L'obiettivo dei sindacati

è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti:

Oti e 151nisti.

Obiettivo condiviso anche dai due assessori!

Ecco allora quanto manca

per la presentazione della riforma:






31 dicembre 2010

ON. CONCETTA RAIA (PD) 2



Concetta Raia: In Sicilia Mancano i fondi Fas


18 agosto 2010
Cari Amici e Compagni,
La Sicilia è ancora una volta tradita dal Governo nazionale, che da circa due anni promette l'arrivo dei fondi Fas che, al contrario, sembrano aver preso la via del dimenticatoio.
Quanto al Governo regionale, che sull'arrivo di queste risorse ha fatto fin troppo affidamento pensando di poter risolvere la questione della stabilizzazione dei lavoratori forestali attingendo proprio a questi finanziamenti europei, non può limitarsi adesso ad alzare le spalle e mettere i lavoratori forestali in "lista d'attesa".
Sembra chiaro, ormai, che la Regione dovrà trovare risposte alternative e immediate perchè la tutela della categoria dei forestali e del lavoro che essi svolgono soprattutto in questi mesi estivi, è e deve rappresentare una priorità.
Mancano i fondi Fas? La Regione non può garantire ai lavoratori nessun aumento delle giornate lavorative rispetto all'anno precedente? Non è in grado di pagare gli stipendi in arretrato da maggio? Da subito gli assessorati all'Agricoltura e al Bilancio si attivino per recuperare i soldi, tra le pieghe del bilancio e in fase di assestamento, attingendo per esempio al piano sviluppo rurale, in modo da garantire l'applicazione dell'accordo siglato nel maggio 2009.

Cordialmente,

Concetta Raia
Deputato PD all'ARS

Link.






30 dicembre 2010

ASSESSORE MARCO VENTURI - SINDACATI


PALERMO, 20 dic 2010 (SICILIAE) - "Sono stati incontri molto soddisfacenti, durante i quali sono giunte anche proposte interessanti da parte del mondo produttivo siciliano. Proposte che in taluni casi condivido e che sono contenute nel documento trasmesso alla segreteria della giunta di governo in vista del tavolo generale con le parti sociali". Lo afferma l'assessore regionale alle Attivita' Produttive, Marco Venturi, che la settimana scorsa ha concluso il ciclo di incontri con le parti sociali dei settori artigianato, commercio, attivita' produttive, credito e cooperazione con l'obiettivo di avviare un percorso di collaborazione sinergica tra l'amministrazione centrale e i 'protagonisti' del tessuto produttivo siciliano. Alla luce di cio' l'assessore Venturi ha predisposto una relazione che ha inviato a Palazzo d'Orleans, cosi' come previsto dagli accordi ed in vista dell'incontro generale tra Regione e parti sociali. "Questo Assessorato - scrive Venturi - ha focalizzato l'attenzione su 4 punti ritenuti fondamentali: finanziaria 2011 - 2013; rimodulazione dei Fondi Strutturali; politiche di sviluppo; problematiche del credito. Le tematiche affrontate hanno trovato la condivisione e l'assenso dei vari comparti che sposando questa la linea - prosegue - hanno accettato di formare un fronte unico per la realizzazione di progetti utili e necessari allo sviluppo della nostra Regione". Nel documento Venturi aggiunge: "Nella finanziaria si deve evitare di intervenire su tutti i capitoli di spesa in maniera "orizzontale" ma prevedere una mirata riduzione o eliminazione di quei capitoli che non portando un concreto sviluppo economico rappresentano una distrazione di risorse e quindi sprechi di natura finanziaria. Nello specifico l'intervento deve riguardare: la drastica riduzione delle spese correnti; la diminuzione del  numero dei forestali; l'utilizzazione in maniera adeguata del personale in via di stabilizzazione; l'approvazione della legge di riforma dei consorzi Asi; il no alla fusione tra Ircac e Crias". "Per risollevare le sorti del tessuto produttivo - spiega l'assessore Venturi - sia dal mondo dell'artigianato, sia dalle centrali cooperative mi e' stato chiesto di abbattere le procedure amministrative, troppo lunghe e farraginose; stoppare la burocrazia inutile; incrementare il personale in alcuni servizi nevralgici in cui la carenza di funzionari rallenta oltremodo l'esame delle pratiche". Tra le istanze presentate anche la possibilita' che i 150 milioni stanziati dal governo per i grandi investimenti possano essere utilizzati pure per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. 
Link.

29 dicembre 2010

ON. GIOVANNI PANEPINTO (PD) 2

Forestali. Intervento del deputato regionale Panepinto
Notiziario di Martedì 19 Settembre 2006

Il deputato regionale dei DS, Giovanni Panepinto, chiede al presidente della commissione Bilancio dell’ars, Michele Cimino, di convocare le organizzazioni di categoria dei lavoratori forestali per una audizione in vista della discussione in aula di alcune interrogazioni con cui si chiede l’aumento delle giornate lavorative. Panepinto ricorda che i lavoratori stagionali dell’azienda foreste chiedono di potere effettuare 78 giornate lavorative anche per regolarizzare la loro posizione contributiva e lo stesso vale per gli operai stagionali del consorzio Agrigento 3. Nei giorni scorsi, peraltro, lo stesso Panepinto aveva presentato una interrogazione con la quale chiedeva l’aumento delle giornate lavorative dei forestali garantande 151 giornate ai centunisti e 78 giornate ai cinquantunisti.

28 dicembre 2010

PRESIDENTE RAFFAELE LOMBARDO

13 agosto 2009  

La promessa di Lombardo: "Dimezzeremo il personale"

''Dimezzeremo praticamente i numeri. I provvedimenti sono gia' pronti e firmati, partiranno in breve tempo, nell'ottica di un ridimensionamento globale degli organici che stiamo portando avanti''. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, in un'intervista a 'Il Giornale'.
''Tutto e' spropositato e tutto va ridimensionato in Sicilia - ha aggiunto - dai forestali ai dirigenti. Si tratta di personale che abbiamo trovato e che comunque continuera' a prendere uno stipendio.
''Come regione a statuto speciale la Sicilia ha molte piu' competenze delle altre, e quindi ha una mole superiore di impegni - ha detto - Abbiamo piu' poteri per quanto riguarda l'agricoltura, i lavori pubblici. Prendiamo ad esempio il piano casa. Anche quello e' di nostra competenza. Bisogna contrattare, partecipare ai tavoli e' un lavoro complesso che richiede impegno sul posto''.
Link.

