L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






08 luglio 2016

ETNA, CAI DI BRONTE SEGNA SENTIERI PER ESCURSIONISTI. «UN AIUTO ALLA FRUIZIONE, MA SERVE PIANO ADEGUATO». L’INIZIATIVA È IL FRUTTO DI UN PROTOCOLLO DI INTESA TRA PARCO DELL'ETNA, DIPARTIMENTO PROVINCIALE SVILUPPO RURALE E TERRITORIALE (L’EX AZIENDA FORESTE DEMANIALI)


Etna, Cai di Bronte segna sentieri per escursionisti. «Un aiuto alla fruizione, ma serve piano adeguato»



Cronaca – I volontari del club alpino italiano, in cambio di un rimborso spese per l'acquisto dei materiali, si occuperanno di rendere pronto il versante occidentale del vulcano all'arrivo dei turisti. E raccontano: «Ogni anno recuperiamo centinaia di dispersi perché mancano le indicazioni più basilari». Guarda le foto


C’è ancora la mano del volontariato dietro l’avvio della segnatura dei sentieri escursionistici che attraversano il versante occidentale dell’Etna. Al lavoro ci sono i componenti della sezione del Club alpino italiano di Bronte, cui sono stati affidati circa 35 chilometri di tracciati nell’area tra il territorio brontese – da Piano dei Grilli - e i Comuni di Maletto e Randazzo fino ai 2900 metri di Punta Lucia, ai piedi dei crateri sommitali. «Completare i sentieri etnei con la segnaletica significa migliorare la fruibilità del nostro vulcano», spiega Angelo Spitaleri, presidente del Cai brontese.

L’iniziativa è il frutto di un protocollo di intesa tra Parco dell'Etna, Dipartimento provinciale sviluppo rurale e territoriale (l’ex Azienda Foreste Demaniali) ed il Cai Sicilia, attivo nel ripristino della segnaletica escursionistica anche nei restanti parchi e riserve naturali dell’isola. Un altro intervento di rilancio del sistema di fruizione dell’area protetta – la cui zona A è anche Patrimonio Unesco – che, senza il supporto delle associazioni, di fatto sarebbe stato difficile da attuare per le istituzioni - come ribadito in più occasioni dai loro stessi vertici - paralizzate dalla penuria di uomini e risorse. 

Le indicazioni di tipo verticale, collocate nei mesi scorsi dall’ente Parco, saranno dunque integrate dalla segnaletica orizzontale, detta anche di conforto, e cioè i segnavia biancorossi usati per indicare la continuità del sentiero e i segnavia a bandiera rosso-bianco-rosso completi anche della numerazione del sentiero, da porre in genere all’inizio del percorso e in prossimità di un bivio. La rinnovata numerazione dei percorsi era stata curata negli anni scorsi proprio dal Cai, un lavoro certosino che sta alla base della nuova carta escursionista del Parco dell’Etna, in distribuzione dall’anno scorso.

Il Cai di Bronte, come le altre sezioni dell’area etnea e di Sicilia, si sta occupando della segnatura in cambio di un rimborso spese per l’acquisto dell’attrezzatura necessaria. «Il versante ovest è quello più carente sulla segnaletica, ferma agli anni in cui la Forestale riusciva a mettere qualche cartello sparso – spiega ancora Spitaleri – ogni anno nella nostra zona recuperiamo centinaia di escursionisti che si smarriscono perché mancano le indicazioni più basilari». Curare i sentieri è poi importante in chiave turistica perché, aggiunge il presidente, «c’è grande fame di conoscenza della nostra montagna e cresce sempre di più il numero di visitatori che non vogliono limitarsi a vedere le sole stazioni di Etna sud e nord». Ma segnavia e cartelli - come anche il «buon lavoro fatto sul recupero delle strutture da adibire a punti base» - potrebbero non bastare «senza un adeguato piano di fruizione dell’Etna utile a riattivare l'intero territorio».

