L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






19 settembre 2012

UN ENORME TERRITORIO E POCHE RISORSE


 
Un enorme territorio e poche risorse

di Desirée Miranda

Forum con Antonino Lo Dico,  ispettore ripartimentale delle Foreste di Catania
 

Antonino Lo Dico, ispettore ripartimentale delle Foreste di Catania, foto qds

Quali sono le principali competenze e criticità del corpo forestale nel territorio catanese?
“Il corpo Forestale della Regione siciliana ha competenza di tutela ambientale, pertanto le criticità del territorio catanese derivano dalla forte eterogeneità dello stesso.
L’ispettorato rip.le delle Foreste opera su tutto il territorio provinciale che è caratterizzato da tre parchi: quello dell’Etna, quello dei Nebrodi e il parco fluviale dell’Alcantara. A questi si aggiungono diverse riserve naturali regionali come il complesso Immacolatelle e Micio – Conti, Fiume Fiumefreddo, isola Lachea e faraglioni dei Ciclopi; Oasi del Simeto e la Timpa. Il territorio catanese comprende inoltre una fitta rete di interesse naturalistico con diverse zone Sic (siti di interesse comunitario e Zps (zone di protezione speciale)”.

A quanto ammonta la superficie boschiva di vostra competenza?
“La superficie boschiva ammonta a 70.000 ettari, a cui vanno aggiunti oltre 187 mila ettari di superficie agricola e 50 mila ettari di praterie, pascoli e terreni incolti. Il corpo forestale in materia di tutela ambientale non opera infatti solo nelle aree boschive, ma anche in quelle protette ed in quelle sottoposte a vincolo idrogeologico, pertanto posso affermare che le competenze si estendono a tutto il territorio provinciale”.

Di quanti uomini disponete? Ritiene che siano un numero adeguato alle vostre esigenze?
“Il personale distribuito tra la sede dell’ispettorato rip.le delle Foreste e le diverse strutture annesse (Nop -nucleo operativo provinciale-; soccorso montano e di protezione civile Etna; le sezioni delle procure di Catania e Caltagirone e gli undici distaccamenti forestali di Adrano, Bronte, Catania, Caltagirone, Giarre, Linguaglossa, Maniace, Nicolosi, Randazzo, Vizzini, Zafferana Etnea) comprende un totale di 115 unità delle quali 95 di personale in divisa e 2 funzionari amministrativi insufficienti per assolvere ai compiti istituzionali”.

 Può tracciare un bilancio dell’attività svolta negli ultimi mesi?
“Durante i primi sei mesi di quest’anno sono stati accertati 120 illeciti penali e 60 illeciti amministrativi. Considerato inoltre che ci troviamo in piena campagna antincendio, è necessario aggiungere l’incessante lavoro di prevenzione e repressione dei roghi che il Corpo Forestale è chiamato a gestire con il proprio personale e con i lavoratori forestali stagionali che operano affinché vengano limitati i danni che i malavitosi, con dolo, provocano ad un bene di pubblica utilità. Fino alla data del 10 settembre siamo intervenuti su 4.131 segnalazioni con 3.035 interventi di repressione degli incendi. Di questi, ben il 99% è risultato essere di natura dolosa. Sono tanti infatti gli interessi per cui si appicca il fuoco, ma spesso c’è l’ignoranza alla base dell’atto ed anche per questo facciamo attività di educazione ambientale nelle scuole.
Magari c’è chi vuole attuare delle ripicche nei confronti di altri allevatori, oppure alcuni hanno in progetto di sgomberare il campo per poterci fare quello che vogliono, ma non sanno che è controproducente. Un terreno bruciato ha infatti dei limiti nella proprietà per cui si blocca tutto (edificabilità, pascolo, caccia). Poi ci sono sempre i piromani come quello colto in fragranza di reato la scorsa settimana in contrada Sorce nel comune di Bronte. Affetto da patologia depressiva si divertiva ad appiccare il fuoco ed è stato consegnato ai sanitari dell’Asp per un trattamento sanitario obbligatorio. Colgo l’occasione per ricordare che il numero per le emergenze ambientali è il 1515”.
 
Quali obiettivi vuole raggiungere il corpo Forestale nel prossimo anno?
“Gli obiettivi del corpo della Forestale sono più o meno sempre gli stessi. Puntiamo alla prevenzione e al controllo del territorio. I nostri obiettivi possono dunque essere propositivi e miranti ad una incentivazione del controllo in materia di repressione e controllo degli illeciti ambientali e non possono essere portati a termine con le attuali risorse umane e finanziarie. Il mio augurio personale è quindi quello che il nuovo governo regionale, dato che le elezioni regionali saranno il prossimo ottobre, possa attuare una politica di rilancio della nostra attività istituzionale”.

Quali le difficoltà con cui dovrete scontrarvi?
“Di certo servirebbero più uomini e mezzi. Siamo pochi e dobbiamo coprire un’area molto vasta. Questo fa sì che il nostro lavoro, seppur continuo e preciso, non possa mai essere sufficiente. Dovremmo poi considerare anche il carattere del siciliano per la cui educazione serve molta fatica. È restio per esempio alla raccolta differenziata, ma non solo. È abituato alle discariche abusive anche nei posti più belli e incontaminati con conseguenze su molti altri settori. Il fatto è che non è abituato ai controlli e a rispettare le regole”.


Curriculum Antonio Lo Dico
 
Antonio Lo Dico laureato nel 1985 presso l’Università degli studi di Palermo, già insegnante nella scuola superiore dal 1986, è entrato poi a far parte dell’Amministrazione forestale nel 1999. Dal 2008 è ispettore ripartimentale delle Foreste di Catania. Nel 2001 ha ricevuto un diploma di benemerenza con medaglia della Regione Siciliana per l’emergenza sull’Etna, e sempre nel 2008 è stato insignito dell’onorificenza dal Presidente della Repubblica di “ufficiale dell’ordine al merito della Repubblica italiana”.
 
18 Settembre 2012

 
 

1 commento:

  1. Sono daccordo con il dottore lo dico quando dice un vasto territorio e poche risorse. La natura va salvaguardata e tutelata, oggi in effetti anche nell'oasi del simeto assistiamo alla scomparsa pian piano della costa sabbiosa che il mare risucchia e penetra all'interno dell'area boschiva distruggendo e corrodendo una vasta area di vegetazione. Tanti lavori fatti nel passato ed ora abbandonati, tanti sacrifici andati in fumo. Si potrebbero costruire delle dune rimboscare le aree protette, costruire nuove stradelle antincendio, viali parafuoco, fare più partecipe le aree boschive con i cittadini, albero e natura al servizio dell'uomo come mezzi di servizio e produzione per l'umanità. Nella forestale esiste un personale altamente formato e qualificato, di elettricisti, falegnami, idraulici ed operai specializzati invidiati da tutti che possono essere impiegati a tutto campo. Il corpo delle guardie soffre il personale che non e stato avviato dai recenti e decennali concorsi non espletati, insomma un malato da curare. Il mio augurio e quello che questa tornata elettorale trovi i giusti politici di buona volontà che pensino anche al futuro nostro e dei nostri figli, con una natura sempre più verde e sana. carmelo da catania

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.