PAROLE, PAROLE, SOLTANTO PAROLE

Nello specifico riteniamo che nell’immediato, il personale che svolge attività di antincendio e quindi tutela del patrimonio boschivo esistente, vada impiegato TUTTO almeno per 151 giornate, a fronte dell’attuale 15% del contingente utilizzato (935 unità su un totale di 6300). Tra l’altro risulta indispensabile, in quanto tale attività di pronto intervento abbisogna di tutte le unità presenti contemporaneamente in tutte le sue qualifiche. Negli impegni di governo SIA PRIORITARIO risolvere il problema trentennale della STABILIZZAZIONE DEI LAVORATORI AGRO-FORESTALI, per poter essere impiegati anche in compiti di protezione civile, vigilanza ambientale,bonifica idraulico-fluviale, potenziamento, sistemazione delle stradelle, ecc.
IMPEGNI NON MANTENUTI
- 3 Febbraio 2006. L’Assessore Regionale AA.FF. On Leontini, presenta in Aula un Ddl che consenta ai Lavoratori Agro-Forestali di transitare in 3 anni tutti alla fascia successiva d’impiego, intervento plaudito in Aula da diversi Deputati: tale ddl viene integralmente modificato dalla Giunta Regionale emanando di fatto la legge 14/06, nettamente insoddisfacente e discriminante per la categoria.
- 27 febbraio 2007. La Giunta Regionale si impegna ad accantonare con i fondi provenienti dal Fesr, Euro 350.000.000,00 da destinare alla Forestale.
- 12 settembre 2007. L’On. Pagano in un intervento d’Aula auspica che i Lavoratori Forestali, in particolar modo quelli appartenenti al contingente dell’Antincendio, nell’onda del moltiplicarsi degli incenti roghi, vengano fatti transitare da subito tutti a 151 giornate.
- 26 settembre 2007. Un Odg condiviso da tutti i Parlamentari impegna il Governo della Regione affinchè trovi delle soluzioni adeguate per la stabilizzazione dei Lavoratori Agro-Forestali e la revisione della L.R. 14/06: l’Assessore AA.FF. Prof. La Via risponde che entro 120 gg. il Governo darà una risposta esaustiva e risolutiva al Parlamento Regionale.
- 23 ottobre 2007. L’Assessore AA.FF. Prof. La Via sottoscrive un Protocollo di intesa per il passaggio immediato di tutti i 101 isti dell’Antincendio, in prima battuta, a 151 giornate.
- 21 novembre 2007. l’On. Pagano, rassicurato dal Vice Presidente On. Leanza, ribadisce in Aula l’impegno di tutta la Deputazione e del Governo per la stabilizzazione dei Lavoratori Agro-Forestali.
A fine Dicembre nella sessione di Bilancio e Finanziaria in Commissione Bilancio ed in Aula viene presentato il ddl 701/A dal Gruppo Parlamentare di F.I., precedentemente condiviso e siglato da tutte le forze parlamentari: le dimissioni del Presidente Cuffaro e la chiusura anticipata della Legislatura ne interrompono il percorso;(NON SAREBBE SUCCESSO NIENTE)
- 21 marzo 2008. Il Candidato Presidente della Regione On. Lombardo, inserisce tra le proprie priorità l’emanazione di una legge per lo sviluppo della montagna a cui sicuramente i Lavoratori Agro-Forestali sono fortemente simbioticamente legati con azioni dirette di salvaguardia del territorio agro-montano.
- 02 luglio 2008. L’ARS approva una mozione dove si impegna a far prolungare il servizio antincendio.
- 6 ottobre 2008. I confederali comunicano per il 15 di ottobre lo sciopero generale del comparto.
- 7 ottobre 2008. 28a SEDUTA Parlamentare. n. 56 “Approvazione urgente di un testo di riordino del settore forestale”, degli onorevoli Lupo, Gucciardi, Panepinto, Marziano;
premesso che: la legge regionale 14 aprile 2006, n. 14, ha innovato la disciplina delle misure riguardanti il lavoro nel settore forestale mediante l'integrazione e la modifica della legge regionale 6 aprile 1996, n. 16; tali modifiche rappresentano un adeguamento al mutato quadro di riferimento in termini di risorse umane ed economiche a disposizione dell'Amministrazione regionale in tema di
personale utilizzato per la gestione del patrimonio silvo-pastorale ed ambientale della Regione;
l'esatta dimensione numerica del personale a disposizione dell'Azienda regionale foreste
demaniali e dell'ufficio speciale servizio antincendi boschivi per le attività previste dalla
normativa di riferimento è stata ottenuta grazie all'applicazione dell'articolo 43 della legge
regionale 14 aprile 2006, n. 14, che ha modificato la legge regionale 6 aprile 1996, n. 16, dando vita all'elenco speciale dei lavoratori del settore forestale;
il legislatore con l'articolato normativo delle due leggi citate non ha rispettato l'impegno sottoscritto con l'accordo del 30 novembre 2005 tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori e il Governo della Regione, rimandando la disciplina di alcune parti dell'accordo ad ulteriori leggi; tale accordo individua una serie di misure per il comparto agroforestale-ambientale che hanno come fine:
a) la promozione e la valorizzazione delle risorse del comparto;
b) la tutela del territorio rurale e montano e delle condizioni socio-economiche delle
popolazioni di montagna e delle zone svantaggiate;
c) l'incremento qualitativo e quantitativo della superficie boscata, della selvicoltura e delle attività connesse;
d) la prevenzione delle cause di dissesto idrogeologico;
e) la lotta alla desertificazione;
f) la tutela degli ambienti naturali, del paesaggio e degli ecosistemi;
g) la ricostituzione e il miglioramento della copertura vegetale dei terreni marginali;
h) l'utilizzo sociale dei boschi anche ai fini ricreativi e didattici;
i) la difesa dagli incendi del patrimonio forestale regionale, dei terreni agricoli, del paesaggio e degli ambienti naturali;
l) il contribuire al raggiungimento degli obiettivi assegnati all'Italia nell'ambito degli accordi di Kyoto, impegna il Governo della Regione a porre in essere ogni iniziativa perchè si arrivi con urgenza all'approvazione di un testo di riordino, più volte annunciato dall'Assessore al ramo, che onori gli impegni assunti dal Governo con l'accordo del 30 novembre e si proceda ad individuare urgentemente un percorso di stabilizzazione di tutti i lavoratori del settore». (56)
- 9 ottobre 2008. FORESTALI INTESA REGIONE SINDACATI, “ENTRO IL 31 DICEMBRE LA LEGGE DI RIORDINO". FLAI, FAI, UILA QUINDI SOSPENDONO LO SCIOPERO DEL 15 OTTOBRE. E’ stato approvato anche un odg unitario che impegna il Governo e in particolare il Presidente della Regione a sviluppare ogni iniziativa entro e non oltre il 31 dicembre 2008, al fine di garantire l’attuazione integrale dell’accordo sindacale del 30 novembre 2005, per la tutela occupazionale e la stabilizzazione dei lavoratori del settore forestale.
Si arriva al 31 dicembre e il Presidente Lombardo non ha presentato nessuna la legge sul riordino.
- 13 febbraio 2009. I SINDACATI DI CATEGORIA PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE.
- 2 marzo 2009. le parti sociali richiedono un incontro alle istituzioni sulla vertenza in corso.
- 9 marzo 2009. Inizia un presidio permanente dei lavoratori forestali della provincia di Palermo a Piazza Indipendenza.
Per rivendicare:
- RECEPIMENTO IMMEDIATO ACCORDO SINDACALE DEL 30 NOVEMBRE 2005
- RINNOVO CIRL FORESTALI IN TEMPI RAPIDI
- PAGAMENTO DEGLI ARRETRATI CONTRATTUALI
PER LE RAGIONI SOPRA ESPOSTE, A SOSTEGNO DELLA VERTENZA REGIONALE, L’ATTIVO UNITARIO DEI DELEGATI FORESTALI DI FLAI FAI E UILA HA INDETTO UN PRESIDIO PERMANENTE CON GAZEBO DINANZI LA PRESIDENZA DELLA REGIONE IN PIAZZA INDIPENDENZA . DURANTE IL PRESIDIO SI INCONTRERANNO I CAPIGRUPPO PARLAMENTARI PER SENSIBILIZZARE LA POLITICA RISPETTO ALLE PROBLEMATICHE ESPOSTE.
Il presidio si manterrà fino a quando il governo non convocherà le Segreterie Regionali di FAI, FLAI e UILA e si arrivi ad una risoluzione definitiva della vertenza.
- 25 marzo 2009. Seduta n° 78 del 25/03/09. L’On.Giuseppe Lupo in occasione della dichiarazione di voto sulla proroga dell'esercizio provvisorio richiesto dal Governo e sulla situazione dei lavoratori forestali diceva che: C’è un accordo sindacale sottoscritto, con il quale il Governo si impegna al riordino della materia del settore forestale per migliorare le condizioni del settore stesso e le condizioni lavorative dei lavoratori della forestale. Di tutto questo non c’è più notizia. E’ assolutamente inaccettabile che, trascorsi tanti mesi, da parte del Governo non ci sia alcuna risposta. Ritengo che nelle prossime settimane, purtroppo, assisteremo ad una forte mobilitazione di piazza, forte e anche necessitata da quelle che sono le condizioni di migliaia e migliaia di lavoratori che non possono più aspettare le risposte di un Governo che, di fatto, non c’è.
- 2 aprile 2009. Forestale: le proposte di Fai, Flai e Uila regionali sul settore e la richiesta d’incontro al Governo regionale.
- 24 aprile 2009. I sindacati indicono una manifestazione di protesta dinanzi la sede
dell’Azienda Foreste di Palermo in Via Giacomo del Duca per giorno 29 con inizio alle ore 9,30.
- 30 APRILE 2009. I sindacati annunciano per Venerdì 15 Maggio lo sciopero generale della categoria con manifestazione a Palermo innanzi la Presidenza.
- 14 maggio 2009. Il governo e le parti sociali trovano l’intesa: (vedi accordo del 14/05/2009) UNA DELLE PIU’ GRANDI ILLUSIONI, MA SOPRATTUTTO SCOOP ELETTORALE SIA PER LE PARTI SOCIALI CHE PER IL GOVERNO REGIONALE E MI DISPIACE CHE TANTI COLLEGHI HANNO CREDUTO E CREDONO ANCORA ALLE FAVOLE)
- 2 luglio 2009. Le Segreterie provinciali di FAI, FLAI e UILA, al fine di sollecitare il Presidente della Regione per il rispetto dell’accordo sottoscritto in data 14 maggio 2009, riguardante gli
incrementi delle giornate lavorative, la definizione del contratto integrativo regionale e gli
arretrati contrattuali, nonché la prosecuzione del turno dei lavoratori attualmente avviati per 51gg., attiveranno un presidio permanente dei lavoratori forestali di tutta la provincia
dinanzi la Presidenza della regione a Piazza Indipendenza, a partire dalle ore 9,00.
-15 luglio 2009. Nota di Fai, Flai, Uila della Sicilia di sospensione dello sciopero generale del 22 luglio.
-Il 14 settembre 2009. Le segreterie regionali di Fai, Flai e Uila proclamano lo sciopero del comparto per il giorno 30.
- 29 settembre 2009. Forestale, firmato il verbale di accordo che sospende lo sciopero generale del comparto.
- 03 ottobre 2009. Provvedimenti della giunta di governo: Venti milioni di euro per fronteggiare i danni provocati dalle piogge nel Messinese. Presidente Lombardo: Dobbiamo puntare sugli interventi di rinaturalizzazione del nostro ambiente. In questo progetto di salvaguardia del territorio una grande mano potranno darla i FORESTALI.
- 7 ottobre2009. L’On. Vinciullo Vincenzo (PDL) annunzia un’interrogazione al Presidente
Lombardo e all’Assessore Cimino esattamente la N. 762 - Attuazione del protocollo d'intesa sottoscritto in data 14 maggio 2009 per la riorganizzazione delle attività forestali. Ancora ad’oggi si attende la risposta.
- 20 ottobre 2009. SICILIA: LOMBARDO E CIMINO ILLUSTRANO RISULTATI ATTIVITA' ANTINCENDIO. PALERMO - “Proporremo al governo nazionale la rimodulazione dei fondi Fas per fronteggiare il dissesto idrogeologico della Sicilia con un grande piano di rinaturalizzazione”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, illustrando stamattina il bilancio dell'attività antincendi di quest'anno. Alla conferenza stampa, convocata a Palazzo d'Orleans, erano presenti anche l’assessore all’Agricoltura e Foreste, Michele Cimino, l'assessore alla Presidenza, Gaetano Armao, il dirigente generale del dipartimento Foreste, Pietro Tolomeo, il dirigente generale dell'Azienda Foreste Demaniali, Fulvio Bellomo, e il dirigente generale della Protezione Civile, Salvatore Cocina. “Quando abbiamo posto l'esigenza di utilizzare una parte delle risorse Fas per la salvaguardia del territorio - ha sottolineato Lombardo - ci sono piovute addosso tante critiche. C'è stato anche chi ha detto che vogliamo utilizzare il Fas per pagare gli stipendi agli operai forestali. Oggi, dopo l'alluvione che ha colpito alcuni centri del Messinese, è finalmente chiaro a tutti quanto sia importante frenare il dissesto idrogeologico. Per prevenire il rischio frane, la presenza degli alberi è fondamentale. Da qui l'esigenza di un grande piano di rinaturalizzazione dei nostri territori”.
