L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






31 gennaio 2014

LA MANOVRA BIS DOVREBBE CONSENTIRE DI SBLOCCARE O REPERIRE MEZZO MILIARDO DI EURO E DI GARANTIRE I FORESTALI E TUTTE LE ALTRE CATEGORIE


L'analisi

Province, manovra, rimpasto:
tutte le partite aperte


I 15 giorni che cambieranno la Sicilia. Mentre si lavora per mettere in sesto i conti della Regione, tante partite restano aperte e dovranno essere risolte entro metà febbraio: dalla riforma delle Province ai manager della Sanità. E il congresso del Pd aprirà nuovamente la questione-rimpasto.


bianchi, Congresso, crocetta, pd, Province, rimpasto, sanità
PALERMO - Quindici giorni. E la Sicilia avrà un volto diverso. Le macerie della Finanziaria sono ancora sparse sul pavimento dell'Isola. Ma nelle prossime due settimane bisognerà chiudere, insieme alla manovra che dovrà dare un futuro a migliaia di siciliani, una serie di partite aperte. Che – nel bene e nel male – modificheranno, e di tanto, l'identikit di questa regione.

L'assessore all'Economia Luca Bianchi ha annunciato che la “Finanziaria-bis” sarà pronta entro metà febbraio. Una scadenza che si aggiunge a quelle fissate già in quei giorni. E che in qualche modo si richiamano, in uno dei più classici “effetti-domino”. Entro il 15 febbraio, infatti, bisognerà approvare il ddl sulla riforma delle Province. Il giorno dopo verrà eletto il nuovo segretario del partito democratico. Nel frattempo bisognerà individuare i nuovi manager di ospedali e aziende sanitarie. Una partita che si intreccia anche a quella del rimpasto e a quella del congresso democratico, appunto.

Insomma, tra quindici giorni la Sicilia si sveglierà con i liberi consorzi (ovviamente sulla carta, servirà del tempo prima della cancellazione del vecchio ente) o con nuove elezioni in calendario; vedrà mutare i volti di tutti i vertici della Sanità e di quello del leader del partito al quale appartiene anche il governatore. Ma ognuna di queste strade è costellata di piccole o grandi trappole.

A cominciare dalla manovra-bis. Quell'operazione che dovrebbe consentire al governo regionale di sbloccare o reperire mezzo miliardo di euro e di garantire così le poste in bilancio per tutte quelle categorie che da oggi, con la pubblicazione in Gurs della Finanziaria, sono scomparse dai documenti contabili della Regione. Forestali, dipendenti di enti e associazioni legati a Palazzo d'Orleans, lavoratori delle Partecipate, associazioni antimafia, Teatri, Università. Bisognerà dare una risposta a ciascuno. Ma soprattutto, bisognerà convincere il Commissario dello Stato. Non a caso, in queste ore sono chiari i tentativi del governo di appianare le recenti “divergenze” e riaprire un dialogo. Un dialogo serrato e difficile. Ma decisivo per le sorti di tantissimi siciliani. Un dialogo da portare avanti, appunto, nei prossimi quindici giorni.

Giorni in cui a Sala d'Ercole approderà finalmente l'”epocale” riforma delle Province. La commissione ha esitato un testo che già divide il parlamento. Dove – come spiega lo stesso presidente della prima commissione Antonello Cracolici – non sono da escludere sorprese. A dire il vero, però, il malcontento è già venuto a galla. E se le lamentele del centrodestra, che pretende il mantenimento del voto popolare per l'elezione degli organi dei liberi consorzi, erano ampiamente prevedibili, suonano come un campanello d'allarme le dichiarazioni del Movimento cinque stelle e di alcuni esponenti Pd. I grillini, da sempre sostenitori dell'abolizione delle Province, dopo l'approvazione del ddl in Commissione hanno parlato di “brodino”. Mentre il deputato democratico Panepinto ha chiesto che siano i cittadini a scegliere come eleggere il presidente del nuovo ente. Segnali, che si aggiungono a quelli già manifestati in passato dall'Udc che ha sempre richiesto una “vera” riforma (“altrimenti meglio tornare al voto” hanno tuonato i centristi pochi giorni fa) e dall'affossamento, a fine dicembre, tramite il voto segreto, della richiesta di proroga dei Commissari, proposta dal governo. Un ko che potrebbe ripetersi sul terreno assai più importante del ddl di riforma, con effetti politico-istituzionali devastanti. Da un lato, infatti, si aprirebbe la strada a nuove elezioni (in controtendenza col resto d'Italia), dall'altro i contraccolpi per un governatore già indebolito dalla viceda-Finanziaria sarebbero quasi insostenibili.

