L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






04 novembre 2015

LE ACCUSE A LO BOSCO? UNA FARSA MA POI CAMPIONE LE CONFERMA. LE SUE ACCUSE SONO VERE. COME VERE SONO LE TANGENTI PAGATE AI DIRIGENTI DELLA FORESTALE E A LO BOSCO.


L'INTERCETTAZIONE PIRATA

"Le accuse a Lo Bosco? Una farsa"
Ma poi Campione le conferma



di Riccardo Lo Verso
L'imprenditore agrigentino che ha inguaiato il presidente di Rfi, Dario Lo Bosco, si presenta in Procura, a Palermo, per smentire le sue stesse parole registrate da un uomo che lo ha avvicinato nei giorni scorsi. E ribadisce di avere pagato mazzette.


black list, dario lo bosco, inchiesta, libro mastro, massimo campione, mazzette, palermo, rfi, tangenti, Cronaca
Da sinistra Salvatore Marranca, Dario Lo Bosco e Giuseppe Quattrocchi


PALERMO - Massimo Campione è stato sentito dai magistrati di Palermo. L'imprenditore, beccato con la lista delle tangenti nella borsa, si è presentato in Procura per ribadire le accuse. O meglio, per smentire il contenuto di un'intercettazione pirata. Alcuni giorni fa, esploso il caso delle presunte mazzette pagate a due dirigenti della Forestale, Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi, e al presidente di Rfi, Dario Lo Bosco, l'imprenditore sarebbe stato avvicinato da una persona vicina allo stesso Lo Bosco.
A lui Campione avrebbe detto che le accuse rivolte al numero uno di Rete ferroviaria italiana erano tutte una farsa. Peggio, sarebbero il frutto di pressioni familiari. Spendere il nome di Lo Bosco gli avrebbe consentito di alleggerire la sua posizione. Ecco perché, diceva, era pronto a rettificare tutto.
Ed invece stamani è tornato in Procura, accompagnato dal suo legale, l'avvocato Nino Caleca, per incontrare l'aggiunto Dino Petralia e il sostituto Claudio Camilleri per dire che la sua è stata una farsa nella farsa. Ha detto quelle parole solo per allontanare e tranquillizzare il giovane che era andato ad incontrarlo. Le sue accuse sono vere. Come vere sono le tangenti pagate ai dirigenti della Forestale e a Lo Bosco.
Il giallo merita un approfondimento da parte dei poliziotti della sezione Anticorruzione della Squadra mobile di Palermo. Gli stessi che sono certi del lavoro fin qui svolto e che ha portato ai domiciliari Lo Bosco. Il presidente di Rfi , nel corso dell'interrogatorio di garanzia, ha negato di avere preso soldi da Massimo Campione e di conoscere i due dirigenti della Forestale arrestati nella stessa indagine ai quali Campione dice di avere consegnato i soldi destinati all'ex presidente di Rfi. Al termine dell'interrogatorio l'avvocato Bartolomeo Romano ha chiesto la revoca dei domiciliari.
ADVERTISEMENT




Notizie correlate:








Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.