Anche l'assessore all'Agricoltura, Michele Cimino, ha posto l'accento sull'importanza della forestazione. “La rinaturalizzazione della Sicilia - ha detto Cimino - è un passaggio indispensabile per la tutela del territorio e per la sicurezza dei cittadini. Mi piace sottolineare quanto sia stata importante la sinergia tra i dipartimenti regionali impegnati nell'opera di prevenzione e spegnimento degli incendi.
- 27 ottobre 2009. SICILIA: DI MAURO, MANOVRA BILANCIO DA 1 MLD PONE BASI RISANAMENTO. E' previsto, inoltre che i comuni, le aziende e gli enti controllati dalla Regione, una volta scaduti eventuali contratti di servizio con ditte esterne, utilizzino il personale inserito nell'elenco speciale regionale dei lavoratori forestali e il personale in servizio nelle societa' partecipate - previa apposita convenzione - per la manutenzione del verde pubblico.
- 18 novembre 2009. SEDUTA COMMISSIONE BILANCIO.
1) Audizione confederazioni sindacali in merito alla situazione finanziaria riguardante l'attività dei lavoratori forestali della Sicilia. 2) Esame dei disegni di legge:- n. 470 'Bilancio di previsione della Regione siciliana per l'anno finanziario 2010 e bilancio pluriennale per il triennio 2010-2012';- n. 471 'Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2010'.
Il Sig. Russo, in rappresentanza del sindacato FLAI-CGIL si sofferma sulla gravità della situazione in cui versano i lavoratori forestali della Sicilia che, dal mese di luglio scorso, non percepiscono gli emolumenti spettanti a fronte di prestazioni lavorative regolarmente rese nell'ambito del servizio antincendio stagionale. Evidenzia che il numero di addetti coinvolti, nella misura di 7 mila lavoratori forestali, si è particolarmente distinto nella stagione estiva appena trascorsa, stante la significativa diminuzione degli incendi, circostanza peraltro opportunamente pubblicizzata dallo stesso Dipartimento regionale competente.
Relativamente alle risorse finanziarie occorrenti, lamenta che manca attualmente l'appostamento di complessivi 35 milioni di euro, quanto a 25 milioni per far fronte alle garanzie occupazionali previste dalla vigente normativa, segnatamente agli ulteriori 10 milioni per corrispondere gli arretrati contrattuali a tutti i lavoratori del comparto forestale. Auspica che con l'esame della c.d. manovra correttiva si possano approntare, in tempi rapidi, le necessarie risorse economiche per il finanziamento degli oneri contrattuali da corrispondere al personale forestale.
L'On. Dina preannuncia che il Gruppo parlamentare dell'UDC è disponibile a valutare responsabilmente le istanze emerse nel corso della presente audizione, consapevole peraltro delle note problematiche attraversate dal comparto dei lavoratori forestali. Sotto il profilo finanziario, in particolare, ritiene utile distinguere le due tipologie di spesa riconducibili ai richiamati maggiori oneri, e precisamente i fondi per le garanzie occupazionali e quelli occorrenti per il finanziamento degli arretrati contrattuali.
L'On. LUPO, nel riconoscere l'importanza delle funzioni assicurate dal personale forestale, in una Regione che è tristemente nota per la gravità del rischio idrogeologico, giudica parziale l'appostamento finanziario del Governo nella manovra correttiva trasmessa per l'esame. Lo stanziamento contabile, infatti, è a suo avviso oggettivamente insufficiente, atteso che il medesimo non reca copertura finanziaria per il pagamento degli arretrati contrattuali da corrispondere legittimamente al personale del comparto. Ritiene, inoltre, che il profilo finanziario vada opportunamente riconsiderato in sede di esame del bilancio per il prossimo esercizio, nella misura in cui occorre prevedere adeguate risorse per il pagamento dei maggiori oneri di cui all'accordo sottoscritto lo scorso 29 settembre tra le parti sociali e il Presidente della Regione.
L'On. Leanza Edoardo, nel condividere quanto da ultimo evidenziato dall'On. Lupo, invita le organizzazioni sindacali dei lavoratori a porre la necessaria attenzione sul disegno di riorganizzazione del comparto forestale riforma, questa, secondo la quale il personale addetto dovrebbe transitare alle dipendente dell'Assessorato territorio e ambiente.Giudica, infatti, che il previsto trasferimento alle dipendenze di quest'ultimo Assessorato possa concretamente avvantaggiare il personale, considerato che allo stesso potrebbero essere devolute, in aggiunta alle tradizionali attività antincendio, azioni a salvaguardia del territorio, con profili temporali più ampi rispetto alle condizioni stagionali che ne contraddistinguono attualmente l'occupazione.
Il Presidente, nel confermare che la manovra correttiva trasmessa dal Governo effettivamente prevede la copertura degli oneri relativi alle retribuzioni non ancora corrisposte, assicura che la Commissione si renderà interprete di rappresentare al Governo le istanze emerse nel corso dell'audizione, consapevole che la rinaturalizzazione del territorio procede significativamente anche attraverso congrue risorse economiche da assicurare al comparto forestale. In tal senso, dichiara inevitabile che l'intesa sottoscritta tra Governo e parti sociali trovi adeguato riscontro, sotto il profilo finanziario, nei documenti contabili che saranno posti all'esame della Commissione.
Non avendo altri chiesto di parlare, dichiara chiusa la seduta. La seduta è tolta alle ore 11.50.
- 29 novembre 2009. L'assessorato regionale Agricoltura e Foreste ha messo a bando 33 milioni di risorse per migliorare i settori agricolo e forestale. Saranno finanziati interventi per 28 milioni e 600 mila euro, di cui 10 da destinare a Comuni e loro associazioni e 18 ai privati. La dotazione finanziaria, ripartita in due sottofasi, sara' suddivisa in 5 milioni per i Comuni e 9 milioni e 300 mila per i privati. Si favoriranno anche le attivita' produttive e le imprese delle aree svantaggiate.
- 30 novembre 2009. SICILIA: BARONE (UIL), SERVE GOVERNO SOLIDO PER RISPOSTE A PROBLEMI REALI. Barone ha sottolineato anche quali sono i problemi a cui dare risposte subito: "Formazione porfessionale, servizi sociali, crisi dell'industria, forestali, precari, a queste categorie la crisi provoca danni irreparabili e per questo motivo su questo settore non accetteremmo alibi o rinvii".
- 04 febbraio 2010. BUFARDECI INCONTRA DELEGAZIONE SINDACATI. I sindacati del settore forestale sono stati ricevuti a Palermo, dall'Assessore Regionale, alle risorse agricole, Titti Bufardeci. All'incontro hanno partecipato Rino Giglione, dirigente generale del dipartimento Azienda foreste demaniali, e Michele Lonzi, capo di gabinetto dell'assessorato. Presenti le sigle sindacali Flai-Cgil, Flai-Cisl, Uila-Uil, Fai e Fisba-Uil. Per i sindacati "è necessaria una risposta immediata, da parte del governo regionale, ai vari problemi del settore forestale. Primo nodo da affrontare è il ritardo negli avviamenti dei lavoratori forestali". Più in generale, sottolinea Bufardeci "è stata ribadita la necessità di definire una visione strategica per il settore che deve necessariamente passare da una legge di riordino". L'assessore ha convocato i sindacati per la prossima settimana: "vogliamo definire - ha detto - il quadro complessivo delle urgenze nei vari settori, per individuare le proposte da sottoporre alla Giunta di governo e al parlamento siciliano".
- 07 aprile 2010. ATTIVO UNITARIO DEI DELEGATI FORESTALI E DEI CAPILEGA DELLA PROVINCIA DI PALERMO. I forestali della provincia di Palermo terranno a partire da lunedi’ 12 aprile, un presidio davanti palazzo d’Orleans, sede della presidenza della regione. E’ un’iniziativa di Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil per chiedere il rispetto dell’accordo del maggio 2009, la ripresa delle trattative per il contratto integrativo, l’avvio della campagna anti incendio entro il mese di aprile . I sindacati chiedono anche che la gestione del personale operaio faccia riferimento a un unico assessorato e che venga predisposto un disegno di legge “che metta ordine e faccia chiarezza su tutte le questioni forestali, prevedendo una progressiva stabilizzazione dei lavoratori”. L’iniziativa dei forestali di Palermo si inscrive in un quadro di mobilitazione regionale sugli obiettivi suddetti.
- 13 aprile 2010. Forestale, riunione unitaria presso la Presidenza della Regione su campagna 2010.
Nota sindacale unitaria, incontro con il Governo. Come avevamo previsto, tenuto conto delle problematiche che investono in atto il Governo, I'incontro non è stato certamente esaltante, ma neppure possiamo qualificarlo come deludente, in quanto si è aperta una fase interlocutoria che avrà un primo approfondimento già dopodomani, Giovedì 15/04. Il Governo intende rispettare I'intesa del 14 maggio 2009 attuandone però lo slittamento di un anno; cioè verrebbe applicata nel triennio 2010/11 e 2012 novità sarebbe che il fabbisogno occorre verrebbe iscritto nel piano triennale, avendo così valore di legge. Sui finanziamenti I'Azienda ha quantificato, ai fini del consolidato 2009, iI fabbisogno in 220 milioni di euro mentre attualmente la posta è di circa 193 milioni di euro, per cui occorrerebbe rinvenire la differenza, assieme a quella per la prima trance degli arretrati contrattuali. Pur essendoci il problema che detti finanziamenti sono vincolati ai fondi FAS, ed allo stato attuale non immediatamente spendibili, tuttavia è stata individuata con il supporto del bilancio un escamotage in virtù del quale, ricorrendo ai PARFAS, si può procedere ad avviare i progetti con la richiesta di manodopera. Sulla seconda questione, ossia quella relativa al datore di lavoro unico, il Presidente e I'On.le Bufardeci hanno assicurato, condividendo detta esigenza di portarne la discussione in Giunta di Governo per definirla. Come si evince dall’ incontro, non è emerso nulla che ci possa tranquillizzare e pertanto tutte le iniziative in programma nei vari territori è importante che rimangano in piedi e che non siano revocate.
- 16 aprile 2010. FORESTALI: BUFARDECI, "DA BILANCIO RISORSE PER ARRETRATI"
Sara' rispettato l'impegno con i lavoratori forestali, sottoscritto lo scorso anno dall'amministrazione regionale". Lo ribadisce Titti Bufardeci, assessore regionale alle Risorse agricole, all'indomani dell'incontro - che si e' tenuto a margine dei lavori della giunta regionale di governo - con le organizzazioni sindacali di categoria. "Nel bilancio sara' riportata la previsione triennale delle somme necessarie ad erogare ai lavoratori gli arretrati relativi ai contratti precedentemente approvati - spiega Bufardeci - con una dotazione di 8,5
milioni di euro per il 2010, 11,7 milioni per l'anno prossimo e oltre 13 milioni nel 2012". Allo stesso tempo, l'altro obiettivo dell'amministrazione regionale e' assicurare un numero complessivo di giornate lavorative pari a quello stabilito per il 2009. "In ogni caso - conclude Bufardeci - superata la fase di Finanziaria e Bilancio, siamo pronti ad aprire, cosi' come richiesto dai sindacati - la contrattazione integrativa regionale, per garantire serenita' a una platea di lavoratori impegnata in prima linea nella difesa dell'ambiente e del territorio".
- 16 aprile 2010. Si è svolto oggi il preannunciato incontro unitario sulle vertenze forestali aperte. E' stato deciso di non accettare le proposte formulateci dal Governo nei giorni scorsi. Viene ribadita la totale insoddisfazione di FAI FLAI e UILA e quindi l'inizio dei presidi davanti la Presidenza della Regione e l'Assemblea Regionale con relative autoconvocazioni. Da subito richiediamo gli avviamenti in tempi celeri, il pagamento degli emolumenti in ritardo e degli arretrati contrattuali. In poche parole il rispetto integrale dell'Accordo del 14 maggio 2009. Il Segretario Generale della FAI-CISL Sicilia, Fabrizio Colonna, manifesta fortissima preoccupazione per la situazione attuale. Soprattutto perchè ravvisa nella proposta del Governo di sovvenzionare le attività legate alla Forestazione non con finanziamenti ordinari della Regione ma con i PAR-FAS. Infatti, come risaputo, questi ultimi hanno una durata limitata nel tempo: precisamente fino al 2012. E poi? Colonna chiede che la programmazione sul capitolo Forestazione avvenga con Fondi Strutturali della Regione, in quanto Settore Strategico per il mantenimento degli standard di sicurezza idro-geologica ( il territorio siciliano devastato da frane e calamità naturali) , per il raggiungimento degli obbiettivi sull'ambiente sottoscritti dal Governo Regionale e Nazionale, per il rispetto delle professionalità e del lavoro svolto dagli Operai Forestali siciliani.