Un governatore che, nel frattempo, e non a caso, sta cercando sponde davvero “bipartisan”. La presenza a Palazzo Chigi, l'altro ieri, di Angelino Alfano e soprattutto di Renato Schifani, oltre che del renziano di Sicilia Davide Faraone, dipinge un quadro di “dialogo necessario”, quasi forzato anche con forze politiche tradizionalmente avverse. Oltre che con correnti di partito con le quali il presidente della Regione ha polemizzato fino a pochi giorni fa.

Un dialogo che passerà anche dalla scelta – sempre politicamente significativa – dei nuovi manager della Sanità. Non a caso, questo ritardo “sospetto” nella scelta dei manager sta suscitando qualche mal di pancia tra gli alleati. “Il ritardo nella nomina dei nuovi manager di Asp e aziende ospedaliere – ha attaccato ad esempio il presidente della commissione Sanità e deputato del Pd Pippo Digiacomo - può servire esclusivamente a bloccare la programmazione con conseguenze disastrose per l’intero sistema sanitario regionale. Tutto ciò non è assolutamente tollerabile e per questo invito il Governo a procedere immediatamente con le nomine”. Un altro parlamentare del Pd, Mario Alloro, è andato persino oltre, chiedendo la “revoca delle procedura per la formazione di un elenco di aspiranti alla carica di direttori generali delle Asp perché redatta con criteri illegittimi. La commissione insediata per la valutazione delle istanze – ha spiegato Alloro - invece di limitarsi ad applicare i criteri di valutazione già stabiliti, ha previsto nuovi criteri successivamente alla presentazione delle domande e quindi quando era già a conoscenza dei curricula dei candidati”.

Una vicenda, quella dei manager, che verrà risolta in piena campagna congressuale. Con un partito, il Pd, che verrà necessariamente attraversato da tensioni e polemiche interne. Fino al 16 febbraio, giorno in cui verrà scelto il nuovo segretario. E quando un'altra partita sarà già più chiara: quella del rimpasto di governo. Richiesto da mesi dagli alleati. Una richiesta rafforzata dal “fallimento”, denunciato non a caso da tanti parlamentari, della giunta dei tecnici. La stessa giunta che dovrà lavorare sodo, in questi quindici giorni, per rimettere in piedi la Sicilia. Prima che la Sicilia cambi volto.
ADVERTISEMENT
http://livesicilia.it/2014/01/31/province-manovra-rimpasto-tutte-le-partite-aperte-i-15-giorni-che-cambieranno-il-volto-della-sicilia_437165/

3 commenti:

  1. se cambia volto nn sarebbe male ma il volto dei 90 deputati regionali pero ....no noi siciliani resteremo sempre con la testa alta noi nn abbiamo nulla da vergognarci loro si

    RispondiElimina
  2. Caro Giuseppe eppure tanta gente dopo queste publicita' che ci fanno in tv ci guarda dalla testa hai piedi,come se fossimo appestati e nessuno che ci difende,non ti sembra che questa sia una cosa gravissima e ancora,ma in questo blog ci siamo solo noi due a commentare o e' la mia impressione...mah dove siete voi colleghi forestali fatevi sentire,non importa se si e' sgrammaticati,l'iportante e' il concetto e il sapere di esserci...SANTO CANONICO

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Santo ciao Michele che 6 sempre attento a publicare tutto quello che dicono contro di noi ..siamo diventati gli zimbelli della sicilia e come dice Santo siamo sempre gli stessi a scrivere..pazienza..poi se saranno col c...o x terra saranno cavoli loro noi abbiamo detto la nostra forse nn faremo rumore..ma ci siamo difesi xche a me nessuno mi deve dire che sono previlegiato ho che sono un peso x i siciliani ho un fanullone IO COME TANTI IL MIO DOVERE LO FACCIO QUANDO LAVORO..ci stanno tanti che prendono in un mese quello che io forse neanche in un anno guadagno e nn fanno nulla...a loro nn li dicono mai una parola loro nn sono un peso il x che ? xche i giornali li soteniamo noi...cioe anche loro anno contributi dello stato quindi nn dicono mai che i politici sono un peso....comunque..noi forestali nn ci faremo mai umiliare da questi .....sappiamo come comportarci ciao Santo e Michele...g ilardi......se i colleghi che nn commentono e xche nn sanno usare il pc...ahhaah

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.