L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






17 febbraio 2015

VERDE PUBBLICO DEGRADATO, LE PROPOSTE DI PARTE DEL PD. «IL COMUNE DEVE GARANTIRE LA FRUIZIONE DEI PARCHI» MA IN QUALE CASSETTO SONO FINITE LE BELLE PROPOSTE CHE RIGUARDAVANO I LAVORATORI FORESTALI?



Verde pubblico degradato, le proposte di parte del Pd. «Il Comune deve garantire la fruizione dei parchi»


Cronaca – Ampliare il regolamento per l’affidamento ai privati redatto dalla commissione consiliare permanente Verde pubblico. È questa l’idea, ricca di proposte che vanno dagli orti urbani ai lavori sociali, di una parte del Partito democratico etneo per far fronte allo stato di abbandono del verde in città. E sul boschetto della Playa il deputato Berretta afferma: «Bisogna che all'affidamento di un bene ai privati non segua una deresponsabilizzazione da parte dell’amministrazione». Guarda le foto





«La maggior parte delle aree verdi della città di Catania versa in una situazione di degrado e incuria, spesso determinata da atti di vandalismo». È questa la fotografia che dei parchi cittadini il Partito democratico di Catania consegna all’opinione pubblica. L’occasione della discussione è una conferenza stampa in cui alcuni esponenti del Pd etneo hanno esposto i risultati dei sopralluoghi effettuati nei parchi cittadini, dal centro storico alla periferia. Carenza igieniche, rifiuti, piante non curate e sistemi di videosorveglianza mai attivati sono i nodi che rendono le aree di difficile frequentazione da parte dei cittadini. Il punto di partenza del ragionamento politico del Pd è quindi la mancanza di una seria programmazione di interventi da parte del Comune di Catania, che nei fatti rende i parchi poco fruibili. «Un passo in avanti è rappresentato dal regolamento per l’affidamento dei parchi urbani comunali a privati, redatto dalla commissione consiliare permanente Verde pubblico», confessa il consigliere comunale Niccolò Notabartolo. Salvo aggiungere immediatamente che «il documento elaborato ha limiti oggettivi». A renderlo riduttivo la mancata programmazione di interventi di manutenzione straordinaria e l’estensione dello stesso solo ad alcune aree.
Ad elencare alcune proposte, insieme a Notabartolo, il deputato nazionale Giuseppe Berretta, i consiglieri della terza circoscrizione Laura Sicari e Marco Leonardi, e il consigliere della prima Davide Ruffino. Accanto a loro anche i segretari dei circoli Pd di Librino e Picanello, rispettivamente Bruno Medeot e Angelo Villari. Le proposte vanno nella direzione di «una partecipazione della cittadinanza attiva nella gestione del verde pubblico e di un ruolo di garanzia di questi interventi da parte del Comune di Catania. Con l’idea che quando l’amministrazione affida un’area a un privato, assurga a un ruolo di controllo sulla stessa, e di garanzia del rispetto degli obblighi previsti per gli eventuali gestori», spiega Berretta. L’esempio è fornito dalla questione relativa all’affidamento di Villa Pacini a un privato. «Il gestore che ha ottenuto il bene per una cifra veramente irrisoria non lo cura e la conseguenza è che la gente ha paura pure a entrare in quell’area visto che è sporca, degradata ed è frequentata per lo più da ubriachi», sostiene Ruffino. Al suo intervento segue quello dei colleghi che evidenziano il cattivo stato anche dei parchi Gioeni, Ghandi, Giovanni Falcone, Manzella, Zammataro e Madre Teresa di Calcutta.
Le proposte di gestione previste dal gruppo toccano punti definiti «importanti per le città metropolitane». Si va dall’inserimento nel regolamento per l’affidamento dei parchi urbani comunali di una misura che preveda anche la manutenzione straordinaria alle attività relative agli orti urbani, dalla richiesta di maggiore peso dei rappresentanti delle circoscrizioni nei processi di affidamento all’ampliamento dei parchi cittadini. E ancora, dalla possibilità di prevedere lavori sociali presso le aree verdi a quella di sponsorizzazioni pubblicitarie per coinvolgere i privati nella cura dei parchi. Un tasto dolente è rappresentato anche dalla mancanza di informazioni sui parchi verdi del capoluogo etneo nel web. Il sito del Comune, da poco rinnovato, non contiene infatti un elenco dei parchi della città limitando le notizie utili anche da un punto di vista turistico.
Una delle aree verdi che portato parecchi grattacapi all’amministrazione comunale etnea è il boschetto della Playa. Il parco - il più esteso della città - è rimasto per mesi chiuso in seguito alle conseguenze di una forte ondata di maltempo. A partire da aprile dovrebbero iniziare nell’area i lavori atti a trasformarlo in un parco avventura, in quattro ettari dei totali 28. «È indubbio che in merito alla questione si siano registrate delle polemiche ma, considerando che il progetto prevede un’attrazione all’interno di una zona che rimane gratuitamente fruibile, mi trovo favorevole», spiega Notabartolo. Parla invece di «passo falso nel percorso di gestione attraverso il coinvolgimento dei privati per quanto riguarda i tempi» l’onorevole Berretta. Che precisa: «Bisogna che all’affidamento di un bene ai privati non segua una deresponsabilizzazione da parte dell’amministrazione che deve continuare ad assurgere al proprio ruolo di garanzia degli obblighi previsti per i gestori. Il Comune - aggiunge - deve stare accanto ai cittadini e ai gestori affinché l’area sia fruibile a tutti».

16 Febbraio 2015
http://catania.meridionews.it/articolo/31559/verde-pubblico-degradato-le-proposte-di-parte-del-pd-il-comune-deve-garantire-la-fruizione-dei-parchi/






 


 





Nota
Ma in quale cassetto sono finite le belle proposte che riguardavano i lavoratori forestali?
Erano le solite chiacchiere oppure le cose utili e produttivi non hanno mai la forza per andare avanti?
Per curiosità, ho contattato il Consigliere Comunale di Catania, Massimo Tempio, sapendo benissimo che lui è esente da tutte le colpe.

Assistiamo ad un vero e totale abbandono del verde pubblico, non solo a Catania. I forestali essendo le persone giuste per questi lavori, non vengono più presi in considerazione, anzi... 
Ogni tanto gradiremmo sentire che questi lavoratori potrebbero essere le vere sentinelle dell'Ambiente, solo che per cause di forza maggiore questo non è possibile. Se le Amministrazioni Comunali insistessero di più, forse qualche risultato potrebbe essere raggiunto.




Notizie correlate:

Catania. Che fine ha fatto l'utilizzo dei lavoratori forestali per il recupero del Parco Gioeni?

Utilizzo dei forestali per la salvaguardia del Parco Gioeni e del Boschetto della Plaja. Approvata la proposta del Consigliere Comunale di Catania Massimo Tempio

Catania. il consigliere Massimo Tempio: I forestali per la tutela dei parchi

Plaia, rilancio e pianificazione del territorio. il piano è stato concepito nel rispetto dei vincoli di un territorio che presenta torrenti che verranno sottoposti a manutenzione anche grazie ai forestali e a un'attività di prevenzione del rischio idrogeologico

Playa, boschetto chiuso per calamità da novembre. D'Agata: «Non ci sono operai per ripristinarlo» Ma pewrchè i forestali devono rimanere a casa? 

Parco Gioeni, al lavoro gli operai della forestale












Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.