- 16 aprile 2010. Facendo seguito alle reiterate richieste di convocazione inviate alle SS.LL. al fine di affrontare le questioni legate ai finanziamenti per il comparto forestale, e richiamiamo per ultima quella del 7 aprile u.s., poichè a tutt’oggi nessun cenno di riscontro è pervenuto, e tenuto conto dell'incertezza che ruota attorno al futuro del settore, le scriventi Segreterie Sindacali Vi comunicano che martedì 20 aprile p.v. a far inizio dalle ore 9,30, si autoconvocheranno, con folta delegazione di dirigenti e lavoratori forestali innanzi l'A.R.S. chiedendoVi sin da adesso di essere ricevuti.
- 20 aprile 2010. Oggi, come previsto i Segretari Generali della FAI-CISL, Fabrizio Colonna, della FLAI-CGIL, Totò Tripi, della UILA-UIL, Gaetano Pensabene accompagnati dai Coordinatori Regionali sono stati ricevuti all'Asssemblea Regionale Siciliana. Come già detto le nostre rivendicazioni sono : la piena applicazione dell' Accordo del 14.05.09 ( sia per quanto riguarda le giornate lavorative, sia sugli arretrati contrattuali), l'immediata partenza degli avviamenti e garanzie sulla unitarietà della categoria. La delegazione è stata ricevuta: dall' On. Innocenzo Leontini, capogruppo PDL; dall' On. Nino Dina, dell' UDC; dall' On. Antonello Cracolici, capogruppo del PD; dall' On. Francesco Musotto, capogruppo dell' MPA. Tutte queste personalità, si sono dichiarate partecipi delle preoccupazioni manifestate dalle OOSS e si sono impegnate per conto dei propri Gruppi Parlamentari a trovare soluzioni congrue alle problematiche del Settore Forestale. La delegazione è stata inoltre ascoltata dall'On. Riccardo Savona, Presidente della Commissione Bilancio, il quale ha preso l'impegno di trattare l'argomento stasera stesso con l' Assessore al Bilancio e in Commissione e, in tempi rapidi, darci risposta sulle nostre rivendicazioni.
- 30 aprile 2010. FORESTALI. Dl MAURO: "REPERITE RISORSE PER SETTORE ANTINCENDIO" . Sono stati mantenuti gli impegni presi dal Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e dall'assessore Roberto Di Mauro per soddisfare le esigenze dei lavoratori forestali addetti ai servizi antincendio. "Siamo consapevoli - sottolinea Di Mauro - che le attività forestali costituiscono una significativa risorsa per il miglioramento ambientale del territorio e per questa ragione ci eravamo impegnati a reperire i fondi necessari che adesso sono stati identificati". Il Presidente della Regione aveva siglato un protocollo d'intesa nel maggio del 2009 a cui e' seguito un incontro dell'assessore Di Mauro, nel dicembre dello stesso anno, con i lavoratori forestali addetti ai servizi antincendio. Le risorse, che saranno reperite dai fondi del PAR/FAS, permetteranno il rafforzamento degli interventi nel settore forestale che rappresentano una priorita' strategica per le politiche dello sviluppo del territorio. "Le prospettive di miglioramento delle condizioni lavorative - aggiunge Di Mauro - permetteranno l'aumento delle attivita' di rimboschimento e naturalizzazione, il potenziamento dei sistemi integrati di protezione dagli incendi ed alla infrastrutturazione ambientale dei siti a rilevanza naturalistica".
- 30 aprile 2010. ODG N. 344. L'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA premesso che:
il territorio siciliano è interessato da grave dissesto idrogeologico, da frane e da smottamenti; il patrimonio forestale regionale, i terreni agricoli, il paesaggio e gli ambienti naturali necessitano di interventi di tutela e prevenzione dagli incendi; il Governo regionale si è impegnato a reperire le risorse finanziarie necessarie a rispettare l'accordo sottoscritto con le organizzazioni sindacali di categoria Fai - Cisl, Flai - Cgil, Uila -Uil, il 14 maggio 2009, accordo che, fra l'altro, prevede un incremento, rispetto all'anno 2009, di ulteriori giornate lavorative,
IMPEGNA IL GOVERNO DELLA REGIONE
e per esso
L'ASSESSORE PER LE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI
e
L'ASSESSORE PER IL TERRITORIO E L'AMBIENTE
ad attivarsi immediatamente per:
1) avviare al lavoro, entro il 15 maggio 2010, i lavoratori forestali del Servizio antincendio boschivo;
2) fare in modo che non ci sia disparità di trattamento tra i lavoratori del Dipartimento Azienda e quelli del Dipartimento Foreste,consentendo a tutti di effettuare lo stesso numero di giornate;
3) predisporre un disegno di legge organico per il settore.
Presentato dal deputato Camillo Oddo e firmato da tutto il PD.
Significa che nell’ anno 2010 i lavoratori forestali da 78 giornate possono effettuare 101 giornate, I lavoratori da 101 giornate effettuino 151 giornate lavorative e i lavoratori con 151 giorni effettuino 180 giorni lavorativi.
- 4 maggio 2010. ASSESSORE AL TERRITORIO DI MAURO CONVOCA I SINDACATI. L'assessore regionale al Territorio e Ambiente, Roberto Di Mauro, ha convocato i sindacati Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil. L'incontro si terra' domani alle 12,30 presso gli uffici dell'assessorato. Nei giorni scorsi l'assessore Di Mauro aveva annunciato il mantenimento degli impegni, presi assieme al Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, nel reperimento delle risorse necessarie per soddisfare le esigenze dei lavoratori forestali addetti ai servizi antincendio. Le risorse, che saranno reperite dai fondi del PAR/FAS, permetteranno il rafforzamento degli interventi nel settore forestale che rappresentano una priorita' strategica per le politiche dello sviluppo del territorio.
- 19 maggio 2010. Le Segreterie Regionali di FAI, FLAI e UILA, stante la confusione e le incertezze in ordine alla messa in campo dei finanziamenti e delle procedure necessarie ad assicurare gli avviamenti degli operai forestali così come sancito dagli accordi e dagli impegni assunti dal
Governo; ritenuto grave il pregiudizio che ne discende per la salvaguardia del bosco e del territorio dagli incendi boschivi, hanno deliberato, come prima iniziativa di lotta, una forte manifestazione innanzi agli Assessorati Risorse Agricole e Alimentari e a quello del Territorio e Ambiente per Mercoledì 26 Maggio a partire dalle ore
9,30.
All'iniziativa parteciperanno gli addetti provenienti da tutta la Sicilia.
- 19 maggio 2010. FORESTALI: ANTICIPAZIONE DI CASSA PER AVVIO CAMPAGNA ANTICENDIO. La giunta regionale di governo, su proposta dell'assessore regionale al Territorio, Roberto Di Mauro, ha autorizzato il dipartimento Bilancio e Tesoro a operare un'anticipazione di cassa sul capitolo relativo ai fondi Fas che consenta di erogare le somme gia' previste in bilancio per l'avvio della campagna antincendio. "Come avevamo gia' anticipato ai sindacati ha detto l'assessore Di Mauro - dopo avere individuato le risorse occorrenti per mantenere gli impegni che avevamo preso assieme al presidente della Regione, Lombardo, si avvia il percorso per la campagna antincendio 2010, stabilito nel protocollo d'intesa siglato l'anno scorso". Le somme, pari a circa 100 milioni di euro, saranno prelevate dai fondi del Par/Fas (Utilizzo di tecnologie innovative per la vigilanza e la
Difesa ambientale)dello Sviluppo economico, la cui bozza e' pronta per essere sottoposta al ministero che dovra' renderla esecutiva. La giunta regionale, oltre ad autorizzare il dipartimento Bilancio e Tesoro a operarel'anticipazione di cassa sul capitolo relativo ai fondi FAS, ha apprezzato la bozza di Apq, e ha autorizzato il dipartimento Foreste a redigere e approvare perizie coerenti con la bozza di Accordo quadro, per l'utilizzo dei lavoratori forestali nella campagna antincendio. "Siamo consapevoli - ha sottolineato Di Mauro - che le attivita' forestali costituiscono una significativa risorsa per il miglioramento ambientale del territorio, e per questa ragione ci eravamo impegnati a reperire i fondi necessari per avviare la campagna antincendio. Le prospettive di miglioramento delle condizioni lavorative permetteranno un aumento delle attivita' di rimboschimento e naturalizzazione, il potenziamento dei sistemi integrati di ambientale dei siti a rilevanza naturalistica". L'assessore Di Mauro e il direttore del dipartimento foreste, Pietro Tolomeo, hanno gia' concordato con i sindacati che il percorso di immissione del personale avverra' in tutta la Sicilia in maniera contestuale.
- 24 maggio 2010. Sospesa manifestazione Lavoratori Antincendio, prevista per il 26 maggio p.v., a seguito inoltro richieste nei C.P.I.
- 11 agosto 2010. Come previsto, si è tenuto stamattina l'incontro tra i Segreteri Regionali di FAI FLAI e UILA, Colonna, Tripi e Pensabene, con l'Assessore Regionale al Territorio e Ambiente, on. Di Mauro, e il Dirigente Generale al Dipartimento Regionale Foreste, arch. Tolomeo, con all'ordine del giorno le problematiche relative ai Lavoratori Forestali ramo Antincendio. L' Assessore Di Mauro e l' Arch. Tolomeo confermano che, per quanto riguarda i Lavoratori in questione, il rapporto di lavoro relativo al c.a. avrà una durata di 151 giornate previdenziali. Restano da concordare, con le OOSS di categoria, le modalità di prosecuzione del rapporto dopo la chiusura delle attività antincendio ( attorno alla metà di Ottobre, in base alle condizioni climatiche ). Per quanto riguarda, invece, gli arretrati contrattuali, l' Arch. Tolomeo si impegna, dopo una rapida verifica di Bilancio Contabile, ad effettuare l'erogazione del primo 25% di spettanze. FAI FLAI e UILA hanno, inoltre, chiesto all' Assessore Di Mauro di farsi promotore, assieme all'Assessore Bufardeci, dell'istituzione di un Tavolo Permanente per il rinnovo del CIRL di categoria, immediatamente dopo il prossimo periodo feriale.
Stessa richiesta di celerità viene fatta ai due Assessori riguardo alla elaborazione di un Progetto di Legge di Riordino del settore, concordato con le OOSS, da sottoporre al Presidente della Regione e quindi all'ARS.
- 24 agosto 2010 ( Ufficio Stampa Presidenza ). Saranno avviati immediatamente al lavoro, per il completamento delle giornate lavorative, gli operai forestali utilizzati a tempo determinato dal dipartimento Azienda regionale foreste demaniali. L'intesa e' stata raggiunta, oggi pomeriggio, nel corso di un incontro tra il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, l'Assessore per le Risorse Agricole e Alimentari, Giambattista Bufardeci e i rappresentanti sindacali del comparto forestale. Alla riunione hanno partecipato anche il ragioniere generale della Regione, Enzo Emanuele, il comandante del Corpo forestale regionale, Pietro Tolomeo, e il dirigente dell'Azienda foreste demaniali, Dorotea Di Trapani. L'incontro e' stato aggiornato al 7 settembre, quando, dopo le ulteriori verifiche, si CERCHERA’ di costruire un'ipotesi di utilizzo dei lavoratori che possa tenere conto di tutte le loro aspettative.
- 07 settembre 2010. Non si è CERCATO niente, ma del resto lo avevano anticipato nel comunicato precedente che SI CERCHERA’, siccome era stato anticipato quindi tutto secondo copione. Ecco comunque il comunicato Sindacale: Il preannunciato incontro delle Federazioni Regionali FAI-CISL, FLAI-CGIL e UILA-UIL, con il Presidente della Regione e con l' Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari che doveva tenersi oggi, è stato rinviato a data da destinarsi (comunque entro la settimana corrente) per improrogabili ed improvvisi impegni "romani" del Presidente Lombardo.
- 09 settembre 2010. Incontro Segreterie Regionali FAI FLAI UILA con Governo Regionale.
FORESTALE: FAI FLAI e UILA chiedono all' Assessore l' immediato pagamento degli stipendi arretrati e degli arretri contrattuali. Per le restanti tematiche all' o.d.g. il Tavolo viene rinviato a martedì 14 p.v. alla presenza del Presidente della Regione anche stavolta impegnato a Roma.
