L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






21 marzo 2015

FINANZIARIA, LA CURA DIMAGRANTE DI CROCETTA, PREVISTO L'ESODO DI 7000 REGIONALI. LA NORMA PREVEDE LA FUORIUSCITA A 63 ANNI DI 3800 OPERAI FORESTALI. SI TAGLIA ANCHE DI 1500 UNITÀ IL SERVIZIO ANTINCENDIO DESTINANDOLI A MANUTENZIONE DI FORESTE E FALDE ACQUIFERE



Finanziaria, previsto l'esodo di 7000 regionali


La norma prevede la fuoriuscita di 754 dirigenti, 1770 dipendenti e 3800 forestali oltre un centinaio dipendenti dei consorzi di bonifica e dell'Esa e circa 500 del Corpo forestale
 

di GIOACCHINO AMATO


Finanziaria, previsto l'esodo di 7000 regionali


Più che una finanziaria è una radicale "cura dimagrante" la norma che il presidente Rosario Crocetta preferisce chiamare "Sblocca Sicilia" o "di austerità". Fra sforbiciate, accorpamenti e soppressioni, spiccano una serie di misure che potranno portare alla fuoriuscita di qualcosa come 7000 persone nei prossimi cinque anni. Si tratta di 754 dirigenti, 1770 dipendenti, 3800 forestali delle varie tipologie oltre a più di un centinaio dipendenti dei consorzi di bonifica e ente sviluppo agricolo e circa 500 del Corpo forestale. E infine un taglio di poltrone e incarichi di sottogoverno.

Nel comparto agricoltura prevista non solo la fuoriuscita a 63 anni di circa 3800 operai forestali secondo le norme pre Fornero e un contributo di accompagnamento alla pensione. Si taglia anche di 1500 unità il contingente degli "antiincendio" destinandoli a manutenzione di foreste e falde acquifere ed entro il 2019 si tagliano della metà i 1250 agenti del Corpo forestale. Si sopprime l'agenzia per l'agricoltura Arsea ma in cambio la Resais rinasce come l'araba fenice per occuparsi della gestione di tutti i forestali riuniti in un'unica graduatoria. Tagli del 10 per cento quest'anno ai contributi per i consorzi di bonifica, del 30 nel 2016 fino all'azzeramento nel 2020. In compenso si cerca di far partire la "Banca della terra" per la quale, invece di un regolamento, basteranno le linee guida: 10 mila ettari di terreni da affidare ai giovani con 1000 nuovi posti di lavoro.

In finanziaria anche le norme sul personale regionale che verranno emendate solo se il confronto con i sindacati in Aran Sicilia porterà risultati. Al momento tagli e adeguamenti al contratto degli statali rimangono e con le finestre per la fuoriuscita, da qui al 2020, potranno andarsene in 2400 fra dirigenti e funzionari. Ma spariscono anche altre "poltrone", non solo quelle dei consiglieri comunali. I dieci istituti autonomi case popolari (Iacp) si accorpano nell'Agenzia unica Aspa, il Consiglio regionale dei beni culturali passa da 50 a 13 membri, spariscono i collegi dei revisori dei parchi archeologici, cancellati e accorpati agli altri, gli uffici per le gare d'appalto (Urega) di Trapani, Siracusa e Agrigento.

Nasce la centrale unica degli acquisti che secondo le stime di Baccei porterà già quest'anno al dimezzamento della spesa per i farmaci e ad un calo del 10 per cento di quello di dispositivi medici e del cinque per cento di beni e servizi (15 per cento entro il 2017). Si rafforza anche l'assessorato Economia con un nuovo dipartimento che controllerà gli "effetti economici" di spese e entrate controllando, in pratica, la gestione della ragioneria generale. Una serie di norme, invece, rendono più semplici autorizzazioni ambientali e iter burocratici e coinvolgono i Comuni e le ex Province, come "organismi intermedi" nell'utilizzo dei fondi europei. 

Per le autolinee in attesa della gara pubblica di assegnazione del servizio di trasporto si stanziano per quest'anno 74 milioni di euro per le varie ditte dei quali 19 milioni per Ast. Altri 94 milioni per
il trasporto urbano in 87 Comuni. Altri due milioni e mezzo andranno al Comune di Comiso per lo "startup" dell'aeroporto. Si confermano, in via transitoria ma al ribasso, i contributi a teatri e orchestre ma si crea il fondo unico per lo spettacolo (Furs) da cinque milioni di euro. Per accedere al fondo tutti i teatri, dal Massimo di Palermo al Bellini di Catania, dovranno rinunciare ai contratti integrativi dei dipendenti, circa 1000 persone.    
 

21 Marzo 2015
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/03/21/news/finanziaria_previsto_l_esodo_di_7000_regionali-110134505/









1 commento:

  1. e qua finisce la storia.................................... salvo.s

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.