciliato con le tante attività che siamo chiamati a svolgere». Nello specifico, per il comandante, quello dei rifiuti abbandonati sul vulcano è ormai un «allarme sociale il cui accertamento è reso difficoltoso dalla vastità del territorio e dalla rapidità con cui viene effettuato l'illecito». Perché arrivare con un mezzo e scaricare i rifiuti è un'operazione veloce, con poche probabilità di essere colti in flagrante. Specie se a perlustrare un territorio da 60mila ettari è una squadra operativa con meno di 50 persone.

Eppure una soluzione, più volte chiesta anche dai cittadini, ci sarebbe. «L'ispettore ripartimentale ha indicato tre anni fa al Parco la strada da seguire», sottolinea Ferlito. Il riferimento è a Ninni Lo Dico, ispettore ripartimentale delle forestale etnee, da oggi trasferito a Messina. «Fin dal suo insediamento, ho chiesto alla presidente dell'ente Parco la disponibilità a progettare e attuare insieme un sistema di videosorveglianza, anche modesto, ma dislocato in punti strategici - racconta Lo Dico - Dopo tre anni, ancora attendiamo risposta».

E sempre a tre anni fa, febbraio 2013, risale il censimento delle discariche abusive sull'Etna, svolto dalla Forestale. «Abbiamo individuato 233 siti nel territorio di sette Comuni e per ciascun punto è stata redatta una scheda con la tipologia e la quantità stimata dei rifiuti presenti, compresa l'ubicazione georeferenziata e i rilievi fotografici - spiega Lo Dico -. Io stesso ho firmato la lettera di trasmissione del dossier alla presidente del Parco il 12 aprile 2013». Un lavoro durato quasi tre mesi e che ha impiegato una quarantina di uomini, «ma ho sentito che altri impropriamente se ne attribuiscono il merito», conclude l'ispettore.

«Pensare di contrastare un fenomeno di questa portata senza telecamere è fuori da ogni logica - riprende Ferlito -. Oggi esistono strumenti così sofisticati da essere invisibili e ci consentirebbero con precisione di individuare gli automezzi che, specie di notte, abbandonano i rifiuti». Privati cittadini che rischiano una sanzione, ma anche ditte che scaricano spesso rifiuti speciali «e in quel caso possono scattare misure anche penali». Il fenomeno, intanto, pare si stia allargando. «Abbiamo accertato che l'immondizia viene abbandonata anche nei rifugi lungo la pista altomontana - conclude Gianluca Ferlito - Ed è ancora più inquietante perché, per raggiungere questi luoghi, si devono percorrere per ore i sentieri e quindi si presuppone che i frequentatori siano degli amanti della montagna».

04 Luglio 2016
http://catania.meridionews.it/articolo/45049/etna-la-forestale-risponde-ai-turisti-sui-rifiuti-chieste-telecamere-al-parco-niente-risposte/





La meravigliosa Etna, senza se e senza ma



Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, corpo forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Il Presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente



04 Luglio 2016
http://catania.meridionews.it/articolo/45049/etna-la-forestale-risponde-ai-turisti-sui-rifiuti-chieste-telecamere-al-parco-niente-risposte/









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.