- 15 settembre 2010. Nota Unitaria Sindacale. Si è concluso ieri, a tardissima serata, l'incontro programmato con il Presidente della Regione presenti anche l'Assessore Bufardeci e le due direzioni dell'Amministrazione. Rispetto alle posizioni già esplicitate, si è aperto uno spiraglio, nel senso che il Governo, alla dotazione esistente, è disponibile ad incrementarla con un plafond di cinque milioni di euro. Naturalmente abbiamo contestato tale ipotesi riduttiva evidenziando, altresì a chiare note, l'improponibilità che gli addetti all'antincendio dal 15 Ottobre possano effettuare le rimanenti giornate alle dipendenze dell'Azienda.
Di fatto la riunione si è poi conclusa con un rinvio di 24 ore per determinare quanto segue:
procedere oggi, nel primo pomeriggio, ad una verifica tecnica con i due Dipartimenti, al fine di quantificare il reale fabbisogno economico per il rispetto dell'accordo;
esplorare, da parte del Territorio e Ambiente, la possibilità di impegnare i lavoratori dell'antincendio all'interno del proprio demanio, dopo il 15 Ottobre.
Nella serata di oggi torneremo ad incontrarci con il Presidente per definire la trattativa, che ovviamente verrà sottoposta al vaglio degli esecutivi unitari, che per ragioni facilmente intuibili, vengono differiti a Sabato 18 Settembre p.v., alle ore 9,30 a Pergusa (Enna) presso l'Hotel Garden.
- 17 settembre 2010. Gli esecutivi regionali di FAI-CISL, FLAI-CGIL e UILA-UIL; riuniti a Pergusa (Enna) 17 settembre 2010, udita la relazione della segreteria regionale unitaria e dopo ampio ed articolato dibattito al termine dei lavori, in ordine alla vertenza forestale, hanno approvato il seguente ordine del giorno.
Gli esecutivi rilevano e denuncuiano i gravi ritardi che si registrano in ordine alla corresponsione degli emolumenti maturati dai lavoratori, come le incertezze sull’applicazione degli accordi sottoscritti il 14 maggio 2009 e gli altri intervenuti successivamente all’approvazione dell’O.d.G. da parte dell’A.R.S. il 1 maggio u.s.
Evidenziano che i continui rinvii nell’interlocuzione con il Presidente Lombardo e la difficoltà nel concludere una trattativa funzionale al solo rispetto di quanto sottoscritto e assicurato dal Governo, di fatto tendono ad essere interpretati come volontà di eludere gli impegni assunti. Gli esecutivi nel confermare l’irrinunciabilità all’integrale applicazione dell’accordo del 14 maggio 2009 sottolineano al Presidente Lombardo l’esigenza che si diano risposte concrete ai sottoelencati provvedimenti:
1)Procedere al riordino Legislativo in materia di forestazione, che assuma le foreste come scelta strategica della Regione e funzionale a tutelare e sviluppare il patrimonio boschivo siciliano, e a dare certezze occupazionali ai lavoratori;
2) Riaccorpare i lavoratori forestali oggi dipendenti da Azienda e Foreste sotto unico datore di lavoro;
3) Reperire le risorse necessarie a completare i turni come concordato, anche attraverso il ricorso al bilancio ordinario della Regione;
4) Pagare tutti gli emolumenti spettanti ai lavoratori, compresi gli arretrati contrattuali, e riaprire immediatamente le trattative per il rinnovo del CIRL.
Gli esecutivi nel proclamare lo stato di agitazione della categoria propongono come prima iniziativa di lotta per giovedì 23 settembre p.v. a partire dalle 9,30 si proceda all’auto-convocazione innanzi la Presidenza della Regione di tutti gli operai forestali, con particolare coinvolgimento degli addetti dell’antincendio, stante la messa in discussione da parte dell’Assessorato Territorio e Ambiente di quanto previsto, e per i quali si insiste a che siano revocati i licenziamenti operati e preannunciati e si estenda l’attività a dopo il 15 ottobre.
Gli esecutivi, infine, demandano alla Segreteria unitaria di individuare data e modalità dello sciopero generale della categoria.
- 20 settembre 2010. Venerdì 17 si sono riuniti gli esecutivi regionali di FAI-FLAI-UILA per discutere sulla vertenza forestale in atto, dopo un ampio dibattito dove si rilevano i gravi ritardi in relazione ai pagamenti degli stipendi e le maggiori incertezze sull’applicazione degli accordi sottoscritti il 14 maggio 2009, prendendo atto delle difficoltà riscontrate nel concludere le trattative con il Presidente della regione Lombardo, gli esecutivi hanno proclamato lo stato di agitazione della categoria; propongono come prima iniziativa di lotta per giovedì 23 settembre p.v. a partire dalle ore 9,30 si proceda all’auto-convocazione innanzi la Presidenza della Regione di tutti gli operai forestali, con particolare coinvolgimento degli addetti all’antincendio, stante la messa in discussione da parte dell’Assessorato Territorio e Ambiente di quanto previsto (151 giornate), e per i quali si insiste perché siano revocati i licenziamenti operati e preannunciati e si estenda l’attività a dopo il 15 di ottobre. Inoltre gli esecutivi riaffermano l’esigenza di risposte complete ai seguenti provvedimenti:
Procedere al riordino Legislativo in materia di forestazione, che assuma le foreste come scelta strategica della Regione e funzionale a tutelare e sviluppare il patrimonio boschivo siciliano, e a dare certezze occupazionali ai lavoratori; Riaccorpare i lavoratori forestali oggi dipendenti da Azienda e Foreste sotto unico datore di lavoro.
Reperire le risorse necessarie a completare i turni come concordato, anche attraverso il ricorso al bilancio ordinario della Regione Pagare tutti gli emolumenti spettanti ai lavoratori, compresi gli arretrati contrattuali, e riaprire immediatamente le trattative per il rinnovo del CIRL.
- 17 settembre 2010. Gli esecutivi regionali di FAI-CISL, FLAI-CGIL e UILA-UIL; riuniti a Pergusa (Enna) 17 settembre 2010, udita la relazione della segreteria regionale unitaria e dopo ampio ed articolato dibattito al termine dei lavori, in ordine alla vertenza forestale, hanno approvato il seguente ordine del giorno.
Gli esecutivi rilevano e denunciano i gravi ritardi che si registrano in ordine alla corresponsione degli emolumenti maturati dai lavoratori, come le incertezze sull’applicazione degli accordi sottoscritti il 14 maggio 2009 e gli altri intervenuti successivamente all’approvazione dell’O.d.G. da parte dell’A.R.S. il 14 maggio u.s.
Evidenziano che i continui rinvii nell’interlocuzione con il Presidente Lombardo e la difficoltà nel concludere una trattativa funzionale al solo rispetto di quanto sottoscritto e assicurato dal Governo, di fatto tendono ad essere interpretati come volontà di eludere gli impegni assunti. Gli esecutivi nel confermare l’irrinunciabilità all’integrale applicazione dell’accordo del 14 maggio 2009 sottolineano al Presidente Lombardo l’esigenza che si diano risposte concrete ai sottoelencati provvedimenti:
1)Procedere al riordino Legislativo in materia di forestazione, che assuma le foreste come scelta strategica della Regione e funzionale a tutelare e sviluppare il patrimonio boschivo siciliano, e a dare certezze occupazionali ai lavoratori;
2) Riaccorpare i lavoratori forestali oggi dipendenti da Azienda e Foreste sotto unico datore di lavoro;
3) Reperire le risorse necessarie a completare i turni come concordato, anche attraverso il ricorso al bilancio ordinario della Regione;
4) Pagare tutti gli emolumenti spettanti ai lavoratori, compresi gli arretrati contrattuali, e riaprire immediatamente le trattative per il rinnovo del CIRL.
Gli esecutivi nel proclamare lo stato di agitazione della categoria propongono come prima iniziativa di lotta per giovedì 23 settembre p.v. a partire dalle 9,30 si proceda all’auto-convocazione innanzi la Presidenza della Regione di tutti gli operai forestali, con particolare coinvolgimento degli addetti dell’antincendio, stante la messa in discussione da parte dell’Assessorato Territorio e Ambiente di quanto previsto, e per i quali si insiste a che siano revocati i licenziamenti operati e preannunciati e si estenda l’attività a dopo il 15 ottobre.
Gli esecutivi, infine, demandano alla Segreteria unitaria di individuare data e modalità dello sciopero generale della categoria.
- 23 settembre 2010. FORESTALE: la presenza di circa 600 Lavoratori Forestali davanti alla Presidenza della Regione, a Palermo, provenienti da tutta la Sicilia (ne erano previsti appena 250) chiamati da FAI FLAI E UILA a far sentire il proprio stato di disagio conseguente al ventilato mancato rispetto da parte del Governo Lombardo dell' Accordo dallo stesso sottoscritto il 14 maggio 2009 ha oggi dimostrato quanto alta sia la tensione della Categoria sulla questione in esame.
La delegazione guidata da Colonna, Tripi e Pensabene con tutti i Segretari Territoriali e Lavoratori di ogni provincia ha rimarcato la irrinunciabilità degli obiettivi fissati nell' Accordo sopra citato. Sono state, peraltro, richieste ed ottenute precise garanzie sul pagamento degli stipendi e degli arretrati contrattuali e sulla prosecuzione delle Attività dell' Antincendio "quantomeno" fino al 15 di Ottobre. Per la prosecuzione delle giornate lavorative di tutti gli Operai Forestali come previsto per il 2010 ( 101- 151- 180) si rinvia la partita a mercoledì prossimo 29 settembre, nell' incontro con il Presidente della Regione.
Secondo Fabrizio Colonna, Segretario Generale della FAI CISL Sicilia, i tanti buoni propositi annunciati dal Governo e dalla classe politica siciliana su investimenti produttivi, ambiente, sicurezza del territorio, certezze occupazionali si trovano, in questo momento, ad un bivio esiziale: rimanere buoni propositi o diventare fatti concreti.
La FAI CISL siciliana si batterà con ogni mezzo previsto affinchè si realizzi la seconda ipotesi e tanto le famiglie degli Operai Forestali quanto il martoriato territorio di questa Regione ottengano il serio impegno che meritano da parte delle Istituzioni e della politica.
- 29 settembre 2010. L’incontro viene rinviato al 30 settembre.
- 30 settembre 2010. Martedì 5 ottobre c.a. le Segreterie Regionali di FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL convocate dal Presidente della Regione con gli Assessori alle Risorse Agricole ed al Territorio e Ambiente e con i rispettivi Direttori Generali per la prosecuzione dei lavori relativi alla applicazione dell' Accordo del 14 Maggio 2009.
- 11 ottobre 2010. Gli esecutivi regionali di FAI-CISL,FLAI-CGIL e UILA-UIL; riuniti a Pergusa per una valutazione congiunta su quanto emerso giorno 5/10 u.s. nell’incontro con il Presidente della Regione in ordine all’applicazione degli accordi in tema di forestazione; al termine dei lavori, udita la relazione delle segreterie regionali, hanno ritenuto necessario elaborare il seguente ordine del giorno, incaricando le segreterie di darne ampia diffusione. Preliminarmente, gli esecutivi reputano insoddisfacente e riduttiva la proposta del Governo di limitare, per l’anno 2010, le giornate da effettuare sia dai lavoratori 101isti della manutenzione, che dell’antincendio, a n. 130gg, nonché a 165gg per i 151isti della manutenzione, e a 90 per i 78isti sempre della manutenzione. Ribadiscono, gli esecutivi, la irrinunciabilità a quanto contenuto negli accordi del 14 maggio 2009 e maggio 2010 e continuano a rivendicarne l’immediata ed integrale applicazione, senza sconti alcuno! Si considera, infatti, la proposta governativa un risultato parziale che allo stato attuale permette di mantenere la permanenza nel settore dei lavoratori, per un ulteriore lasso di tempo, utile a ricercare gli ulteriori finanziamenti aggiuntivi necessari al rispetto degli accordi. Gli esecutivi, inoltre, considerano positivamente la circostanza che i lavoratori continueranno a effettuare le giornate aggiuntive sempre alle dipendenze degli attuali datori di lavoro; ed altrettanto valutano favorevolmente le aperture fatte in merito al riaccorpamento. Prospettive che per gli esecutivi rappresentano impegni altrettanto prioritari e indifferibili; e da traguardare in tempi utili a garantire stabilità e certezze ai lavoratori ed alla salvaguardia del territorio e dell'ambiente.
