L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






29 luglio 2012

STABILIZZAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI DEL NORD




Interpellanza dell'On. Giovanna Negro (Lega Nord)
foto tratta dal sito della Camera dei Deputati
 
Destinatari
Ministero destinatario:
  • MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI delegato in data 20/07/2012
Stato iter:
IN CORSO


Atto Camera

Interpellanza 2-01609
presentata da
GIOVANNA NEGRO
lunedì 23 luglio 2012, seduta n.670

I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, per sapere - premesso che:

gli operai forestali a tempo determinato, cosiddetti OTD, sono utilizzanti nell'ambito delle funzioni del Corpo forestale dello Stato, ai sensi della legge n. 124 del 1985;

il decreto-legge n. 78 del 2010, convertito dalla legge 122 del 2010, ha disposto che le pubbliche amministrazioni, a decorrere dal 2011, possono assumere personale a tempo determinato nel limite del 50 per cento della spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009;

nonostante i tentativi ditale previsione con una deroga per le assunzioni di cui al predetto decreto-legge n. 78 del 2010 (in ragione del fatto che la norma in questione appare in contrasto con l'articolo 2, comma 250, della legge finanziaria per il 2010 e con il successivo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di riparto delle risorse ivi disponibili, che assegnava al Corpo forestale dello Stato 3 milioni di euro per le assunzioni di personale a tempo determinato per gli anni 2010, 2011 e 2012), per l'anno 2011 sono stati resi disponibili solo 1.414.223,33 euro;

le ridotte risorse finanziarie disponibili nel 2011 e nel 2012 non hanno consentito di procedere alla riassunzione dei 181 operai a tempo determinato impiegati nel 2010, ma solo di 81 unità per un periodo massimo di sei mesi;

la riduzione degli operai a tempo determinato è stata più consistente negli uffici che dispongono, a seguito della procedura di stabilizzazione conclusasi nel mese di ottobre 2008, di un più elevato numero di operai a tempo indeterminato (OTI);

a titolo esemplificativo si evidenzia che, mentre a Cosenza dal 2011 lavorano 96 operai a tempo indeterminato, a Tarvisio (Udine), che ha un'estensione superiore di aree protette amministrate, ne lavorano solo 13. Analoga situazione si riscontra ad esempio anche a Peri (Verona);

appare evidente come il «taglio» in questione abbia comportato anche un dimezzamento del numero degli operai a tempo determinato soprattutto nelle regioni del Nord e, per quei pochi rimasti, anche dei mesi di lavoro;

come sopra indicato, il 2012 è, pertanto, l'ultimo anno dei finanziamenti per l'assunzione dei predetti operai a tempo determinato in capo al Corpo forestale dello Stato, seppure con risorse dimezzate da 3 milioni di euro a circa 1,4 milioni di euro in ragione dei tagli previsti dal decreto-legge n. 78 del 2010;

da segnalazioni ricevute dai diretti interessati, sembrerebbe che senza nuovi stanziamenti in favore della legge n. 124 del 1985, non sarà più possibile procedere alle assunzioni degli operai a tempo determinato -:

quali iniziative il Ministro interpellato intenda porre in essere per far fronte al problema della stabilizzazione definitiva degli operati a tempo determinato, e comunque alla necessità di garantire nuove risorse per assicurare il rinnovo dei contratti degli stessi operai a tempo determinato a decorrere dal 2013, ciò anche in ragione delle connesse conseguenze occupazionali che il tema comporta nonché delle importanti funzioni di salvaguardia del territorio che tali operai rivestono soprattutto nelle regioni del Nord.

(2-01609) «Negro, Fugatti».





Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.