L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






27 giugno 2013

SERRADIFALCO (CL). IL LAGO E IL PARCO URBANO IMPREZIOSISCONO IL TERRITORIO


Serradifalco

«Il lago e il parco urbano
impreziosiscono il territorio»


Serradifalco. c. l.) «Bisogna avviare la riserva naturale del Lago Soprano in quanto, assieme al Parco urbano, può rappresentare un valore aggiunto di fondamentale importanza per la promozione e valorizzazione del nostro territorio; per questo credo che i ritardi nella perimetrazione della riserva e nel suo avviamento non siano più tollerabili». Ad affermarlo è stato il dirigente dell'Auser Totò Pelonero nel corso del convegno sul tema "Ambiente e Benessere" che s'è svolto presso la sala convegni di Palazzo Mifsud. All'ultimo momento, tanto l'assessore regionale Lo Bello, quanto il direttore della riserva del Lago Soprano, la dott. ssa Cortina, non sono potuti essere presenti all'incontro. Che comunque è stato interessante nella misura in cui ha fatto emergere l'esigenza di avviare la riserva naturale serradifalchese.
«Finalmente si parla tutti assieme del Lago Soprano! Ritengo che questa iniziativa vada elogiata perché consente di promuovere e valorizzare la nostra riserva come risorsa», ha sottolineato il sindaco Giuseppe Dacquì che ha ribadito che all'interno della riserva lacustre non c'è inquinamento, né presenza di radioattività. Totò Pelonero ha anche chiesto al sindaco che venga creato un tavolo di verifica e controllo degli impegni portati avanti da Provincia e Regione per l'avviamento della riserva. Interventi apprezzati sono stati quelli del sindaco di San Cataldo Francesco Raimondi, ma anche dell'ex vice presidente della Provincia Puccio Dolce che hanno evidenziato il valore di un sito come il Lago Soprano che, più che un problema, rappresenta una risorsa da valorizzare. E' intervenuto anche il direttore del Cefpas Angelo Lo Maglio che ha posto l'accento sul fatto che, con la prossima scomparsa delle Province, si porrà il problema di quale ente dovrà gestire queste riserve naturali; il direttore ha proposto la forestale. Interventi si sono registrati anche da parte di Gina Tortorici, della dott. ssa Glennie Bellanca (sul rapporto tra ambiente e benessere), di Pippo Di Natale dell'Auser regionale, di Ferdinando Siringo del Cesvop, del dott. Lo Cascio della segreteria dell'assessorato regionale al territorio e del vice sindaco Salvatore Aldo Venti secondo il quale, se si vuole veramente avviare la riserva, occorrerà indennizzare i proprietari dei terreni.

26 Giugno 2013







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.