Dopo la segnatura dei cammini fra Piano dei Grilli, monte Egitto, monte Lepre e monte Rosso – dove peraltro i volontari del Cai hanno riscontrato «significative incongruenze nelle tabelle segnavie già esistenti» - si proseguirà nei prossimi giorni con i sentieri monte Ruvolo - Case Zampini; monte Scavo - monte Guardirazzi - Punta Lucia; Case Boscochiuso - pista altomontana; monte La Nave - pista altomontana; pista Altomontana - rifugio di monte Maletto e, infine, il sentiero che dalle Sciare di Santa Venera (Maletto) conduce al lago Gurrida.

07 Luglio 2016
http://catania.meridionews.it/articolo/45181/etna-cai-di-bronte-segna-sentieri-per-escursionisti-un-aiuto-alla-fruizione-ma-serve-piano-adeguato/




 

 

 

 




La meravigliosa Etna, senza se e senza ma



Il Comitato esecutivo scrive a Crocetta: Il Parco dell'Etna è fermo

L'Etna non è pulitissimo, ma la parte demaniale è tenuta bene dalle guardie forestali. Stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Uil: La Risorsa-Forestali per un grande Progetto Etna

I forestali pronti per la fruizione e la tutela dell'Etna

Anche per Marisa Mazzaglia, Presidentessa del Parco dell'Etna, “l’economia verde è la chiave di volta per lo sviluppo dell’isola”

Il Corpo Forestale a tutela dell'area protetta nel parco dell'Etna  

Verde pubblico degradato, le proposte da parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»

Dolomiti ed Etna, splendore e immondizia

Sull'Etna Basta sporcizia e lentocrazia

Usi e abusi delle meraviglie dell'Etna   

Il Parco dell'Etna non ha propri Guardiaparco e che il compito del controllo e della repressione degli abusi nell'area protetta è affidato a ben 7 distaccamenti forestali che operano attorno alle falde del vulcano, ciascuno con pochi uomini e con competenze territoriali e funzionali non coincidenti con il territorio dell'area protetta

Etna, indagini sul festival di musica house, corpo forestale: autorizzazioni superficiali. Abbiamo trovato una situazione sgradevole, ma la cosa ancora più sgradevole è che il parco abbia dato il permesso, spiega il comandante ferlito

Etna, dopo il festival di musica techno «Uno sfregio autorizzato, si chieda scusa»

Etna, ambientalisti sul festival techno. «Area protetta svenduta per un rave»

Etna burning, parco e organizzatori a rischio denuncia. Proseguono le indagini del Corpo Forestale

Controlli delle forze dell'ordine. Il Parco dell'Etna «protetto» dai gitanti incivili

Parco dell’Etna: eseguito l’intervento per la salvaguardia delle querce secolari di Monte Egitto. I lavori progettuali sono stati eseguiti da maestranze forestali brontesi, sotto la sovraintendenza in loco di Carmelo Costanzo

Etna: volontari ripuliscono, sacchi restano in strada. Operazioni di facciata, utili solo per foto sui giornali. Il blog: perchè la Sicilia non deve utilizzare i lavoratori forestali per la cura e manutenzione del territorio?

Il reportage. Etna, discariche a perdita d'occhio cumuli di rifiuti tra le lave del 1600. 24 luglio 2013. Il Presidente del Parco: stiamo studiando come applicare l'articolo 25 per l'utilizzazione dei forestali

Etna, discariche abusive a 1700 metri. «Nemmeno da Ikea tutti questi mobili»

Sei km tra natura e storia nel Parco dell’Etna: nasce un sentiero di trekking archeologico

Pic-Nic di Pasquetta sull’Etna. No ai resti dei pic-nic abbandonati nei boschi del parco sarà installato a tarderia maxi cassonetto per rifiuti 

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire. Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Il Presidente del Parco Marisa Mazzaglia: non esiste nessun pericolo che l'Etna venga cancellato dal Patrimonio Mondiale Unesco, lo assicura con una lettera il Ministero dell'Ambiente


04 Luglio 2016
http://catania.meridionews.it/articolo/45049/etna-la-forestale-risponde-ai-turisti-sui-rifiuti-chieste-telecamere-al-parco-niente-risposte/









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.