L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






10 gennaio 2014

ALLA REGIONE NESSUN PASSO AVANTI SUI FORESTALI


ALLA REGIONE NESSUN PASSO AVANTI SUI FORESTALI


"L'approvazione della norma sui forestali in Finanziaria regionale non consente alcun passo avanti nella riforma suggerita dalla Uila e dal Sindacato unitario, mostra una Regione in stato confusionale, non toglie nulla all'attacco denigratorio di questi giorni sferrato dal governo Crocetta contro migliaia di lavoratori precari e fondamentalmente poveri,  sottoposti a un disgustoso fuoco di sbarramento utile solo a deviare risorse verso Palazzi, potentati e loro assistiti. Si tenta di criminalizzare e distruggere l'intero comparto, bruciando risorse umane e professionali. La Uila ribadisce le linee-guida del progetto per la valorizzazione produttiva della Risorsa-Forestali e mantiene alta la guardia, poiché allo stato attuale esistono in bilancio regionale appena 180 milioni dei 320 necessari per la copertura del fabbisogno di settore". Lo afferma Nino Marino, segretario della Uila di Catania, che aggiunge: "Mentre il sindacato unitario s'impegna da tempo al riordino della legislazione forestale, forte anche del contributo di idee fornito proprio dalla Uila di Catania con un testo ispirato a principi di efficienza della spesa e di valorizzazione ambientale, il Governo regionale anche grazie alla miope e sconcertante giravolta dell'assessore Cartabellotta ha tentato di smantellare l'intero settore, disattendendo in un solo colpo le leggi di settore". "Ribadiamo – prosegue Marino – che gli attuali 26 mila lavoratori dell'Antincendio e dell'Azienda Foreste (di cui 10 mila effettuano 78 giornate annue e altrettanti 101 giornate, appena 4 mila 600 ne svolgono 151 e mille 400 sono operai a tempo indeterminato) costituiscono un'enorme risorsa per la gestione, la manutenzione e la tutela dei boschi e delle aree protette, del verde pubblico, del demanio, dei consorzi autostradali, delle strade provinciali, dei siti archeologici, dei parchi urbani e suburbani. Le somme ogni anno dilapidate per il verde pubblico da Province, Comuni e Consorzi ammontano a  100 volte il costo dei forestali: se quindi il presidente Crocetta volesse non solo a parole colpire gli appalti clientelari costosissimi e in odor di mafia, dovrebbe utilizzare i forestali. E l'assessore Cartabellotta non dovrebbe criminalizzarli, dimenticando l'obbligo contrattuale per l'Amministrazione forestale di provvedere ai mezzi di trasporto che, invece, non fornisce ai lavoratori. Fatta eccezione per i pochi furbi che vanno perseguiti, l'assessore fa finta di ignorare come moltissimi lavoratori ogni giorno percorrano decine, centinaia, di chilometri di strade impervie e disastrate distruggendo i propri mezzi e ricevendo il pagamento delle spettanze dopo 4 o 5 mesi. Spesso, peraltro, li ho visti disperarsi per il fatto di non avere potuto anticipare i soldi della benzina! E temiamo cambierà poco con lo sbandierato impiego a chilometri zero, perché altre sono le esigenze di servizio (e le distanze) che per senso di responsabilità non potranno essere ignorate dai lavoratori".


10 Gennaio 2014
http://www.uilcatania.it/index.php?option=com_content&view=article&id=188:alla-regione-nessun-passo-avanti-sui-forestali&catid=7&Itemid=109


Concordiamo. Ieri abbiamo visto qualche deputato gioire sule norme approvate, ma gioire di che? Come dicevo questa mattina, ci hanno ridato quello che avevamo, ma al ribasso, come diceva giustamente l'On. Musumeci, il problema viene rimandato di anno in anno, il prossimo saremo nuovamente punto e a capo e con qualche euro ancora in meno in busta paga. Scommettiamo?




2 commenti:

  1. Centorbi Salvatore10 gennaio 2014 19:41

    Segretario Marino questa è la seconda volta che leggo dei grossi distinguo su come invece ragionano i dirigenti confederali regionali,distinguo che sicuramente trovano concordi molti forestali ..me compreso, ma sono sicuro anche molti dirigenti locali e provinciali di cgil cisl e uil , e allora mi domando cosa si aspetta a mandare all'aria questa indegna dirigenza regionale ...lo capite o no che oltre a portare a morte l'operaio forestale stanno portando a morte sicura il "sindacato" in quanto istituzione a difesa degli operai?

    RispondiElimina
  2. Segretario Marino, quanto si va a braccetto dei politici, perché tutti i sindacati sono politicizzati, è inutile poi, sparare le solite cazzate a difesa dei lavoratori tanto ormai non ci crede più nessuno. Ci vediamo alle prossime elezioni.

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.