L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






28 gennaio 2014

VALORIZZARE E TUTELARE CON LA COLLABORAZIONE DELL'AZIENDA FORESTALE LA NECROPOLI PANTALICA


Progetto unico di sviluppo sostenibile del territorio con la Regione, l'Azienda forestale e la Camcom

Il convegno dedicato alla valorizzazione di Pantalica
Foto lasicilia.it


Sortino. «Pantalica patrimonio dell'umanità: un percorso di valorizzazione e tutela»: il tema del convegno ospitato alla Camera di Commercio di Siracusa.
Il convegno è stato promosso dall'assessorato regionale ai Beni culturali e dell'Identità Siciliana, dall'assessorato regionale dell'Agricoltura, dalla Camera di Commercio di Siracusa, dalla Provincia, dalla Coalizione PIST 12 «ThapsosMegaraHyblonTukles», dall'Unione dei Comuni Valle degli Iblei e dal Gruppo di Azione Locale Agenzia di Sviluppo Val d'Anapo. Ancora parole su Pantalica e su quello che i sortinesi e gli altri abitanti della zona iblea si aspettano dalla valorizzazione turistica della necropoli che, qualche anno fa è stata dichiarata dall'Unesco «Patrimonio dell'umanità». E' ormai quasi mezzo secolo che Pantalica aspetta Godot.
Ma almeno, da quanto è stato evidenziato nel convegno, questa attesa sembra volgere al termine visto che dopo questo lungo percorso si è riusciti, con un'azione di concertazione, a mettere insieme tutti i soggetti attivi del territorio, da quelli pubblici, ad iniziare dai Comuni, alla Provincia, alla Regione, all'Azienda forestale, alla Camera di Commercio, al sistema produttivo privato, e quindi alle associazioni di categoria, per costruire insieme un unico progetto di sviluppo sostenibile del territorio, partendo proprio da quel patrimonio culturale, storico, archeologico e paesaggistico che è Pantalica e la Valle dell'Anapo.
A prendere quest'impegno, di fronte ad una sala gremita, l'assessore regionale ai Beni culturali Maria Rita Sgarlata, il presidente della Camera di Commercio Ivan Lo Bello, i sindaci dei Comuni iblei Paolo Amenta, Enzo Buccheri, Michelangelo Giansiracusa, Nello Pisasale, i dirigenti dell'Azienda forestale Carmelo Frittitta e Filadelfo Brogna. Al convegno, moderato dal presidente del Gal Val d'Anapo Pippo Gianninioto, sono intervenuti Jolanda Scelfo, consigliere nazionale della Federazione dei Club Unesco; Giuseppe Di Mauro della Ufficio Tecnico del Gal Val d'Anapo e responsabile del Centro Servizi territoriali Archimede; Maria Musumeci della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Siracusa.
L'importanza e la peculiarità di questi luoghi sono stati evidenziati da Paolino Uccello, etnologo e naturalista. «Su 250 specie di orchidee esistenti in Europa - ha detto Uccello - ben 50 specie sono presenti nella zona di Pantalica-Valle dell'Anapo, che possiede il 25% di tutta la flora al mondo». Dati impressionanti quelli forniti da Paolino Uccello che rafforzano l'impegno del progetto di valorizzazione del territorio ibleo.
Paolo Mangiafico

27 Gennaio 2014



Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.