- 13 ottobre 2010. In considerazione di quanto emerso nella riunione del 5 ottobre u.s. tra le Segreterie Regionali di FAI, FLAI e UILA con il Presidente della Regione (on. Raffaele Lombardo), l'Assessore alle Risorse Agricole (dott. Elio D'Antrassi), l'Assessore al Territorio e Ambiente (dott. G.M. Sparma), il capo dell' ADFRS ( ing. Giglione) e del Dipartimento Foreste (arch. Tolomeo), il Segretario Generale della FAI CISL Sicilia, Fabrizio Colonna, denuncia pubblicamente, portandolo a conoscenza dei Lavoratori, il mancato rispetto, da parte del Governo Regionale, dell' Accordo sulla forestazione sottoscritto dal Presidente Lombardo con FAI, FLAI e UILA, il 14.05.09.
- 17 novembre 2010. Segreterie Regionali CGIL,CISL,UIL. Lettera unitaria al Presidente della Regione. Nel corso dell’incontro del 7 ottobre c.a. è stato stabilito che entro il mese di novembre c.a. sarebbe stata effettuata una verifica della situazione finanziaria riguardante il settore forestale, per valutare il trasferimento dei Fondi FAS da parte del Governo Nazionale, la possibilità di intervenire attraverso il bilancio ordinario della Regione o con eventuali risorse residue allo scopo di dare attuazione all’accordo del 14-05-2009. Tenuto conto che è in corso all’ARS la discussione sugli strumenti finanziari della Regione, le scriventi segreterie sollecitano la convocazione di detto incontro con carattere d’urgenza.Detta verifica si rende necessaria anche per affrontare tutti gli altri punti contenuti nel suddetto accordo e per le questioni che sono stati oggetto di confronto nei diversi incontri, in particolare:
il pagamento mensile e puntuale degli LTI e degli LTD;
la chiusura del CIRL;
la riunificazione dell’Amministrazione Forestale;
il riordino della legge.
- 24 novembre 2010. FAI FLAI e UILA. ACCORDO SINDACALE DEL 14 MAGGIO 2OO9 CON IL GOVERNATORE ON. R. LOMBARDO SULLA FORESTAZIONE IN SICILIA.
NOI L'ABBIAMO SOTTOSCRITTO
E NOI LO FAREMO RISPETTARE!!
DOPO UN MESE D’ASSORDANTE SILENZIO ISTITUZIONALE, MARTEDI’ 30 NOVEMBRE IL GOVERNO REGIONALE HA CONVOCATO LE NOSTRE ORGANIZZAZIONI SINDACALI PER DISCUTERE IN MERITO ALLA VERTENZA DEI LAVORATORI FORESTALI.
Se l’esito del suddetto incontro non dovesse essere soddisfacente e, quindi, non dovessero emergere impegni e atti precisi da parte del governo in merito a:
- Applicazione accordo;
- Inserimento dello stesso nella legge regionale di settore, per rendere certa la sua esigibilità;
- Pagamento delle retribuzioni di settembre e ottobre c.a.
Provvedimenti amministrativi che rendano possibile il pagamento delle retribuzioni alla fine di 
ogni mese agli OTI e con regolarità agli OTD;
- Rinnovo del Contratto integrativo regionale.
Le segreterie provinciali di FLAI-CGIL FAI-CISL e UILA-UILA, preannunciano nell’ambito della vertenza regionale, UNA MANIFESTAZIONE PROVINCIALE (sia degli addetti alla manutenzione che dell’antincendio) PER SABATO 4 DICEMBRE 2010. LAVORATORI E LAVORATRCI FORESTALI,
Per dire basta alle inadempienze della politica nella difesa del nostro territorio e per difendere la vostra dignità e i vostri diritti, PARTECIPATE IN MASSA!!
- 30 novembre 2010. Protocollo d’intesa. Facendo seguito all'impegno assunto dal Governo Regionale in data 5 Ottobre 2010 di procedere entro la fine del mese di novembre c.a. ad una verifica su eventuali disponibilità finanziarie residue da utilizzare per il settore forestale; nonché alla istituzione del tavolo tecnico per il riordino della legislazione del sistema agro-ambientale-forestale; le parti: Assessore alle Risorse Agricole e le OO.SS FAI, FLAI e UILA si sono incontrate addì 30/11/2010 per mettere In campo un percorso di confronto istituzionale che affronti le seguenti tematiche:
Preliminarmente le OO.SS. insistono sull'esigenza che nel più breve tempo possibile si realizzi un incontro in sede di Presidenza della Regione, tra il Presidente, gli Assessori D'Antrassi e Sparma, e il sindacato con i seguenti obiettivi:
1. Istituzione tavolo tecnico per riordino normativa esistente in un unico testo che abbia come punti irrinunciabili il riaccorpamento della forza lavoro alle dipendenze di un unico datore di lavoro e il recepimento dell'accordo integrale del 14/05/2009.
2. Verifica esistenza risorse finanziarie da destinare ad interventi forestali per il completamento dell'accordo sopra richiamato.
3. Pagamento di tutte le spettanze maturate ad oggi prevedendo, ove occorra, anche il prolungamento dell'apertura della cassa regionale.
4" Ripresa delle trattative per il rinnovo del CIRL definendo interlocutori e tempi di chiusura.
5. Istituzione in Bilancio di un capitolo unico per il pagamento delle spettanze agli L.T.I..
L’Assessore D'Antrassi preso atto di quanto richiesto dalle OO.SS. si impegna a rassegnare al Presidente Lombardo il presente protocollo sollecitando acché nel piu breve tempo possibile si realizzi I’incontro tra tutti i soggetti interessati al governo del settore. 
Ad ogni buon fine si impegna affinché nell’'arco dei prossimi giorni si proceda ad un incontro congiunto tra gli Assessori alle Risorse agricole e al Territorio per la verifica in ordine ad eventuali disponibilita finanziarie ed al pagamento degli emolumenti fin qui maturati, arretrati compresi. 
- 30 novembre 2010. FAI FLAI E UILA DI CATANIA: “Noi l’abbiamo voluto e noi lo faremo rispettare”L’impegno del sindacato ha prodotto il protocollo d’intesa firmato martedì 30 novembre 2010 fra gli stessi sindacati e l’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Forestali D’Antrassi.
Le segreterie unitarie sospendono lo sciopero generale previsto per il 4 dicembre 2010, in attesa dell’incontro con il Presidente della Regione che si terrà entro 15 giorni dal protocollo e per verificare l’intesa e se verrà attuata. L’accordo sindacale del 14 maggio 2009 NOI L’ABBIAMO VOLUTO E NOI LO FAREMO RISPETTARE.
- 21 gennaio 2011. Inconto con l'Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Forestali D’Antrassi e le Segreterie Generali della Fai, FLAI e UILA. L' Assessore conviene con le Federazioni Regionali FAI, FLAI e UILA sulla strategicità di un  Settore Forestale rilanciato e  trainante per l'Economia e lo Sviluppo della Regione e non  semplice contenitore di giornate lavorative. Tale rilancio passerà, oltre che da un corretto utilizzo delle risorse FAS e PAR-FAS che da qui a poco il Governo Nazionale dovrebbe sbloccare,  da un maggiore sfruttamento delle Risorse proprie (Biomasse, fruibilità e commercializzazione dei prodotti, turismo rurale ecc.).
C'è intesa tra le parti sul capitolo unico per gli O.T.I. da ripristinare prima possibile. L'Assessore ribadisce il massimo impegno degli Organi preposti per fare erogare nel più breve tempo possibile le spettanze dei mesi di Novembre Dicembre e la Tredicesima dello scorso anno.
Colonna Tripi e Pensabene reiterano all'Assessore D'Antrassi la richiesta di farsi portavoce con il suo Collega Sparma e soprattutto con il Presidente Lombardo, per un incontro risolutivo sulla piena applicazione dell'Accordo del  14 Maggio 2009, sia sul piano delle giornate lavorative e degli arretrati Contrattuali, sia soprattutto sul riordino della Legge del settore e del rinnovo del CIRL.
La prossima settimana si terrà un'incontro tra le Federazioni regionali e l'Assessore al Territorio e Ambiente G.M. Sparma, ed entro la prima decade di Febbraio l'incontro con il Presidente della Regione Lombardo.
Entro la prossima settimana, l'Assessore Sparma dovrebbe comunicare alle OO.SS., l'esito del quesito posto all'Ufficio Legislativo della Regione Siciliana sull'argomento della mancata liquidazione degli arretrati contrattuali conseguente  ad alcune   sentenze del TAR Sicilia. Secondo voci non ufficiali il Direttore Generale Tolomeo starebbe già predisponendo, come richiesto in precedenza dalle Federazioni di Categoria, la Circolare sulla liquidazione degli arretrati contrattuali di cui sopra.
- 28 gennaio 2011. Ieri nel corso di un incontro tra i rappresentanti della Flai-Cgil, della Fai-Cisl, della Uila-Uil, l'assessore regionale delle Risorse agricole e alimentari, Elio D'Antrassi, e l'assessore del Territorio e dell'ambiente, Calogero Gianmaria Sparma, si è compiuto un significativo passo avanti nella vertenza dei 28 mila lavoratori forestali della Sicilia. Ai lavoratori dell'azienda forestale in particolare, che in provincia di Trapani sono duemila (24 mila in tutta la Sicilia), sarà corrisposto, entro il prossimo 15 febbraio, il salario dei mesi di novembre e dicembre 2010. L'assessore delle Risorse agricole si è, altresì, impegnato a predisporre il piano per le giornate lavorative del 2011, che prenderanno il via prossimo marzo, che prevederà, come sottoscritto nell' accordo del maggio 2009 tra Regione e sindacati confederali, per i lavoratori a 78 giornate lavorative  il passaggio a 101 giornate, per i lavoratori a 101 giornate il passaggio a 151 e, infine, per i lavoratori a 151 giornate il passaggio a 180 giornate lavorative.
Per quanto riguarda, invece, i lavoratori forestali del servizio anti incendio, che in provincia di Trapani sono 550 (6 mila in Sicilia), che non hanno ancora percepito l'aumento contrattuale relativo al 2006-2008, l'assessore del Territorio e dell'ambiente ha assicurato che entro il 15 febbraio sarà erogato il 60 per cento delle somme arretrate. Inoltre è stato confermato il passaggio dei lavoratori  a 101 giornate lavorative a 151.Soddisfazione per  la volontà della Regione di attuare per il 2011 i termini dell'accordo del  maggio 2009 è stata espressa dal segretario provinciale della Flai-Cgil di Trapani, Salvatore Castronovo che, insieme ai rappresentanti della Fai-Cisl e della Uila-Uil, da anni si batte per difendere i diritti dei lavoratori forestali e porre fine ad una vertenza  che si trascina da anni.Gli assessori  Sparma e  D'Antrassi si sono, infine, impegnati a far si che sia varato un provvedimento legislativo che recepisca integralmente l'accordo del 2009 sottoscritto tra il presidente della Regione Raffaele Lombardo e i segretari della  Flai-Cgil, della Fai-Cisl, della Uila-Uil. “Finalmente – ha detto Castronovo – le lavoratrici e i lavoratori forestali ottengono il riconoscimento dei loro diritti. Adesso – ha concluso – attendiamo che l'accordo del 2009 diventi legge”.
- 6 aprile 2011. Presso l’IRF di Palermo si è svolto l’incontro tra FAI-FLAI e UILA di Palermo con il Dirigente Provinciale Dott. MARINO, il quale ci ha informati delle procedure di avviamento della campagna Antincendio 2011.Gli operai saranno immessi nei cantieri nei primi giorni di Maggio, inizialmente con i giorni previsti per la formazione e informazione, si procedere con alcuni lavori di preparazione  per arrivare alla fase di antincendio dal 15 Maggio circa. Le richieste saranno preparate per effettuare le 151 giornate così come previste dall’accordo del 14/05/2009.  
- 12 aprile 2011. Incontro con il Dipartimento Foreste. Abbiamo richiesto che i lavoratori temporaneamente indisponibili  al momento dell’avviamento, possono essere immessi al lavoro entro e non oltre 20 giorni, per un numero di giornate possibili fino alla chiusura dell’attività AIB.  
 Si è svolto, in data odierna, un incontro tra le Segreterie Regionali di FLAI-FAI e UILA e l'Arch. Tolomeo, Comandante del Corpo forestale della Regione Sicilia.
Dopo ampio dibattito ci è stato assicurato, da parte del Dirigente Generale, che si adopererà con il massimo dell'impegno affinchè i lavoratori dell'antincendio siano immessi in servizio già entro la fine di Aprile. E' stato inoltre ribadito, e confermato, che le richieste di avviamento anche se suddivise in più perizie, saranno predisposte nel pieno rispetto dell'Accordo del 14 maggio 2009 ( 151 giorni ), e che sono state superate le difficoltà di ordine finanziario. Considerato che giorno 14 aprile p.v., si svolgerà l'incontro con gli Assessori Agricoltura e Territorio, per il riordino della Legge, il rinnovo del CIRL e la verifica delle risorse finanziarie soprattutto per il Dipartimento Azienda, tale incontro sarà anche occasione per confermare quanto oggi discusso, anche in sede politica. A tal fine si ricorda e si raccomanda la partecipazione delle Delegazioni presso l'Assessorato Agricoltura per il giorno 14 Aprile.
Fraterni saluti.    

