L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






30 novembre 2014

IL PRESIDENTE DELL'ARS ARDIZZONE: I FORESTALI SONO TRENTAMILA, SECONDO I SOLONI DELL’INFORMAZIONE, MA È FALSO, CI SONO FORESTALI CHE GUADAGNANO APPENA SETTEMILA EURO L’ANNO, PERCHÉ IL NUMERO DELLE GIORNATE DI LAVORO SONO POCHE, NON BASTANO PER SOPRAVVIVERE



Ardizzone e Crocetta autonomisti sfegatati






Ardizzone e Crocetta <br /> autonomisti sfegatati“È un massacro, giorno dopo giorno un linciaggio della Sicilia da parte della grande stampa nazionale”. Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha difeso da “avvocato” scrupoloso e appassionato, lo Statuto, l’autonomia e la Regione siciliana, davanti ad una platea di studenti di Giurisprudenza a Palermo. Invitato a tirare di spada con Rosario Crocetta da “Nuova Realtà Giovanile”, ha messo sul banco degli imputati tutti i nemici della Sicilia, cercando di smontare, uno dopo l’altra, le accuse e gli addebiti che alla Regione vengono fatti dall’informazione nazionale con la complicità dei fogli regionali. Invece che un match sanguigno, è stata perciò una partita a briscola fra amici di vecchia data, che si misurano con il due di coppe e l’asso di bastone, raccontandosi com’è dura la vita.
Ardizzone ha fatto il suo mestiere – l’avvocato – mentre Rosario Crocetta si è rifugiato nella storia dell’Isola e nelle sue pagine di gloria, passata e recente. Giuseppe Verde, direttore del dipartimento, avrebbe dovuto fare da arbitro, ma ha dovuto trovarsi un ruolo diverso, perché non c’è stato duello, ma uno scambio di assist. Meglio così? Chi lo sa.
Cominciamo da Ardizzone. La Sicilia subisce colpe che non ha. Alcuni esempi? I forestali. Sono trentamila, secondo i soloni dell’informazione, ma è falso, ci sono forestali che guadagnano appena settemila euro l’anno, perché il numero delle giornate di lavoro sono poche, non bastano per sopravvivere. E le trivelle? Si fa un gran parlare di trivelle che uccidono l’ambiente. Ma i permessi di perforazione a mare sono di competenza dello Stato, e per quelle a terra, la Regione dà un parere consultivo, del quale lo Stato può benissimo fare a meno. E il gettito fiscale? Una ingiustizia: le grandi aziende producono in Sicilia e pagano, magari, in Lombardia o in Emilia. La Regione ha avuto più poteri e meno risorse.
L’Assemblea regionale? Maltrattata giorno dopo giorno. La più spendacciona? No, è morigerata, spende meno dei consigli regionali. Il suo bilancio è appesantito dal fondo pensione, che altrove non esiste, perché i vitalizi sono affidati agli istituti di previdenza. Quindi i calcoli sono tutti sbagliati.
Una campagna di denigrazione, ecco quel che sta accadendo secondo Ardizzone. La riprova? In Lombardia si svolge un referendum consultivo per il quale la Regione spende trenta milioni di euro. I lombardi sono invitati a rispondere ad un quesito: ti piace lo stato speciale? Vuoi che la Lombardia divenga una regione autonoma? Roba da passi, chiosa il presidente dell’Ars. Che cosa volete che rispondano, visto che viene suggerito con un secondo quesito che, in subordine, basta che arrivino in Lombardia le risorse che spettano oggi al Friuli. Che cosa sarebbe accaduto se la Sicilia avesse proposto un referendum consultivo del tipo: ti piace ancora l’autonomia siciliana, spendendo trenta milioni? Saremmo stati passati per le armi, linciati, un finimondo. E invece nemmeno un rigo sulle testate importanti.
E Rosario Crocetta? “L’autonomia non è negoziabile, né riconsiderabile”, ha esordito. Un outing autonomista di grande pregio. “Uso il termine nazione quando parlo della Sicilia per una ragione semplice: la Sicilia ha una sua storia, una sua lingua, una sua diversità”. Il governatore si sente italiano fino al midollo, ma anche siciliano, orgogliosamente siciliano. L’autonomia è una identità, non una serie di norme. È una condizione dello spirito, non una scelta politica e solo politica. Sono state perpetrate molte nefandezze verso l’Isola, ed anche tanti torti. La Corte costituzionale non ha fatto solo il suo mestiere, tanto per fare un esempio, ma ha cambiato le norme costituzionali e le leggi. Come nel caso dell’Alta Corte, abolendola senza averne il potere. Ed è per questa ragione che la Sicilia è rimasta sotto tutela per decenni. Il Commissario dello Stato invece che il garante dello Statuto speciale, si è trasformato nel censore del Parlamento regionale. La revisione dello Statuto? Sarebbe utile, sostiene Crocetta, “ma temo che ne approfittino per peggiorarlo”.
Unico argomento di dissenso fra Ardizzone e Crocetta, alla fine, il Commissario dello Stato. La sua abolizione non è stata applaudita dal presidente dell’Ars. Non è però il caso di piangerci sopra, era stato dimezzato quando, quattordici anni or sono, gli è stato tolto il potere di censurare l’attività del governo nazionale, facendone un arbitro a senso unico, che può punire solo una delle parti. Il governatore, al contrario, condivide la rimozione, visto che perseguiva soltanto i provvedimenti dell’Assemblea.
28 Novembre 2014

http://www.siciliainformazioni.com/136886/ardizzone-e-crocetta-autonomisti-sicilia-nazione-e-fisco-casalingo





Presidente Ardizzone, è possibile in Sicilia una volta tanto passare dalle parole hai fatti?

 
 











Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.