L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






09 aprile 2013

PROPOSTO ALL'ASSESSORE SGARLATA L'UTILIZZO DEI FORESTALI PER IL VERDE PUBBLICO



All’assessore regionale Mariarita Sgarlata proposto l’utilizzo del personale pure per le manutenzioni



di PAOLA LAGUIDARA  
SIRACUSA. La pulizia dei siti archeologici e monumentali non necessita di piani di intervento straordinari ma piuttosto può rientrare nell’ordinarietà utilizzando leggi, risorse e strumenti di cui la Regione dispone. In sintesi è questo quello che sostiene Salvo Salerno, più volte intervenuto su questioni legate alla gestione delle circoscrizioni attraverso l’associazione ”Quartieri fuori dal Comune”, ed oggi in campo per dare quelli che definisce ”suggerimenti” al nuovo assessore regionale ai Beni culturali Mariarita Sgarlata. E che fanno seguito all’impegno dello stesso assessore ad attivarsi sul territorio partendo dalle «piccole cose, come la pulizia dei siti archeologici». «Esiste in Sicilia - dice Salerno - lo strumento per garantire la manutenzione e pulizia a costo zero dei siti culturali e paesaggistici, quindi non solo archeologici. Si tratta dell’azienda regionale delle foreste demaniali, con i suoi 18mila lavoratori forestali addetti alla manutenzione silvoculturale del patrimonio verde della Sicilia». «Un’apposita legge regionale - dice ancora Salerno - consente che l’azienda delle foreste demaniali con una semplice convenzione possa essere incaricata di provvedere con i propri operai sia alla ripulitura, ma anche alla manuntenzione ed al miglioramento delle essenze vegetali di tutti i terreni di interesse paesaggistico destinati alla pubblica fruizione». L’azienda foreste demaniali viene così paragonata ad una sorta di «giardiniere» ufficiale dell’isola. Fermo restando che gestisce anche «33 riserve naturali tra cui Vendicari e Pantalica». L’azienda ha pure lavorato in sinergia con importanti realtà di tutela ambientale come Legambiente, Lipu e Wwf. «L’assessore Sgarlata valuti dunque questa possibilità tutta di mano pubblica e pressoché a costo zero - conclude - in quanto le giornate agli operai occorre comunque garantirle e pagarle e lo faccia prima che sia troppo tardi». Salerno coglie infatti l’occasione per criticare il proponimento del governo Crocetta sullo scioglimento dell’azienda che dovrebbe essere trasformata in quello che definisce «un mostro ibrido ed enorme come il dipartimento dello sviluppo rurale».

08 Aprile 2013


Qualcuno forse vuol cambiare le carte in tavola, guarda caso a discapito dei lavoratori forestali.
Innanzitutto le giornate per le manutenzioni extra forestali devono essere effettuate dopo aver completato le giornate previste dalla legge! Al primo posto ci sono sempre i demani forestali e poi il verde pubblico. Da quello che si legge si vogliono trascurare le foreste senza nessuna giornata di lavoro in più, non è questa la strada da percorrere, questa volta si constata che i lavoratori forestali con la complicità delle istituzioni pubbliche, DEVONO rimanere precari a vita, mentre le altre categorie vengono accontentate. Noi comunque non ci stiamo!









Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.