- 28 aprile 2011. Revocato lo sciopero dei lavoratori forestali indetto per giorno 29, a seguito di un serrato confronto tra i Segretari Generali Regionali e gli Assessori : Sparma e D'Antrassi, per definire il reperimento da parte del Governo delle somme che servono per  il pieno rispetto dell'accordo del 14 Maggio 2009, si è sottoscritto un verbale dove il Governo si è impegnato a mettere le somme occorrenti  nella manovra Finanziaria , che da subito si intraprenderanno tutte le procedure per revocare le sospensioni e per inviare le richieste per le assunzioni per le giornate previste dal suddetto accordo. Inoltre il Governo si è impegnato a convocare il tavolo per il CIRL, costituire il capitolo Unico per gli LTI, e non per ultimo l'attivazione di un tavolo tecnico per definire la riforma normativa del comparto, certamente continueremo a vigilare affinché gli impegni presi siano rispettati. 
18 aprile 2012. In esplicita richiesta delle OO.SS. L'Arch. Tolomeo, comunica di aver già provveduto ad assegnare le disponibilità finanziarie esistenti agli UPA e che si sta procedendo all'approvazione delle perizie pervenute. Si impegna a intervenire presso gli UPA acchè inoltrino ai competenti uffici del lavoro le richieste di avviamento nei prossimi giorni assicurando che i lavoratori forestali verranno immessi sul posto di lavoro contestualmente all'approvazione degli O.A. In ordine alle preoccupazioni espresse dalle OO.SS. Che gli operai raggiungano le giornate consolidate nel 2011, particolarmente per i 181nisti, il Comandante comunica che le perizie prevederanno l'effettuazione dell'attività lavorativa anche nel mese di agosto.
Sul CIRL l'Assessore si impegna a convocare d'intesa con l'Assessore al territorio il tavolo per la chiusura dello stesso, dato che la parte normativa è già stata definita in sede tecnica.

Per gli OTI il Comandante informa che sono stati già registrati il 30 marzo gli O.A. E che a giorni i lavoratori riceveranno gli emolumenti.
Si riserva di verificare presso gli organi competenti la questione relativa al mancato accredito dei contributi previdenziali a tutt'ora non versati.
L'Assessore D'Antrassi, infine, sulla nota inviata da FAI, FLAI e UILA sulle questioni connesse con la rappresentatività ed agibilità sindacale preso atto del problema, si riserva di emanare una nota di indirizzo all'amministrazione di riferimento.       
 02 ottobre 2012. Assessore Aricò: Abbiamo reperito i fondi per consentire ai lavoratori dell'antincendio di effettuare le 151 giornate. I fondi sono bloccati dal patto di stabilità, ma interverremo.
20 marzo 2013. Il Presidente Crocetta: I forestali saranno una risorsa. Link
11 aprile 2013. Assessore Cartabellotta: Qualora si reperissero ulteriori risorse la Regione farà ogni sforzo per aumentare le giornate di occupazione. Link
11 settembre 2013. Il Governo si impegna a riordinare il comparto forestale. Link
20 settembre 2013. Dall’assessore Lo Bello arriva un impegno rispetto ai forestali, (“non sono mangiapane a tradimento ma svolgono un lavoro importantissimo”) le cui funzioni vanno diversificate.
24 settembre 2013. Verbale di accordo tra Sindacati e Assessori al ramo. Link